Xante Battaglia

In’side Art: Xante Battaglia

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

Amici lettori di Liguria Day oggi, per la nostra consueta rubrica dedicata all’arte, abbiamo un artista che vale la pena conoscere. Ha esposto in uno spazio espositivo originale ed innovativo, un mix che fa bene all’arte e agli appassionati; un mix dedicato alle donne protagoniste di questa umanità controversa e il cui valore l’arte cerca di mettere in luce attraverso bravi artisti come Xante Battaglia.

Xante, perdona per questo tono confidenziale verso di te, grande artista, ma prima di questa mostra non ti conoscevo. L’arte è tanto infinitamente importante quanto, viceversa, a livello globale sconosciuta.

Sembra assurdo ma io penso che in tutto il mondo si conosca l’arte ma non gli artisti. Se ne conosca il valore ma non i benefici; si conoscano le sue tante icone, seppur intrappolate in una esistenza sbiadita, cattiva e proiettata a grandi falcate verso un’iper-tecnologia troppo vicina alla fantascienza. Insomma  anche le icone superstar dell’arte diventano dei santini dimenticati nei portafogli dei nostri cuori, pertanto vicini al mondo dell’arte abbiamo sparpagliati gli appassionati, gli studenti, gli studiosi, i collezionisti e tutti coloro che con l’arte hanno le mani in pasta.

Ecco questa è gente che fa dell’arte la propria vita in esclusiva come un club ad ingressi limitati. Tutti gli altri, i comuni mortali, che diventano amanti occasionali da una botta artistica e via e allora di Xante Battaglia che dire?

Da un lato abbiamo i fruitori dell’arte dall’altro abbiamo gli artisti, i protagonisti senza i quali non esisterebbe questa fantastica visione che è l’arte e il mondo sarebbe come un bicchiere vuoto.

Per fortuna gli artisti sono molti ed io Xante, perdonami, non ti conoscevo. Sono andato a cercarti e ho capito che la tua missione è fare arte per tutti non per pochi privilegiati. Oh, no! A te non importa sederti su un piedistallo ma ami circondarti di gente che ammirando e godendo della tua arte migliori e guarisca dai mali quotidiani.

Nella tua arte c’è amore, colore, materia, la stessa che ogni giorno tocchiamo con mano, la tua pittura è calda come l’Estate e infuocata come la passione che nel corso della nostra vita non dovrebbe mai mancare.

La tua pittura è un linguaggio che tutti possono capire e se al primo impatto ci si sente disorientati è solo perché abbiamo perso l’abitudine al dialogo.

Voi direte: “ma perché l’arte è un dialogo?” Sì, lo è. E con questo artista è un confronto sincero, autentico; non alterato come quello della tv o di altri media.

Io Xante Battaglia, non ti conoscevo ma a Milano in una galleria che ha in sé qualcosa di straordinariamente diverso hai esposto le tue opere che la gente ha ammirato e abbracciato. Hai fatto entrare i visitatori nel tuo mondo, il nostro mondo perché tu sei uno di noi con la differenza che tu come un buon medico coscienzioso nel prescrivere la ricetta artistica ci hai guardato negli occhi e sorridendo ci hai preso per mano per tuffarci insieme nella magia del colore della tua arte.

Xante grazie infinite per averci indicato la strada. Con questa mostra svoltasi presso la Ian Art Gallery dal 10 al 23 Marzo 2024 hai esposto 26 opere a rappresentare la grandezza della donna in “L’universo femminile di Xante Battaglia. Mostra curata in maniera eccelsa da A.D. Iannotti coadiuvata da media partner: Art & Investments e Exit urban magazine in una cornice di pubblico attenta ed emotivamente coinvolta. 

La mostra si è svolta con il mese nel quale finisce l’Inverno ed inizia la Primavera. In esso principe è “l’8 Marzo” la giornata dedicata alla donna. In passato quanto se ne è parlato? Quanto se ne è scritto? Quanta musica e quanti film gli sono stati dedicati? E il futuro della donna quale sarà?

Xante, tu la vedi con profondo rispetto e l’hai raffigurata senza finzione, senza sensuali stratagemmi. Tu dipingendo con rabbia creativa hai sofferto insieme a lei i suoi drammi e le sue paure. Tu, Xante, stendendo la tinta hai urlato di dolore e le tue forti tonalità erano l’omaggio al coraggio e sacrosanto diritto delle donne ad essere pari se non superiore al genere maschile. Uomo ancora non hai capito che la donna è come te parte vitale ed imprescindibile di questo mondo?

Xante Battaglia con 26 opere ha preso a schiaffi la violenza, l’ignoranza, è tornato indietro nel tempo per riconoscere gli errori del passato, Dio quanto ha sofferto quest’artista che, esausto, è caduto in terra per rialzarsi più forte di prima sicuro del suo messaggio.

Xante Battaglia

Questa mostra è stata un successo e la gente intervenuta è uscita dalla Ian Art Gallery con negli occhi la vitalità espressa dal bravo artista e nel cuore la speranza che l’universo femminile di Xante Battaglia possa volare al di sopra della scelleratezza umana. 

Xante Battaglia continuerà la sua missione perché ha ancora tanto colore da stendere e la Ian Art Gallery ancora tanta arte da mostrare. Noi comuni mortali possiamo solo ringraziare, godere e imparare.

Grazie Xante, un artista vero che ha dipinto vere donne.

Tutte le foto sono state fornite da Ian Art Gallery

Ti può interessare leggere anche

In’side art: Marius Van Dokkum

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

ignoranza

Beata Ignoranza!

Mai come ai giorni di oggi in Italia le persone non vengono messe nella posizione …

LiguriaDay