La Liguria che riparte di corsa: la rinascita della regione parte dallo sport

La Liguria che riparte di corsa: la rinascita della regione parte dallo sport

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

Sabato 8 e domenica 9 maggio, un gruppo di corridori ha attraversato, per il secondo anno consecutivo, i comuni lungo la Via Aurelia da Ventimiglia alla Spezia. Ben 273 i chilometri percorsi dai 150 staffettisti che hanno visitato alcuni dei luoghi più suggestivi della riviera ligure. L’evento, organizzato dall’ASD RunRivieraRun e ribattezzato La Liguria che riparte di corsa, ha ufficialmente segnato la rinascita della regione dopo il lungo stop causato dalla pandemia.

L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio ed un particolare riconoscimento da FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e CONI. Rispetto alla prima edizione, l’evento ha inoltre vantato la partnership con l’ONLUS Run4Hope, ente che devolverà i fondi raccolti in favore della ricerca sui tumori infantili promossa da AIRC.

Oltre ai privati, ben 31 amministrazioni e 19 aziende hanno aderito all’evento, accogliendo gli atleti e donando prodotti d’eccellenza dei propri comuni. Una parte di essi è stata raccolta nel “Paniere Liguria” e successivamente devoluta in beneficenza dalle associazioni di volontariato affiliate. Altri oggetti, invece, saranno poi consegnati ad attori e registi nazionali ed internazionali durante il Digital Fiction Festival che Genova Liguria Film Commission organizzerà dal 29 luglio al 1° agosto 2021 nella sede di Villa Durazzo Bombrini di Cornigliano.

A sostegno dell’iniziativa non è mancato il messaggio di Giovanni Toti, presidente della regione, che ha sottolineato l’importanza dello sport e della valorizzazione del territorio per la ripartenza della Liguria dopo un anno e mezzo di sofferenza e chiusure. Il nostro giornale ha avuto la fortuna di seguire dal vivo la prima giornata della staffetta, accompagnando tappa dopo tappa il percorso degli atleti e della troupe impegnata nella realizzazione del video dell’evento.

Sabato 9 maggio

Genova, piazza De Ferrari – ore 05:00: la troupe di Genova Liguria Film Commission composta da 4 allievi è pronta a partire su uno dei furgoncini noleggiati per l’occasione. La prima tappa è Villa Bombrini per caricare a bordo il vicepresidente Giorgio Oddone e la consigliera Claudia Oliva. Da Cornigliano, la delegazione parte poi alla volta di Ventimiglia per l’inizio della staffetta. Un misto di emozione e sonno si è impossessato dei passeggeri che, approfittando dell’attesa, provano a riposarsi ancora un po’.

Alle 7:30 in punto, il pulmino è a Ventimiglia. Dopo una colazione veloce, la delegazione incontra la Presidentessa, Cristina Bolla, e le due troupe impegnate nelle riprese dell’evento. Tutto è pronto e si aspetta solo l’arrivo del sindaco per partire. Rilasciata l’intervista allo staff della GLFC, il sindaco Gaetano Scullino da finalmente il via alla corsa. I ragazzi in pettorina arancione ripongono velocemente telecamere e microfoni per poi ripartire al seguito degli atleti.

La tappa successiva è Vallecrosia, dove bisognerà incontrare le prime due aziende storiche che hanno aderito e che porteranno i loro prodotti di pasticceria. Seguono, in rapida successione, i comuni di Bordighera, Ospedaletti, Sanremo e Arma di Taggia. Si ha a malapena il tempo di scendere dal furgoncino per intervistare le autorità presenti, raccogliere gli omaggi e ripartire velocemente per non lasciarsi staccare dai corridori. Al 40° km è il turno di Imperia. Nel capoluogo di provincia, la delegazione riceve i famosi biscotti “sorrisi di Imperia” ed un libro sulle storie e le immagini del Ponente Ligure.

Da Cervo a Varazze

Dalle 11:00 alle 14:30, gli atleti attraversano la bellissima Cervo, Andora, Alassio, Albenga, Borghetto Santo Spirito e Loano, città in cui incrociano anche la suggestiva corsa di auto d’epoca. La troupe approfitta di un discreto vantaggio accumulato sugli atleti per mangiare un boccone a Bergeggi. Dopo un panino veloce con vista mare, la “corsa” riprende immediatamente e alle 17:15 si è già a Savona. All’ombra della Torretta di Leon Pancaldo, alcune aziende locali si uniscono alla delegazione comunale donando altri prodotti d’eccellenza al Paniere Liguria.

I ragazzi ripartono di corsa avendo poco tempo per ammirare lo scenario mozzafiato del porto savonese, visto l’incalzare della staffetta. Seguono in rapidissima successione i comuni di Albissola Marina e Albisola Superiore. In quest’ultima tappa, la scuola di ceramica comunale offre un preziosissimo dono artigianale a sostegno dell’iniziativa. Il tempo stringe e il pulmino vola alla volta di Varazze passando per la meravigliosa Celle Ligure. Una volta arrivati, i membri dello staff di Genova Liguria Film Commission ricevono anche un dolce assaggio del gelato varazzino. Non c’è tempo, però, per rilassarsi ulteriormente ed il gruppo si rimette in viaggio verso le ultime tappe del grande evento.

Di corsa fino a De Ferrari

Usciti da Varazze, il traffico rallenta la troupe che arriva a Cogoleto intorno alle 19:00. L’accoglienza è calorosissima e il vicesindaco coglie l’occasione per ringraziare Protezione Civile, Croce Rossa e Croce d’oro locali per l’instancabile lavoro durante questa maledetta pandemia. Manca ormai poco e il traguardo genovese di piazza De Ferrari è vicino. Alle 19:50, la delegazione giunge a Voltri per un panificio storico cittadino che ha partecipato all’evento.

La stanchezza si fa sentire ma nessuno ha intenzione di mollare sul più bello. Sul filo del rasoio, tallonati dagli ultimi staffettisti rimasti, si è in centro dopo aver ricevuto dall’ultima azienda di giornata a Pegli. Gli allievi sgattaiolano veloci fuori dal pulmino e si preparano ad accogliere i corridori.

Sono quasi le 20:30 e, al chilometro 160, gli atleti tagliano il traguardo chiudendo questa prima emozionante giornata de “La Liguria che riparte di corsa“. Ad attenderli in Piazza De Ferrari il Presidente del CONI Liguria Antonio Micillo, l’assessore Laura Gaggero ed il Consigliere Stefano Anzalone del Comune di Genova, il Direttore di Confartigianato Liguria Luca Costi ed il Presidente dell’ASD RunRivieraRun Luciano Costa.

Un salto dietro le quinte

La chiave del successo è stata sicuramente la grande sintonia tra i membri della squadra, capaci di dividersi sapientemente i compiti e di portare a casa un risultato incredibile. La troupe incaricata delle interviste non faceva in tempo a smontare le attrezzature per ripartire che già i ragazzi del van nero erano pronti a caricare foto e didascalie sui social.

Nel frattempo, l’addetto alla lista annotava, tappa dopo tappa, il nome degli amministratori comunali e delle aziende che partecipavano alle riprese. Il secondo giorno di staffetta si è sicuramente dimostrato all’altezza del primo, facendo si che questa seconda edizione fosse un autentico successo.

Ancora una volta, un’iniziativa così ben organizzata ha dimostrato quanto una sinergia tra istituzioni, imprese e associazioni di una regione sia importante per valorizzare e promuovere l’intero territorio. Peccato, però, che progetti del genere non ricevano sempre la giusta attenzione. Sarebbe bello che, parallelamente al rilancio economico e turistico della Liguria, questo evento sportivo spingesse gli addetti ai lavori ad invertire il trend.

Alessandro Gargiulo

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Alessandro Gargiulo

Avatar photo
Anacaprese trapiantato prima ad Udine e poi a Genova, coltivo la passione per la scrittura e il giornalismo fin da piccolo. Come un vero e proprio girovago, sono giunto in città per frequentare il corso di Informazione ed Editoria ed inseguire il mio sogno. Autentico malato di calcio, ho la fortuna di poter raccontare lo sport su LiguriaDay. Mix vincente tra Cannavacciuolo e Adani, spero in una carriera in cui potermi occupare soprattutto di calcio femminile.

Articoli simili

Azienda

Certificazioni come indicatore di qualità: l’importanza per le aziende

Nel mondo imprenditoriale, le certificazioni giocano un ruolo fondamentale nel differenziare le aziende e garantire …

LiguriaDay