Babbo Natale teatro

Babbo Natale al cinema come fosse al teatro

Condividi su
Tempo di lettura: 3 minuti

Recensione fantasiosa di una vera opera teatrale interpretata in dialetto Romanesco
di Walter Festuccia

 

Ohhhhh! Le feste dè Natale sò tanto belle ma pè mè è n’vero stress, finalmente ho finito er turno mio serale ar centro commerciale, stà mezza piotta ar giorno pè vèstìmme da babbo Natale e poi famme fòtògrafà da tutti sò proprio sòrdi benedetti e mò eccome quà a bordo della 500 mia pè ritòrnà a casa spojamme e famme dù spaghetti ar volo. Arzo er manettino dell’aria, giro a’ chiave dell’accenzione, tiro l’artra levetta pè la messa n’moto e brooom, brooom sgommo che è nà bellezza, certo che stà machina nun è moderna però mè piace e mò vestito da babbo Natale tutti mè guardèno curiosi, azz! La machina è rossa, io sò vestito dè rosso e cò la benzina stò pure a rosso fisso, ar primo benzinaro me fermo. sarò pure babbo Natale ma mica posso fà miracoli n’fatti la 500 senza bumba nun carbura, ecchela là mò borbotta, zoppica, sobbarza, cazzo sè stà pè fermà sò rimasto a secco a’ butto a folle, che culo mè trovo sù Viale Reggina Margherita, vedo n’cancello aperto pè istinto mè cè ficco, sò arivato a vela mè parcheggio n’dò capita mortacci nun cjo mica artèrnàtive, mejo quà che n’mezzo alla strada. Ma n’dò mè trovo? Bella stà palazzina, chi sà sè adesso mè presteno na tanichetta pè fà rifornimento. Entro e vado a chiede, dè fori sù nà targa cè stà scritto “Anica” Anica? Ma sarà la sede dè là celebre associazzione? Vabbè speramo che dentro trovo quarcheduno che mè dà na mano.

Er marcapitato sale le scale, sè guarda n’torno ma nun vede nisùno, er Santa Claus dè noantri è perplesso e ner silenzio che lo circonda dentro le froce dèr naso jentra n’profumo n’tenzo, n’tenzo ma bono, lui segue a’ scia, cammina cammina sembra quasi ipnotizzato, volete sapèè che profumo è? Volete sapè n’dò lo porterà? Nun abbiate paura seguitece e lo scopriremo n’zieme, n’tanto Babbo Natale stà così n’bambolato che nun sè renne conto che è sceso sotto dè tre piani.

-Ciao babbo Natale
-Ah! Meno male che cè stà quarcuno, chiedo scusa sò rimasto senza benzina cò la machina e m’è toccato a parcheggialla qua da voi, mica cjavreste dà m’prestamme nà tanichetta, na boccia, n’secchio pè annà dar benzinaro che dopo vè là riporto?
-Boh? Forse sì ma prima le farebbe piacere entrare?

Lui chi è? E’ un tizio sulla cinquantina, cicciotello, n’testa n’cappello dà cow boy e dù baffetti da sparviero (omaggio a Gianfranco D’Angelo) er soriso è ammaliante e cò n’gesto accomodante fà entrare Babbo Natale in una sala vuota.

-Ma questa è nà sala cinematografica?
-Sì, bella vero? La prego sediamoci stà pè inizzià lo spettacolo.
-E’ mejo tojese er cappello?
-Ma no tènèmòsèlo pure.

Buio n’sala, scoreno i primi titoli dè testa “Roma non abbozza” scritto da Claudio Oldani pè la regia dè Paolo Battisti.

-Babbo Natà, Dàmose der tù, adesso nun mè fà domanne vedrai che tè piacèrà.

La storia che adesso stà pè esse proiettata è ambientata a Roma nel 1867, tutto sè svòrge sù nà piazzetta come tante artre, dà nà parte cè stà a fùntanella, davanti la facciata dè na casa poi n’portone, nà finestra e n’osteria fori della quale dù botti dè vino sedie e n’tavolino.

A quer tempo c’era n’fermento dè cambiamento e li giovani n’zieme a lì garibbaldini vòlevano aribbellasse ar potere temporale, er popolo fatto dè gente semplice, onesta e dè gran còre scrisse paggine dè storia senza che nisuno jabbia mai fatto n’monumento o n’ricordo alla memoria, solo a gente dè lì rioni sapevano le cose come erano veramente ite e omìni, donne, vecchi e regazzini passata a buriana hanno giorno dopo giorno fatto Roma come la conoscemo adesso e mentre l’anni passavano la storia cambiava eccoce arivati ai primi der ‘900 er popolo è sempre lo stesso e pure a gente che comanna nun sempre fa della giustizia regola de vita, questo mica è giusto ma lì Romani cjanno fede e tirano avanti senza abbozzà perfino ner momento più buio e assurdo dè la storia dell’umanità quello ner ‘44 della seconda guera e così l’osteria diventa n’forno, er tranviere perde er lavoro pè nun fasse a tessera der partito, n’fjo parte n’guera perchè cor padre nun sè capisce sàrvo poi che ner finale la verità e er còre della gente che nun ha perzo la speranza decide che è arivato er momento dè falla finita cò la prepotenza. A storia è piena dè sangue e lotta ma er sacrificio loro nun è stato vano, Roma ha retto botta e dòvemo solo dìì grazzie a questa brava gente veri eroi che dei più manco sapemo er nome.

-Allora t’è piaciuta?
-Ma quello che ho visto è stato uno spettacolo teatrale?
-Sì, oh! Che sbadato che sò stato nun mè sò neanche presentato sò Paolo Battisti e m’ariccomanno stà n’campana se mè dici che sò parente dè Lucio mè n’cazzo.
-Ma che scherzi? Piacere mio mè, mè, mè chiamo Armando pè l’amici “Zagaja” ecco o’ sapevo mò che mè sò, che, che, che mè sò emozzzzionato comincio a zagajà.
-Tranquillo bevete n’goccetto

Paolo porge ad Armando una boccetta

-Ammazza bono ma che robb’è?
-Nun rompe er cà, bevi e vedrai che mò tè passa tutto
-Ma che sei n’mago?
-No sò er regista dè “Roma non abbozza” e stà boccetta è nà ricetta dè nonna allora che stavamo a dìì?
-N’zomma quello che ho visto l’avete fatto ar teatro n’vè?
-Si, ner mese de Giugno der 2022 è stato portato n’scena qui a Roma ar teatro Garbatella, scritto da Claudio, la reggia è stata la mia, hanno partecipato come attori più dè venti, n’zomma n’lavorone e adesso grazie ad Augustarello hai potuto assiste a stà proiezzione.
-A Paolè ma lo sai che er testo era vera poesia? Oh! Seconno me i dialoghi cjaevano un certo nun sò che dè veramente poetico, ammappa chi l’ha scritto è stato proprio bravo! E poi lo sai che è stata proprio nà bella idea? Anzi le idee belle sò state due.
-Quale è la prima?
-Quella dè narrà le vicende dè stì protagonisti dè generazzione n’generazzione, ma lo sai che assomja tanto a quello dè la famija mia?
-Certo che si, alla tua e a quella dè tanti artri romani.

-Per esempio devi da sapere che mì patre era der 1922 e poteva esse er fornaretto, mì nonno che nun ho mai conosciuto, nun m’aricordo forze era der 1898 e magara faceva proprio er tranviere e Vincenzo er bisnonno mio sò quasi sicuro che faceva er carettiere, n’maggina che quanno aritornava la sera a casa s’addormentava sur caretto cò la pippa n’bocca e er cavallo che dè nome faceva Garibàrdi pè fortuna conosceva la strada, trucche, trucche cavalluccio e er padre dè mì nonno nun perdevano mai a’ strada dè casa. A Paolè sai che tè dico?
-Dimme tutto
-Che te stà storia la devi da continuà, damme retta organizza n’artro spettacolo teatrale che inizzia cò la fine della guera, l’anni ’50 cò la ricostruzzione e poi l’anni ‘60 cor boom economico, e dopo passi all’anni ‘70 – 80 l’anni della contestazione e della violenza, poi l’anni ‘90 der conzumismo e della finzione, poi er 2000 fino alli giorni nostri che perciò è storia recente, trova nà famja a caso, sì nun c’è tè la poi n’ventà mica me dichi che te manca la fantasia?
-Direi dè no e poi?
-E poi la morale dè là favola teatrale è che datosi che è nà vita che và tutto alla rovescia er messaggio che dovete dare è dè ottimismo e dè fiducia ner core della gente e nella capoccia che tutti se dovèmo da volè bene, che la vita è bella ed è una sola, che er paradiso noi cè l’avemo già qua e che pure dopo secoli dè idiozzia verrà er momento dè pacifica normalità, n’dove tutti lavoramo, studiamo e se divertimo, che Roma della pace è capitale, musa dell’armonia mondiale, che nè dici sè pò fà?
-Cè devo penzà, senti n’pò n’vece seconno tè l’artra bona idea qual’era?
-E’ facile, io tè dico che stò fatto dè registrà n’filmato dè n’opera teatrale e poi a proiettallo ar cinema mica è sbajato, portare er teatro ar cine gajardo no? Magara a biejtto scontato, sconti pè comitive e poi sè sei giovane fino alle medie entri a gratis, a Paolè seconno mè è robba forte.
-A proposito dè robba forte cò tè mè sà che prima t’ho dato la boccetta sbajata
-E perchè?
-Stè bone idee a mè mè pare troppo,
-A Paolè, abbi fede, abbi fede fidate de babbo Natale
-Ma se sei pure rimasto senza benzina!
-A proposito ma cè l’hai nà tanichetta?
-Boh? Senti ma se chiamamo la befana e tè dà nò strappo cò la scopa?

Amici lettori alla fine dè stà storia matta nà tanichetta forse escirà pure fòra ma mica cjavreste cinque euri da prestamme? Tranquilli vè lì ridò quanno s’arivedemo a teatro, parola de babbo Natale che vè cè porto che dite cè venite ar teatro Garbatella? E allora Bon Natale a tutti da me e da tutta la compagnia dè Roma che non abbozza e speràmo che mò Augustarello alla fine dè stà cazzata nun sè n’cazza.

E così amici lettori di Liguria today ora lasciamo che babbo Natale metta la benzina alla sua 500 e ritorni a casa dove lo aspettano un bel piatto di spaghetti, gli ho fatto una bella sorpresa non trovate? E anche voi per il piacere di condividere con noi le luci della ribalta venite a trovarci in teatro, andate al cinema innamoratevi della cultura e quando entrerete nel mondo della fantasia vedrete la realtà con un occhio diverso, io e tutta la compagnia teatrale abbiamo a cuore lo spettatore, allora che fate? Forza non mancate vi aspettiamo e allora Buon Natale e felice anno nuovo per tutti voi, per tutti noi, la vita è un grande spettacolo e noi con voi ne siamo i protagonisti.

 

Ti può interessare leggere anche

Scritte sotterranee a San Clemente

Scritte sotterranee a San Clemente

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info La Redazione

La redazione di LiguriaToday
La Redazione di LiguriaDay è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo e colorato di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono LiguriaDay, il Vostro quotidiano online.

Articoli simili

Appassionati di true crime segnate : Canti di guerra, di Stefano Nazzi

Delle loro storie racconta il giornalista del Post, come solo lui sa fare. Ci riporta …

LiguriaDay