Spezia Pride 2023

Parte la marcia verso lo Spezia Pride 2023

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

LA SPEZIA – Comincia la lunga marcia del “La Spezia Pride 2023”. Con presentazioni di libri, dibattiti, teatro, concerti. Un mese intenso, che porterà alla “Parata” del 17 giugno; la manifestazione conclusiva, anche quest’anno, dopo il grande successo di partecipazione ottenuto il 2022, partirà dalla centrale Piazza Brin della città dell’Arsenale.

Intanto nelle ultime ore è stata attivata la raccolta fondi utile a sostenere il cartellone di manifestazioni pubbliche: “Lotta insieme a noi per il Pride”. Per aderire basta visitare il sito laspeziapride.it e scoprire le modalità da seguire per effettuare la donazione economica.

Mentre il cuore dell’evento è per le date di 15-16-17 di giugno, l’elenco delle date che precedono i momenti di chiusura è molto lungo.

Si partirà, infatti, dal 13 maggio col party d’apertura “Esagerat@” che si terrà allo Shake Club con Daphne Bohemien, Minnie Bombay e Zigghy Stardust.

Il 18 maggio sarà la volta della presentazione del libro “Poliamore” alla libreria spezzina Liberi Tutti. Il 19 maggio cena e musica all’Arci Baccano sopra Arcola. I giorni seguente si terranno i talk organizzati dalle femministe del gruppo “Non una di meno”: “Ma fammi il piacere”. Quindi il 21 maggio ci si sposterà a Carrara, al Caffé Gramsci per la presentazione del libro e concerto di Cristian Kosmonavt Zinfolino, “Made il URSS”.

Il 25 maggio si tornerà alla libreria Liberi Tutti per la presentazione di “Trauma”, di D. Bohemien. Il 27 maggio sarà la volta del Poetry Slam, gara di poesie ospitata dal Nob di Sarzana.
Il 2 giugno, esposizione banchetti e concerto all’Arci Canaletto della periferia di La Spezia, dove il giorno successivo sarà la volta di workshop e talk “Grass”. L’11 giugno, sempre più vicini alla sfilata, all’Arci della Querciola di Castelnuovo Magra infine il “T-Talk” con Jessica J. Genesi.

NUNZIO FESTA

Ti può interessare leggere anche

La Geo Barents torna a La Spezia con 336 migranti a bordo

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Nunzio Festa

Avatar photo
Nato a Matera, ha vissuto in Lucania, a Pomarico, poi in Lunigiana e Liguria, adesso vive in Romagna. Giornalista, poeta, scrittore. Collabora con LiguriaDay, L'Eco della Lunigiana, Città della Spezia, La Voce Apuana e d'altri spazi cartacei e telematici, tra i quali Books and other sorrows di Francesca Mazzucato, RadioA, RadioPoetanza e il Bollettino del Centro Lunigianese di Studi Danteschi; tra le altre cose, ha pubblicato articoli, poesie e racconti su diverse giornali, riviste e in varie antologie fra le quali: Focus-In, Liberazione, Mondo Basilicata, Civiltà Appennino, Il Quotidiano del Sud, Il Resto. Per i Quaderni del Bardo ha pubblicato “Matera dei margini. Capitale Europea della Cultura 2019” e “Lucania senza santi. Poesia e narrativa dalla Basilicata”, oltre agli e-book su Scotellaro, Infantino e Mazzarone e sulle origini lucane di Lucio Antonio Vivaldi; più la raccolta poetica “Spariamo ai mandanti”, contenenti note di lettura d'Alessandra Peluso, Giovanna Giolla e Daìta Martinez e la raccolta poetica “Anatomia dello strazzo. D'inciampi e altri sospiri”, prefazione di Francesco Forlani, postfazione di Gisella Blanco e nota di Chiara Evangelista. Ha dato alle stampe per Historica Edizioni “Matera. Vite scavate nella roccia” e “Matera Capitale. Vite scavate nella roccia”; come il saggio pubblicato prima per Malatempora e poi per Terra d'Ulivi “Basilicata. Lucania: terra dei boschi bruciati. Guida critica.”. Più i romanzi brevi, per esempio, “Farina di sole” (Senzapatria) e “Frutta, verdura e anime bollite” (Besa), con prefazione di Marino Magliani e “Il crepuscolo degli idioti (Besa). Per le edizioni Il Foglio letterario, i racconti “Sempre dipingo e mi dipingo” e l'antologia poetica “Biamonti. La felicità dei margini. Dalla Lunigiana più grande del mondo”. Per Arduino Sacco Editore “L'amore ai tempi dell'alta velocità”. Per LietoColle, “Dieci brevissime apparizioni (brevi prose poetiche)”. Tra le altre cose, la poesia per Altrimedia Edizioni del libro “Quello che non vedo” (con note critiche di Franco Arminio, Plinio Perilli, Francesco Forlani, Ivan Fedeli, Giuseppe Panella e Massimo Consoli) e il saggio breve “Dalla terra di Pomarico alla Rivoluzione. Vita di Niccola Fiorentino”. Per Edizioni Efesto, “Chiarimenti della gioia”, libro di poesie con illustrazioni di Pietro Gurrado, note critiche di Gisella Blanco e Davide Pugnana. Per WritersEditor, la biografia romanzata “Le strade della lingua. Vita e mente di Nunzio Gregorio Corso”. Per le Edizioni Ensemble, il libro di poesie “L'impianto stellare dei paesi solari”, con prefazione di Gisella Blanco, postfazione di Davide Pugnana e fotografie di Maria Montano. nunziofesta81@gmail.com.

Articoli simili

28enne muore annegato a Lerici

Annega 28enne, ipotesi malore

Si è appena concluso un weekend drammatico per la Liguria. Dopo la tragica morte del …

LiguriaDay