Il potere della parola: scandali e polemiche, dal Vaticano a Montecitorio

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Recentemente, due episodi separati hanno catturato l’attenzione dell’opinione pubblica italiana, generando ampi dibattiti sui social media e nei giornali. Da un lato, le controverse dichiarazioni di Papa Francesco sui seminaristi omosessuali; dall’altro, la provocazione della Premier Giorgia Meloni al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Le dichiarazioni di Papa Francesco sui seminaristi gay

Durante un incontro a porte chiuse con i vescovi italiani, Papa Francesco ha pronunciato parole che hanno sollevato un’ondata di reazioni: «Nella Chiesa c’è già troppa ‘frociaggine’». Questo commento, riportato dal sito Dagospia e confermato da vari prelati, ha suscitato critiche feroci, soprattutto da parte delle associazioni LGBTQ+.

Il Pontefice ha espresso preoccupazioni sulla presenza di seminaristi omosessuali, chiedendo una maggiore rigore nella selezione dei candidati. Pur riconoscendo il rispetto dovuto a ogni individuo, Francesco ha ribadito che le persone con tendenze omosessuali non dovrebbero essere ammesse nei seminari, citando una direttiva del Dicastero per il Clero che risale al 2005 e ribadita nel 2016.

La sala stampa vaticana ha poi cercato di smorzare le polemiche, chiarendo che il Papa «non ha mai inteso offendere o esprimersi in termini omofobi» e ha offerto scuse a chi si fosse sentito offeso. Tuttavia, Francesco ha mantenuto la sua posizione, sottolineando la necessità di una preparazione più rigorosa per evitare problemi futuri sia per i preti stessi sia per le comunità in cui operano.

La frecciatina di Giorgia Meloni a Vincenzo De Luca

In occasione invece, dell’inaugurazione di un centro sportivo a Caivano -NA- la Premier Giorgia Meloni ha salutato in modo provocatorio il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ricordando un insulto che quest’ultimo le aveva rivolto in passato. «Presidente De Luca, quella stronza della Meloni. Come sta?», ha detto Meloni, stringendo la mano a De Luca, che ha risposto diplomaticamente: «Benvenuta, bene di salute».

Il riferimento era a un episodio precedente, quando De Luca, durante una manifestazione a Roma, aveva definito Meloni con lo stesso appellativo che la Premier ha usato a scopo provocatorio nel salutare il Governatore campano. Il video dello scambio dei saluti, a denti non proprio strettissimi, è stato rapidamente diffuso sui social, alimentando cosi il dibattito in merito.

Nel suo discorso, Meloni ha promesso un impegno continuo contro la criminalità organizzata e il degrado, rivendicando i risultati ottenuti dal suo governo nella riqualificazione delle periferie. Il centro sportivo, simbolo di questa riqualificazione, è stato inaugurato dopo sei mesi di lavori. Tuttavia, l’attenzione mediatica si è concentrata principalmente sul botta e risposta tra Meloni e De Luca.

De Luca ha risposto alle provocazioni accusando il governo di ignorare il tema del lavoro e criticando la gestione dei fondi di sviluppo e coesione. Ha sottolineato l’importanza di interventi concreti piuttosto che di provocazioni verbali. «Ho visto che la Meloni ci ha tenuto a comunicare la sua nuova e vera identità e noi non possiamo che concordare ovviamente», ha detto De Luca oggi a margine di un convegno all’ospedale Cardarelli di Napoli. «Ieri non ho sentito le cose dette dalla premier, ho sentito solo quando si è avvicinata a me per dire ‘presidente come sta?’ e infatti ho risposto ‘sto bene in salute e benvenuta qui’. Ho appreso nel pomeriggio dai social della performance che era cominciata qualche metro prima ma non avevo sentito sinceramente. Ho appreso dai social della raffinata eleganza con cui si era avvicinata al presidente della Regione che era lì per accoglierla e darle il benvenuto».

L’osservazione e l’analisi di questi episodi sociali ci permettono di riflettere sul significato e sull’influenza delle parole. Il contesto, in particolare, può potenziare o depotenziare le parole, dando loro forza e vigore oppure sminuendole. Anche il tono di voce, l’emittente e il destinatario giocano un ruolo fondamentale. Ogni singolo elemento che costituisce la comunicazione contribuisce a definirne un significato unico. I casi che abbiamo portato all’attenzione smuovono pensieri e dibattiti, soprattutto perché espressi da figure di rilievo nell’assetto religioso e politico italiano.

Questa riflessione ricorda l’enorme potere della parola e di come si veicola attraverso la comunicazione. Conoscerla in ogni sua forma ci permette, sia come singoli sia come gruppi, di comprendere la realtà e talvolta di plasmarla, modificarla o falsarla. In questo contesto, le parole offensive usate dal pontefice e dal Presidente Campano, hanno aperto un varco al dibattito, generando confusione e indignazione. Tuttavia, sono state anche un importante mezzo per far emergere sentimenti e pensieri che altrimenti, non avrebbero ottenuto attenzione. Dunque, verrebbe da chiederci se queste scelte comunicative sono state efficaci allo scopo, e se si, per chi?

Ti può interessare

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Noemi Cenero

Avatar photo
Con una laurea triennale in Scienze della Comunicazione e una magistrale in Strategie di Comunicazione, Noemi Cenero ha affinato le sue abilità nel campo della comunicazione con l'obiettivo di promuovere la conoscenza e favorire un dialogo costruttivo su questioni sociali, politiche e culturali.

Articoli simili

Turismo balneare a rischio: l’allarme arriva alla Meloni

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia UE che ha legittimato gli espropri al termine …

LiguriaDay