Golfo dei Poeti
Area di sosta

Due passi intorno alle mura che circondano il Golfo dei Poeti

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Sinceramente non so dire se il Golfo della Spezia, o Golfo dei Poeti che dir si voglia, sia davvero “il più bello del mondo” come uno spezzino orgoglioso della sua terra mi disse alcuni anni fa.

Certamente è uno dei più belli d’Italia.

Bello in senso naturalistico ed emotivo ma bello, e utile, anche per ragioni meno spirituali e più pratiche.

Panorama verso le Alpi Apuane

Già i romani, infatti, osservarono il Golfo con interesse dal punto di vista militare. E dopo di loro, fecero altrettanto i Genovesi che fortificarono l’area con castelli e forti di cui rimane per la maggior parte soltanto il ricordo dato da qualche toponimo e qualche antico documento.

Furono Napoleone prima e i Savoia poi, nell’Ottocento, a rendersi pienamente conto della vocazione militare marittima del Golfo dei Poeti.

mura Golfo dei Poeti
Mura del Parco

Ottenuta finalmente la Liguria grazie al Congresso di Vienna del 1815, i Savoia vollero fare di La Spezia una vera città e vi trasferirono la loro flotta militare precedentemente di stanza a Villafranca presso Nizza (l’attuale Villefranche-sur-Mer).

Sorse così l’Arsenale Militare Marittimo e La Spezia divenne la sede della Marina Militare del Regno di Sardegna, destinato a diventare Regno d’Italia.

mura Golfo dei Poeti
Sentiero che costeggia le Mura

Intorno alla nuova città, al suo Arsenale e al suo porto fu costruita una serie di opere di difesa per scongiurare attacchi dal mare e da terra. Forti, batterie, torri corazzate e dal 1880 una cinta muraria imponente che abbraccia la città.

Ai genovesi riesce facile comprendere il concetto. La cinta muraria di La Spezia, benché più ridotta in dimensioni e in lunghezza – e più giovane di due secoli – in un certo senso è “parente” delle Mura Nuove seicentesche che racchiudono Genova.

Parco delle Mura di La Spezia

E anche qui a La Spezia, come a Genova, oggi che le mura hanno perso la loro funzione militare difensiva, sono diventate (o più esattamente stanno diventando) un suggestivo, percorso naturalistico-storico-panoramico che accrescerà il valore culturale e turistico della città.

Logo Parco delle Mura

A metà ottobre è stato inaugurato, alla presenza anche del Presidente della Regione Liguria, il primo tratto del percorso pedonale che partendo dalla Cattedrale di Cristo Re sale sin quasi al culmine della cinta, il Forte Castellazzo, il più interno ed elevato.

Informazioni sul Parco delle Mura

In realtà non si riesce ancora ad arrivare sin lassù, i lavori sono ancora in corso (ma siamo fiduciosi).

Il tratto già percorribile è quello che dalla Cattedrale sale a Porta Isolabella e ancora oltre sino al cosiddetto Muro Archeologico (è bene indicato nella mappa).

Esso offre a chi lo percorre vasti panorami verso la città e le Apuane e l’Appennino Tosco-Emiliano, un’area di sosta per riposarsi e rifocillarsi, pannelli esplicativi ben comprensibili distribuiti lungo il percorso che illustrano le diverse opere di difesa, come il Tobruk e le Sirene.

mura Golfo dei Poeti
A passeggio lungo le mura

 

A fronte delle prime pochissime decine di metri di percorso piuttosto ripide, la salita prosegue poi molto dolce e ampia, adatta a qualsiasi tipo di gambe e di allenamento.

E comunque non è indispensabile partire proprio dalla Cattedrale, si può salire con mezzi a motore sino alla Porta Isolabella o al varco accanto al Muro Archeologico e discendere con calma verso la città…

Tutte le foto sono di proprietà di Gianni Dall’Aglio

Ti può interessare anche > Uno sguardo su Genova dai Forti di levante

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Gianni Dall'Aglio

Avatar photo
Genovese, per ragioni familiari divido (anzi, raddoppio) la mia vita tra Genova e Sanremo. Dopo la laurea in Geologia ho lavorato all’Università di Genova ma da più di vent'anni collaboro con case editrici locali e nazionali come autore di libri, guide, articoli su turismo, storia, arte e scienze; sono Direttore Responsabile del Gazzettino Sampierdarenese, socio del Club per l'UNESCO di Sanremo e delegato regionale del FAI, Fondo Ambiente Italiano. La mia famiglia comprende anche cinque gatti e un numero quasi incommensurabile di alberi di bosco e piante da giardino.

Articoli simili

Coldiretti Liguria TuttoFood 2023

La Via dell’Amore delle Cinque Terre pronta per il turismo

Torna accessibile quel suggestivo percorso tra i borghi di Riomaggiore e Manarola. I lavori, costati …

LiguriaDay