Papa Ops

Centrare la vera questione dietro le semplificazioni : dire di no alla “spontaneità istituzionale”

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

 

Mentre monta la polemica che tiene banco ingiustificatamente da ore circa le esternazioni del Papa e della Presidente del Consiglio, non possiamo  “lasciarci fuorviare” da quelli che sono effettivamente “i nodi della questione” : non è l’utilizzo di un linguaggio inappropriato da parte di una Alta Carica Istituzionale o di un Alto Prelato a doverci scandalizzare, ma lo sdoganamento di una “spontaneità istituzionale” di cui non sentivamo davvero il bisogno.

In merito alla parola “ frociaggine”, riferita e attribuita in queste ore  a Sua Santità, c’è da dire che è estranea al vocabolario Treccani, che annovera solo il termine “ frocio” , derivato probabilmente a sua volta dalla parola “froscè”, storpiatura  di provenienza dalla parlata romanesca ed utilizzata inizialmente come dispregiativo verso i soldati francesi, senza riferimenti al loro orientamento sessuale, e che solo successivamente ha poi assunto una “trasformazione semantica”, indicando specificatamente persone di orientamento omosessuale e di genere maschile e che il suffisso “ aggine” conferisce al termine la valenza di concetto. Ed è quello il punto: ammesso che la parola sia volata, ciò che è mancata non è solo l’aderenza o la coerenza o il riguardo per le persone di orientamento omosessuale, ma la forma, il rispetto, la compostezza necessaria per poter poi pronunciare “qualsiasi opinione, anche la più aberrante” .

Non è mai una buona idea proferire “la prima cosa”che ci viene in mente e questo in generale, soprattutto se le parole sono il termometro del clima sociale, sono per così dire performative, creano realtà e situazioni e vanno ad incidere pesantemente sul nostro quotidiano e su diritti e risultati acquisiti, bisogna sceglierle bene, ma più ancora ed è “questo” il tema,  bisogna utilizzare  il “contegno istituzionale”. Di recente, sempre a tema,  la Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, non ad una cena tra amici, ma in visita istituzionale ed a microfoni aperti, sente il bisogno di “prendersi una rivincita” sull’ avversario politico De Luca, che l’aveva definita “ Stronza” precedentemente. Il problema non è soltanto il linguaggio, è il ruolo, è il contesto: se in privato la Presidente Meloni lo avesse apostrofato allo stesso modo, sarebbe stata una scelta personale, più o meno opinabile, più o meno elegante, ora invece riguarda tutti noi.

Manca quella regolamentazione necessaria che esisteva tra “foro interno ed esterno”, contegno ed eleganza, vendetta personale e ruolo pubblico. E’ lecito che una alta carica dello Stato si sveli dicendo “la prima cosa” che le passa per la testa? C’è nostalgia finanche di quei politici e di quei prelati talvolta, che passavano il tempo a cercare di dire almeno “ la seconda cosa”, quella pensata meglio, quella vaga, allusiva, velatamente tagliente, non figlia della “genuinità” certamente oggi  sopravvalutata,  ma della “opportunità istituzionale e politica”, la parola accorta,  quella diplomatica, che non offende nessuna minoranza e non attacca diritti acquisiti e non scalda un clima sociale già teso su certi temi e che soprattutto definisce, senza svilire, i passi fatti nella direzione della civiltà, che non tengono conto delle “ questioni personali” nell’esercizio di un alto compito, come quello di rappresentare lo Stato in un territorio come quello di Caivano, che necessita di riqualificazione e coraggiose scelte politiche. E’ senz’ altro una provocazione questa, ma davvero non si sentiva il bisogno di sdoganare la spontaneità in alte sfere.

Ti può interessare

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Angela Giordano

Angela-Giordano
Editorial Partnership Executive for Business Development. SCRITTRICE

Articoli simili

Taylor Swift incanta San Siro

Taylor Swift incanta San Siro

Immaginate di organizzare una vacanza intercontinentale incentrata sul concerto della beniamina delle vostre figlie: sembra …

LiguriaDay