Band of Susans
Copertina del magazine Psyche OutCopertina del magazine Psyche Out

Band of Susans “Love Agenda” 1989 Blast First

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Susan Stenger – basso, Susan Lyall – chitarra e Susan Tallman – chitarra, sono l’ossatura di questa noise band newyorkese, che vide tra le sue fila un giovanissimo, ma già carismatico, Page Hamilton, futuro leader degli Helmet come terza chitarra.

Love Agenda“, seconda prova della band, è un bellissimo spaccato di quelle sonorità che caratterizzeranno il suono futuro, all’insegna della sperimentazione e della ricerca più pura, in un vortice sonoro che ingloba le attitudini personali e la frustrazione quotidiana.

Questo lavoro è un un interessante percorso a tappe, “The pursuit of happiness” è la prima di questo viaggio nel mondo del noise, un escursus debordante di anomali paesaggi, tenuto insieme dalla voce “distante”, messa in secondo piano, di una Susan a piacimento.

La strumentale “Sin embargo” è ottima veemenza sonora, una cartolina catartica dalle tinte sfocate, ma intrinsecamente già pregna di quello che sarà il futuro sound degli Helmet.

L’album si conferma, quindi, come un vero manifesto e le altre tracce, da “Thorn in my side” a “Because of you“, passando per la trascinante “Hard Light“, sono tutti ottimi spunti di riflessione atti a coinvolgere l’ascoltatore, affinché possa comprendere la portata del progetto, al di là dell’attitudine musicale.

Nonostante le lezioni stilistiche dei coniugi Moore fossero già ampiamente applicate, questo lavoro fu accolto in maniera entusiasta per la vivacità creativa espressa, ponendolo in assoluto primo piano tra le produzioni del periodo. 

Nella versione cd, abbiamo la bonus track “Child of the moon, cover dei Rolling Stones, con pennellate noise che confermano ulteriormente la caratura di questo lavoro nella sua completezza.

La band andrà ancora molto lontano con altri lavori interessanti ed una John Peel Session all’attivo a dimostrazione che il solco era già stato tracciato ed il seme gettato, affinché altri gruppi potessero correre e raccogliere la loro eredità. 

Ti può interessare leggere anche

Uzeda, Quocumque Jeceris Stabit

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Silvano Pertone

Avatar photo
"Dio del rock ( e non solo...) fa' che resti sempre alternativo" Coinvolto per un decennio nel mondo dell'underground grazie alla mia fanzine, oggi guardo ad altre scene sempre alternative, in primis la mail art.

Articoli simili

Addio alle scene

L’addio alle scene del Maestro Luppi Musso ma “la musica continua”

Il momento della conclusione di un libro, a volte inatteso, a volte prematuro, è giunto. …

LiguriaDay