Musica e danza nell'Antica Grecia
Foto di https://musicadventure.altervista.org/

La musica e la danza ai tempi dell’Antica Grecia

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

La musica dell’Antica Grecia, con i suoi strumenti e il famoso ballo Sirtaki immortalato nel film “Zorba il Greco, è un affascinante aspetto della cultura ellenica.

Gli strumenti musicali dell’antica Grecia erano principalmente a corde, a fiato e a percussione.

Il Sirtaki è una danza che incarna lo spirito della Grecia moderna pur non essendo radicata nell’antica tradizione greca.

La sua creazione per il film “Zorba il Greco” nel 1964, con la memorabile colonna sonora di Mikis Theodorakis, ha contribuito a renderla un’icona della cultura greca nel mondo.

Contrariamente alla credenza comune, il Sirtaki non è una danza tradizionale, ma è stata coreografata appositamente per il film. La danza combina elementi delle danze greche tradizionali, come il Hasapiko e il Zeibekiko.

Il Hasapiko, originario dei macellai di Costantinopoli, è caratterizzato da passi calmi e controllati, mentre il Zeibekiko, con radici nell’antica danza dei guerrieri, è più libero e improvvisato.

Ciò che rende il Sirtaki unico è il suo ritmo crescente. La danza inizia lentamente e poi si accelera progressivamente, creando un crescente senso di eccitazione e coinvolgimento. I danzatori si tengono per le spalle formando una linea o un cerchio, simboleggiando unità e comunità. Man mano che la musica si intensifica, i movimenti diventano più energici e appassionati, culminando in un finale esuberante.

Il Sirtaki è quindi più di una semplice danza; è un’espressione di gioia, vitalità e resilienza del popolo greco.

La sua popolarità mondiale si deve sia al suo ritmo coinvolgente che alla sua capacità di unire le persone in una celebrazione della vita, riflettendo lo spirito indomito e appassionato della Grecia.

Altro aspetto interessante da sapere è che gli strumenti musicali dell’antica Grecia erano principalmente a corde, a fiato e a percussione.

Tra gli strumenti a corde, la lira e la cetra erano i più popolari. La lira, considerata lo strumento di Apollo, aveva una cassa di risonanza e corde tese tra un ponte e una traversa. La cetra, simile alla lira ma più grande, era spesso associata con l’insegnamento e la filosofia.

Gli strumenti a fiato includevano l’aulos, un tipo di flauto doppio, e la syrinx, o flauto di Pan. L’aulos era particolarmente usato in contesti religiosi e cerimonie, mentre la syrinx era più associata alla musica pastorale.

Per quanto riguarda gli strumenti a percussione, il tamburo a cornice, conosciuto come tympanon, era comune e spesso veniva usato in cerimonie religiose e feste.

Foto di copertina di MusicAdventure

Ti può interessare leggere anche

Il Violino: L’Anima della Musica

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Maestro Alberto Luppi Musso

Avatar photo
Alberto Luppi Musso classe 74 nasce a Genova, ma è di origini mantovane da parte della madre che gli ha trasmesso la grande passione per la melodia del pianoforte. Da vent’anni compone brani e da circa trenta insegna pianoforte, composizione e teoria. Ha ricevuto premi a livello nazionale per musica e live. Sta realizzando il suo sogno, un musical dedicato a San Francesco.

Articoli simili

Musica, il ritorno al vinile: qual è l’impatto ambientale?

Musica, il ritorno al vinile: qual è l’impatto ambientale?

Sembrava destinato alla scomparsa, invece il vinile è tornato a dominare il mercato musicale. Anche …

LiguriaDay