La fontanella degli innamorati
Foto di Roma.vistanet.it

La fontanella degli innamorati

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Roma è una città conosciuta in tutto il mondo per la sua storia, la ricchezza artistica, ed è anche molto romantica.

Sono svariati infatti i luoghi magici e romantici che la città offre. Non tutti conoscono però le varie leggende che ruotano a Roma sugli innamorati.

Una di queste riguarda un luogo in pieno centro proprio accanto alla Fontana di Trevi e possiamo nominarla: “La fontanella degli innamorati”

La Fontana degli Innamorati infatti, si trova sul lato destro della Fontana di Trevi ed è costituita da 2 semplici cannule che incrociano i loro getti d’acqua prima di riversarli nella vasca in pietra sottostante.

L’architetto Nicola Salvi, commissionato da Papa Clemente XII per progettare la Fontana di Trevi, ha inserito queste due cannule per permettere alle persone di accedere all’acqua pura e salutare dell’Acquedotto dell’Acqua Vergine, altrimenti inaccessibile.

All’origine della leggenda della Fontanella degli Innamorati c’è un rito che veniva fatto in passato dalle coppie degli innamorati, il cui ragazzo si sarebbe dovuto allontanare per qualche tempo dalla città e dunque anche dalla sua dolce metà. I motivi erano i più disparati, tra questi il servizio militare.

La leggenda vuole che la ragazza desse da bere al fidanzato l’acqua della fontanella con un bicchiere che poi rompeva. Un gesto attraverso il quale si credeva che l’uomo rimanesse per sempre legato alla propria donna. E a distanza di tempo le coppie, ripercorrendo i passi della leggenda, continuano a bere dalla fontanella.

I due getti d’acqua sono stati progettati per consentire alle donne romane di riempire più rapidamente i contenitori d’acqua, inoltre, la disposizione delle cannule, ha anche un grande valore simbolico, riferito alle due colombe bianche che si abbeverano alla fonte. Sono un riferimento alla simbologia cristiana, dove rappresentano le anime cristiane assetate che si abbeverano alla grazia di Dio.

Molte coppie ancora oggi, dopo aver visto Fontana di Trevi, vanno a dissetarsi alla fontanella adiacente magari sperando che la leggenda abbia un fondo di verità…

Sarà davvero cosi? 

Foto di copertina: Roma.vistanet.it 

Ti può interessare leggere anche

Dal Colosseo moderno al polo creativo: il Gazometro tra passato e presente

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Andrea Ventura

Avatar photo
Andrea Ventura, romano, psicologo per vocazione, musicista per passione. Curioso della vita e attento osservatore di tutto ciò che lo circonda, in particolar modo della sua amata città

Articoli simili

Un’analisi della basilica di Santa Cecilia in Trastevere, una delle più antiche chiese di Roma, che racconta la storia, l’arte e la leggenda di una martire cristiana.

La Basilica di Santa Cecilia in Trastevere

Una delle più antiche chiese di Roma, dedicata alla martire cristiana patrona dei musicisti. Tra storia, arte e leggenda di Santa Cecilia. Un viaggio nella memoria e nella bellezza di questo luogo sacro, testimone di una tradizione millenaria.

LiguriaDay