Alberi Monumentali
Ippocastano di Resi

Alberi Monumentali: monumenti viventi della natura

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

 

Occhi profondi che li osservavano, lenti e solenni, ma molto penetranti. Erano marroni, picchiettati di luci verdi…. Gli Hobbit rimasero un pezzo in silenzio. Si sentivano, strano a dirsi, a proprio agio e al sicuro…

Io non sono un Hobbit e gli alberi che incontro nella mia vita non hanno veri occhi come li ha Fangorn/Barbalbero, forse il più affascinante (per me) personaggio della lunga saga del Signore degli Anelli.

Ma quando cammino tra gli alberi anch’io, come Merry e Pipino, mi sento a mio agio e al sicuro e ho sovente la sensazione che a modo loro essi mi guardino con sguardo lento, solenne e penetrante. E io li amo anche per questo.

Ippocastano di Resi
Ippocastano di Resi

La Regione Liguria è la più boscosa d’Italia in rapporto alla superficie, con un grado di copertura di circa il 62% (segue il Trentino col 60%).

Da molti anni esiste un elenco regionale di Alberi Monumentali, patriarchi vegetali di diverse specie botaniche autoctone o esotiche che per età e/o per dimensioni si sono guadagnati la fama e il privilegio di essere ammirati e tutelati con un’attenzione che i loro simili meno maestosi troppo spesso faticano a ricevere.

Sono tutelati come “patrimonio di particolare interesse naturalistico, ambientale e storico culturale” dalla L.R. n°4 del 22/01/1999 e dopo l’aggiornamento del 2020 sono 112, di cui 102 esemplari singoli e 10 gruppi omogenei, appartenenti a 54 specie diverse (di cui 20 esotiche), ben distribuiti sul territorio regionale sia in ambito rurale e boschivo sia in ambito urbano.

Nel sito regionale www.agriligurianet.it si trovano molte informazioni necessarie per approfondire. Un’interessante lettura sull’argomento può essere il libro “Terre di grandi alberi” di Tiziano Fratus, edito da Nerosubianco, Cuneo, nel 2012.

Faggio alle Traversine - Alberi Monumentali
Faggio alle Traversine

Centododici alberi sono troppi per raccontarli qui. Mi limiterò a menzionarne tre della Liguria di Ponente che io amo e conosco da diversi anni.

E che, di tanto in tanto, mi piace andare a salutare, come se fossero amici lontani privi di smartphone e WhatsApp e con quali quindi non è possibile comunicare a distanza.

Alta Val Bormida
Alta Val Bormida

Altri tre della parte di Levante della regione saranno protagonisti di un articolo futuro.

Faggio alle Traversine - Alberi Monumentali
Faggio alle Traversine

Il più facile da incontrare è il Faggio di (o alle) Traversine.

 un Fagus sylvatica di circa centoventi anni che osserva il raro traffico sulla SP Altare-Pontinvrea poco a ponente di Montenotte Superiore – frazione di Cairo Montenotte – a circa 700 metri di quota, sul crinale su cui passa l’Alta Via dei Monti Liguri.

E’ alto circa 32 metri e la conferenza “ufficiale” del tronco è di 435 centimetri; più di quattro metri.

Faggio alle Traversine
Faggio alle Traversine

Due o tre volte all’anno passo, mi fermo, scendo e dall’auto e sto qualche minuto accanto a lui, tocco la corteccia, mi appoggio alle grosse radici, lo guardo alto e silenzioso, coi rami che scendono sino all’erba del prato, con le foglie verdi chiare in primavera, verdi scure in estate, rossicce in autunno e grigio di rami nudi in inverno.

Purtroppo da alcuni anni i suoi rami più alti si presentano secchi e spogli anche in piena estate, indice indubbio di scarsa salute. Non so se qualcuno se ne occupi o se il suo malessere venga soltanto osservato senza intervenire.

Che è poi quello che faccio io, a ben vedere…

Ippocastano di Resi
Ippocastano di Resi

L’Ippocastano di Resi (Aesculus hippocastanum) si trova nella piccola borgata di Resi, a 630 mt slm, tra i boschi del piccolo comune di Bòrmida, nell’alta Val Bòrmida di Pàllare.

Un gigante elegante che sovrasta una casa coi suoi 20 metri di altezza e tre metri e mezzo di circonferenza del fusto, calcolata a 1,30 metri dal suolo. Risulta essere stato seminato centouno anni fa, nel 1920, come da disegno infantile allegato…

Ippocastano di Resi
Ippocastano di Resi

Lascio ora la provincia di Savona per entrare in quella di Imperia e salire in Val Maro, alle spalle di Oneglia.

Alta Val Maro

Qui, in un vallone boscoso a 620 metri slm sotto la borgata di Conio, frazione di Borgomaro, una strada sterrata tra gli ulivi di alcuni chilometri più cinque minuti a piedi dentro il bosco portano ad ammirare “a Ruve du Megu”, la Rovere del Medico.

Ruve du Megu - Alberi Monumentali
Ruve du Megu

Una roverella (Quercus pubescens) di 30 metri di altezza e 427 centimetri di circonferenza, forse antica di 370 anni.

Ruve du Megu
Ruve du Megu

Un gigante nel bosco…un gigante per la sua specie (è la quercia più diffusa in Italia) che normalmente di rado raggiunge i 20-25 metri.

Ruve du Megu
Ruve du Megu

Sinceramente non so chi fosse il medico che le ha dato il nome…. Una mia mancanza, me ne rendo conto. Dovrò tornare a chiedere in paese.

Tutte le foto sono di proprietà di Gianni Dall’Aglio

Ti può interessare anche > Le nocciole Misto Chiavari, un viaggio nel gusto

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Gianni Dall'Aglio

Avatar photo
Genovese, per ragioni familiari divido (anzi, raddoppio) la mia vita tra Genova e Sanremo. Dopo la laurea in Geologia ho lavorato all’Università di Genova ma da più di vent'anni collaboro con case editrici locali e nazionali come autore di libri, guide, articoli su turismo, storia, arte e scienze; sono Direttore Responsabile del Gazzettino Sampierdarenese, socio del Club per l'UNESCO di Sanremo e delegato regionale del FAI, Fondo Ambiente Italiano. La mia famiglia comprende anche cinque gatti e un numero quasi incommensurabile di alberi di bosco e piante da giardino.

Articoli simili

I "sentieri a portata di mare", convenzione con il CAI e Navigazione Golfo dei Poeti

I “sentieri a portata di mare”, convenzione con il CAI e Navigazione Golfo dei Poeti

Sottoscritta una convenzione tra la sezione spezzina del CAI e Navigazione Golfo dei Poeti che …

LiguriaDay