Pasqua in giallo con la sabbia del Sahara

Pasqua in giallo con la sabbia del Sahara

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Una Pasqua sotto la pioggia attende gli italiani, ma è anche occasione di un fenomeno atmosferico particolare già visibile da alcuni giorni: il cielo in questi giorni si è colorato di giallo a causa della sabbia del Sahara.

In diverse zone del Sud Italia, infatti, già da mercoledì o giovedì molti cittadini hanno condiviso sui propri profili social un cielo giallastro e una fitta cappa di pulviscolo. Il fenomeno si è poi spostato verso nord, coinvolgendo anche le regioni italiane del centro e del Nord-Ovest, oltre che la Francia e la Svizzera.

Si tratta di una conseguenza portata dai venti di Scirocco che da diversi giorni stanno soffiando con particolare intensità dall’Africa. Questi venti sono così forti che riescono a sollevare e a trasportare sulle lunghe distanze i granelli di sabbia provenienti dal Sahara. Laddove la sabbia si concentra maggiormente nelle nubi, l’effetto visivo restituisce all’occhio umano un cielo giallo e a tratti spettrale.

Potrebbe anche verificarsi una pioggia di sabbia e, a quote più alte, anche una nevicata di sabbia, visto che sulle Alpi del Piemonte nella giornata di ieri si è riscontrato un curioso ingiallimento della neve caduta a terra.

Ci sono rischi per la salute?

Malgrado l’effetto visivo che richiama le atmosfere di alcuni film horror, questo fenomeno non causa danni particolari. La conseguenza più importante è il fastidio di trovarsi le auto particolarmente insozzate, o i panni malauguratamente stesi all’aperto.

Secondo gli esperti, non ci sono pericoli per la salute, pur raccomandando a chi già soffre di problemi respiratori come asma, bronchite, riniti allergiche o silicosi, di prestare attenzione perché respirare le polveri sabbiosi potrebbero acuire la propria condizione.

Salvo queste premure, tutto ciò che si può fare è armarsi di pazienza, prepararsi a lavare la macchina quando farà bel tempo e, per i più creativi, cercare un buon punto di osservazione per immortalare la propria città in atmosfere davvero insolite.

Ti potrebbe interessare anche:

Registrato l’inverno più caldo degli ultimi 20 anni in Liguria

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Laura Casale

Laureata in Comunicazione professionale e multimediale all'Università di Pavia, Laura Casale (34 anni) scrive su giornali locali genovesi dal 2018. Lettrice accanita e appassionata di sport, ama scrivere del contesto ligure e genovese tenendo d'occhio lo scenario europeo e internazionale.

Articoli simili

Il programma del Nervi Music Ballet Festival 2024

Il programma del Nervi Music Ballet Festival 2024

Il Nervi Music Ballet Festival si conferma anche quest’anno un appuntamento da non perdere per …

LiguriaDay