Raid russo a Kiev: colpito anche un ospedale pediatrico
©Unicef Italia

Raid russo a Kiev: colpito anche un ospedale pediatrico

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Continua il tragico spargimento di sangue in Ucraina, con almeno 36 morti e oltre 130 feriti a Kiev a causa di un improvviso raid delle forze russe. Tra le strutture colpite anche l’Istituto Okhmatdyt, ospedale pediatrico in cui un missile avrebbe ucciso 27 persone, ferendone circa un centinaio. Mentre l’Unione Europea e gli Stati Uniti continuano ad accusare Mosca per crimini di guerra, il Cremlino ribatte sostenendo che i danni sarebbero stati causati da un razzo della contraerea ucraina.

Al di là di accuse e intrighi internazionali, questo infinito braccio di ferro continua a tenere sotto scacco il mondo intero e a macellare vittime innocenti in una terra che difficilmente rivedrà a breve tempi migliori. Mentre l’offensiva russa sembra intensificarsi nuovamente, il tempo e la strenua resistenza delle truppe ucraine, così come le sorti del mondo come lo conosciamo ora, appaiono drammaticamente sempre più appese ad un filo.

Nel frattempo, dopo aver incassato dallo zar in persona un secco no ad ogni ipotesi di tregua, il premier ungherese Orban ha raggiunto Xi a Pechino nel tentativo di portare a termine la sua itinerante “missione di pace 3.0”. Europa e USA osservano l’evolversi della situazione e, tra i mille risvolti delle diverse campagne elettorali e le non trascurabili divisioni interne, studiano il da farsi.

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Alessandro Gargiulo

Avatar photo
Anacaprese trapiantato prima ad Udine e poi a Genova, coltivo la passione per la scrittura e il giornalismo fin da piccolo. Come un vero e proprio girovago, sono giunto in città per frequentare il corso di Informazione ed Editoria ed inseguire il mio sogno. Autentico malato di calcio, ho la fortuna di poter raccontare lo sport su LiguriaDay. Mix vincente tra Cannavacciuolo e Adani, spero in una carriera in cui potermi occupare soprattutto di calcio femminile.

Articoli simili

Operazione antidroga Savona

Spacciatore in scooter senza casco: il crimine non paga

GENOVA – Un giovane di 25 anni, pensando forse di dare meno nell’occhio, ha scelto …

LiguriaDay