mostra Bibi Lodi
Teche espositive alla mostra di Bibi Lodi

Una mostra per Bibi Lodi, ingegnere amico di scrittori

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Genova, fino al 16 marzo, di fronte alla Stazione Principe in via Balbi 40, nell’atrio della Biblioteca Universitaria in quello che nella seconda metà del secolo scorso fu l’Albergo Colombia, il più lussuoso e “vip” della città, è ospitata una breve ma intensa mostra dedicata a un interessante personaggio, benché poco conosciuto, che non era genovese ma ebbe legami culturali ed emotivi con la Liguria.

La mostra ha per titolo “Lettere a un amico. Bibi Lodi, gli scrittori e la Liguria” e offre uno sguardo sul mondo – poco conosciuto dal grosso pubblico – della Sanremo culturale degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso.

E’ curata dalla figlia del protagonista, Letizia Lodi, nata a Sanremo, raffinata storica dell’arte con un lungo e variegato curriculum che spazia tra la Galleria di Palazzo Reale a Genova alla Pinacoteca di Brera a Milano.

Locandina della mostra su Bibi Lodi

Si chiamava Filiberto Lodi; Bibi era il suo soprannome, datogli dal suo concittadino e amico Giorgio Bassani. Era nato a Ferrara nel 1916, si era formato culturalmente tra Ferrara, Padova e Bologna e durante gli anni più bui della guerra aveva dovuto riparare in Svizzera a causa della sua amicizia con intellettuali ebrei o antifascisti.

Nella sua non lunga vita – morì improvvisamente nel 1977, a 61 anni di età – visse anche nella Riviera Ligure, trasferendosi nel 1955 a Sanremo, pur mantenendo i contatti con la sua Ferrara e con i numerosi amici scrittori e artisti sparsi per l’Italia.

Alcune foto in esposizione sull’amicizia con Florenzano Vancini

A prima vista può sembrar curioso che fosse amico di alcuni grandi letterati e artisti del dopoguerra, perché era un ingegnere.

Ma era un ingegnere “strano”, un ingegnere intellettuale e sognatore, contrario alla speculazione edilizia che negli anni Cinquanta e Sessanta imperversò in tutta Italia (e a Sanremo in modo intenso, direi in modo offensivo verso la bellezza del paesaggio e della città).

Niente di strano quindi che sia entrato in amicizia con Italo Calvino, che della speculazione edilizia fece nel 1957 il soggetto – negativo – di un suo celebre romanzo breve.

Italo Calvino scrisse queste parole su Bibi Lodi: “..Filiberto, che sempre mi accompagna con il suo passo tranquillo e tranquillizzante, il suo interesse per il prossimo, la sua leggerezza…

Foto in esposizione sull’amicizia di Lodi con Italo Calvino e Tommaso Landolfi

Lodi morì, come detto, improvvisamente nell’ottobre 1977 senza lasciare un archivio ordinato delle numerose testimonianze delle sue amicizie umanistiche. Testimonianze che comprendono lettere personali, fotografie, cartoline postali, libri con dedica, quadri, dipinti, disegni, in gran parte esposti nella mostra.

Vi si trovano i nomi di scrittori quali Italo Calvino, Giorgio Bassani, Eugenio Montale, Mario Soldati, Graham Greene e di disegnatori e pittori quali Alberto Giacometti, Gian Antonio Porcheddu, Arturo Tosi, Graham Sutherland.

La mostra propone ai visitatori molto materiale di questo “archivio disordinato” di Bibi Lodi, a cui aggiunge la visione di alcune video interviste con alcuni artisti e scrittori quali il poeta Giuseppe Conte e il figlio di Mario Soldati, Wolfango.

Bene ha fatto la figlia Letizia a impegnarsi nell’opera di riordino dell’archivio paterno e a presentare i frutti del suo lavoro in questa mostra genovese, cui seguirà una guida breve e un catalogo.

La mostra, negli auspici della curatrice, si sposterà poi in altre città – come Sanremo… – in cui l’ingegnere sognatore ha vissuto e ha costruito amicizie e ha diffuso pensiero e cultura.

http://www.bibliotecauniversitaria.ge.it/it/

Ti può interessare leggere anche

Capitale italiana del libro, Genova finalista

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Gianni Dall'Aglio

Avatar photo
Genovese, per ragioni familiari divido (anzi, raddoppio) la mia vita tra Genova e Sanremo. Dopo la laurea in Geologia ho lavorato all’Università di Genova ma da più di vent'anni collaboro con case editrici locali e nazionali come autore di libri, guide, articoli su turismo, storia, arte e scienze; sono Direttore Responsabile del Gazzettino Sampierdarenese, socio del Club per l'UNESCO di Sanremo e delegato regionale del FAI, Fondo Ambiente Italiano. La mia famiglia comprende anche cinque gatti e un numero quasi incommensurabile di alberi di bosco e piante da giardino.

Articoli simili

Turismo balneare a rischio: l’allarme arriva alla Meloni

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia UE che ha legittimato gli espropri al termine …

LiguriaDay