Il quartiere Coppedè

Il quartiere Coppedè: un viaggio nella fantasia e nell’arte di Roma

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Una scoperta delle storie e dei segreti che si celano dietro le sue opere eclettiche e fantasiose.

Il quartiere Coppedè è uno dei luoghi più affascinanti e originali di Roma. Un’isola di fantasia e di arte nel cuore della città eterna.

Non è un vero e proprio quartiere ma piuttosto un complesso di edifici situati nel quartiere Trieste.

Prende il nome dal suo ideatore e progettista, l’architetto fiorentino Gino Coppedè, che lo realizzò tra il 1915 e il 1927, anno della sua morte.

Il progetto venne ultimato dal suo collaboratore Paolo Emilio Andrè.

Esempio di eclettismo architettonico, mescola stili diversi e contrastanti: il liberty, il barocco, il gotico, il medievale, il greco, il manierista e il decò.

Il risultato è una sorta di scenografia teatrale, ricca di dettagli, simboli, decorazioni, colori e materiali.

Image from Atlas Obscura

É composto da 18 palazzi e 27 villini intorno al nucleo centrale di piazza Mincio, dove si trova la Fontana delle Rane, ispirata alla Fontana delle Tartarughe.

Tra gli edifici più notevoli del quartiere si possono citare:

I Villini delle Fate, quattro ville, caratterizzati da una torretta con un orologio e da una facciata decorata con motivi floreali, animali e mitologici.

Sono dedicati a quattro paesi: Italia, Francia, Svizzera e Inghilterra.

I Palazzi degli Ambasciatori, due palazzi gemelli che si trovano all’ingresso del quartiere, collegati da un grande arco che richiama gli archi di trionfo romani.

Su di esso si trova una scultura raffigurante un elefante che regge una torcia, simbolo di forza e saggezza. I palazzi sono decorati con stemmi, statue, bassorilievi e mosaici.

É decorato con elementi geometrici, astratti e orientali, e presenta una torre merlata e una loggia con colonne.

A differenza di altri palazzi di Via Dora, il Palazzo del Ragno è così chiamato per la presenza di un ragno stilizzato sulla facciata, tutto sommato simbolo della creatività di Gino Coppedè.

Image from Funweek

Presenti il Palazzo del Fiore, il Palazzo delle Meraviglie, il Palazzo del Sole e della Luna, il Palazzo della Musica, il Palazzo degli Uccelli, il Palazzo delle Stelle, il Palazzo dei Sogni e il Palazzo delle Fate, che testimoniano la ricchezza di immaginazione e di creatività di Coppedè.

Coppedè è un luogo da scoprire e da ammirare.

Testimonianza di un’epoca e di un’arte che hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia e nella cultura di Roma.

Ti può interessare leggere anche

Il Romanticismo inglese a Roma: la Keats-Shelley Memorial House

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Rita Ferranti Noviello

Avatar photo
Rita F. Noviello autrice di libri (scrittrice è troppo impegnativo) dal 2005. Cresciuta a Genova fino all’età di sedici anni da genitori pugliesi, dopo aver vissuto per un periodo a Manfredonia, attualmente vive a Roma dove collabora con un’associazione di promozione sociale come mediatrice culturale specializzata in lingua francese. Vincitrice di vari premi letterari, uno dedicato proprio alla “sua” Genova, al suo attivo ha la pubblicazione di cinque libri di narrativa e due di poesia. Collabora inoltre con una casa editrice romana per la quale pubblica racconti brevi. Altra sua grande passione, quella radiofonica che le ha permesso di presentare anche spettacoli di piazza, passione che ora sta trascurando per continuare a scrivere e pubblicare le sue opere. Appassionata di storia, tradizioni e culture di tutta Italia ama far scoprire a chi la circonda curiosità e aneddoti di vario genere.

Articoli simili

Appassionati di true crime segnate : Canti di guerra, di Stefano Nazzi

Delle loro storie racconta il giornalista del Post, come solo lui sa fare. Ci riporta …

LiguriaDay