Mattanza delfini in Danimarca
Grindadrap, la mattanza di delfini e balene nelle isole Faroe che si ripete ogni anno

“Grindadrap”, continua la mattanza di delfini e balene in Danimarca. Uccisi 1500 esemplari.

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il 12 settembre scorso in una località costiera delle isole Faroe, un arcipelago che fa parte del regno di Danimarca, si è svolto il consueto appuntamento annuale con quello che gli abitanti del luogo chiamano “Grindadrap”.

Una pratica antica che atavicamente veniva utilizzata per garantire cibo e grasso animale agli abitanti di queste fredde e inospitali isole affinché la popolazione superasse il lungo periodo invernale .

Ogni anno delfini e balene sono fatti convergere, con l’aiuto di imbarcazioni, in una battigia stretta e senza via di fuga per poi essere uccisi con colpi di mannaia e grossi coltelli.

Ha destato grande sdegno nell’opinione pubblica mondiale quanto è accaduto alcune settimane fa. Le immagini di questa terribile usanza hanno fatto il giro del mondo grazie ad un attivista di Sea Shepherd, che ha reso pubblico un terribile documento ripreso da una tv locale.

Ciò che ha destato grande sdegno è stata la sproporzionata entità del massacro.

1500 delfini della famiglia dei Lagenorinchi Acuti e decine di balene hanno perso la vita in quello che attualmente appare più un attività sportiva e folcloristica che una azione finalizzata al sostentamento umano.

Un massacro di questa entità non si era mai registrato in passato. Un atto di una crudeltà infinita che ha spinto animalisti, intellettuali, politici e addirittura il Presidente dell’Associazione Balenieri delle isole Faroe, Mr. Olavur Sjiurdarberg, a definire quanto avvenuto “un grande errore”.

Secondo la BBC sino allo scorso anno la quantità dei i delfini uccisi restavano nell’ordine di 35-40. Quest’anno si è andati ben oltre! Una vera mattanza inspiegabile e orrenda.

Lo stesso premier delle isole Faroe, Barour Nielson, ha dichiarato che “occorre rivedere alcuni aspetti di questa caccia poiché non è il delfino l’animale da catturare in questa pratica”.

Il 12 settembre la quantità di sangue sparso nell’acqua del fiordo di Eysturoy era talmente copioso che tutta la baia per oltre un kilometro è rimasta a lungo tinta del colore della vergogna.

Secondo Sea Shepherd questo rimane “uno dei più gravi e orrendi atti perpetrati dall’uomo ai danni della natura. Auguriamoci che già dal prossimo anno tale pratica venga ricondotta verso dimensioni che tengano conto della necessità dell’uomo di nutrirsi e dell’ecosistema di rigenerarsi.

Foto di Copertina: Osservatorio Artico

Ti può interessare > La storia di Roberto Zanda in un film. L’iron man sardo torna a correre

Walter Pilloni

Divulgatore Ambientale

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Pilloni

Avatar photo
Affermato Imprenditore, da anni porta avanti la missione di divulgatore ambientale. Laureato in Giurisprudenza, ha pubblicato centinaia di articoli su clima e ambiente, realizzato 3 libri e un programma tv. Per le sue frequentazioni dei mercati asiatici, è stato nominato Ambasciatore di Genova nel mondo. E' consigliere comunale di VINCE GENOVA.

Articoli simili

Che venga la notte

‟Questa storia è così spaventosa che per quanto non si usi più la parola mostro …

LiguriaDay