Museo del bosco
Museo del bosco

Tra gli alberi della foresta un Museo dedicato al bosco

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

Un museo tra gli alberi, tanti alberi. Non ci sono teche o lunghi corridoi illuminati, eppure anche qui si racconta una storia che parte da lontano per arrivare ai giorni nostri, tra attrezzi antichi e moderni oggetti di design.

Sono tornata al Lago delle Lame di Rezzoaglio per visitare il Museo del Bosco del Parco dell’Aveto. Un allestimento permanente nel cuore della foresta che illustra il legame che da sempre lega l’uomo alla risorsa legno e il fondamentale ruolo che questa ha per la vita del bosco stesso.

Museo del Bosco Rezzoaglio

La “porta” del Museo del Bosco dà accesso alla sezione che più entusiasma i bambini, un percorso tra ponticelli e rii, curiose sculture di animali e grandissime matite colorate, a ricordarci il rapporto quotidiano che abbiamo con il legno.

Il bosco, apparentemente quieto, è in realtà una “casa” affollata da tante specie animali. Lo scopriamo passo dopo passo lungo il sentiero dedicato alle tracce e alle tane.

Museo del Bosco Rezzoaglio
La via delle tracce

 

Impronte piccole e grandi da riconoscere, fatte che segnalano il passaggio di animali, buche, cavità negli alberi e nidi che possono ospitare il variegato popolo della foresta.

E poi c’è il sottobosco, su cui si depositano gli aghi delle conifere, le foglie, i piccoli frutti legnosi che arricchiscono il suolo di sostanze organiche, assicurando la vitalità dell’ambiente forestale. Ma che possono anche diventare riparo o nutrimento per la piccola fauna di insetti e invertebrati.

La presenza di diversi alberi condiziona le caratteristiche del fondo forestale: aghi o foglie, pigne o frutti legnosi, pezzi di corteccia.

È divertente scoprirne la diversa consistenza in un piccolo percorso sensoriale che si può fare anche a piedi nudi!

Qui c’è anche il cimitero degli alberi, un esempio di buona pratica forestale del “legno morto” che ho già osservato durante la visita alla Riserva Naturale Orientata delle Agoraie.

Museo del Bosco Rezzoaglio
Il cimitero degli alberi

 

È una tecnica di gestione sostenibile che lascia nel bosco alberi morti, vecchie ceppaie e qualche catasta di legno tagliato perché possano essere un rifugio per la piccola fauna. Ma rappresentano anche un microhabitat indispensabile per la sopravvivenza di insetti e funghi, che proprio nel legno trovano nutrimento.

Il “legno morto” dunque è fonte di vita per l’intera foresta.

Che attraverso questo lento e continuo processo di degradazione mantiene un’elevata biodiversità.

Nella ex casermetta forestale, il Parco ha allestito un’esposizione multimediale dedicata al legno come risorsa economica, attraverso i diversi utilizzi che hanno accompagnato l’evoluzione dell’uomo. E scopro alcune curiosità legate alla storia locale.

Museo del Bosco Rezzoaglio
La Casermetta Museo

 

Sapevate che i remi delle galee della Repubblica di Genova venivano realizzati con il legno di faggio proveniente dai boschi della Val d’Aveto?

Uno dei primi esempi di filiera produttiva che collegava l’entroterra al mare.

Un legame, quello tra le foreste dell’Appennino e la costa, che ritroviamo anche in un oggetto di design unico conosciuto e apprezzato in tutto il mondo: la Sedia di Chiavari.

sedia chiavari
La Sedia di Chiavari

 

Questa straordinaria creazione artistica di inizio ottocento del Campanino viene realizzata con legno proveniente preferibilmente dai boschi e dalle foreste dell’Appennino ligure, come indicato dal disciplinare di produzione.

Museo del Bosco Rezzoaglio
Come nasce una Chiavarina

Ancora oggi gli artigiani chiavaresi scelgono con cura il legname locale da tagliare e stagionare per poi plasmare la Chiavarina.

Capolavoro di leggerezza e solidità che, pur nell’evoluzione delle linee, mantiene inalterate le tecniche costruttive originarie.

All’interno della capanna degli attrezzi invece è raccolta una collezione di oggetti antichi appartenenti alla tradizione rurale, utilizzati per la lavorazione del legno e per il suo trasporto.

Capanna degli attrezzi
La capanna degli attrezzi

L’esposizione all’aperto del Museo del Bosco si completa con la sezione dedicata all’impiego del legno per la produzione di energia, dalle biomasse legnose al carbone.

Carbonaia
La carbonaia

 

Troviamo anche la replica di un’antica carbonaia e un modellino che spiega le tecniche di accatastamento della legna e le diverse fasi del processo di cottura.

Proprio qui qualche anno fa, in occasione dell’inaugurazione del Museo, ho assistito alla ricostruzione di questa antica pratica di trasformazione della legna in carbone, ad opera di boscaioli locali che hanno formato la montagnola, con il suo camino centrale e gli sfiati laterali.

Il Museo del Bosco è accessibile tutto l’anno negli spazi esterni, condizioni meteo e innevamento permettendo. Nel periodo estivo, da fine giugno a inizio settembre, il Consorzio “Una Montagna di Accoglienza nel Parco” ne cura l’apertura dal venerdì alla domenica, con visita agli allestimenti interni  e percorsi guidati.

Lago delle Lame
Area picnic al lago delle Lame

 

E dopo un giro al Museo si può sostare per un picnic, utilizzando i tavoli a disposizione vicino al Lago delle Lame, o partire per un’escursione lungo i sentieri del Parco.

L’area del Museo è raggiungibile in auto, lasciandosi alle spalle il capoluogo Rezzoaglio e proseguendo lungo la SP in direzione Santo Stefano d’Aveto.

(Tutte le foto sono di Claudia Fiori, ad eccezione della Sedia di Chiavari di Marina Bò)

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Claudia Fiori

Avatar photo
Genovese solo a metà, ho i piedi in riva al mare, ma la testa e il cuore in montagna. Ho chiuso la laurea in chimica in un cassetto e il mio laboratorio è diventato il territorio. Mi occupo di progetti per sviluppare il turismo rurale, promuovere l'entroterra ligure con le sue storie e i suoi personaggi, valorizzare un patrimonio poco conosciuto e sorprendente di natura, tradizione, cultura.

Articoli simili

Turismo Genova Lonely Planet

Turismo, Genova protagonista della settima edizione “Lonely Planet Ulisse Fest 2024”

Sarà una vetrina di assoluto prestigio per il progetto di “Genova 2024 Capitale Europea dello …

LiguriaDay