Peggy Kleiber
Foto di due preti davanti al Colosseo, artista Peggy Kleiber - Foto di Turismo Roma.it

Nà passeggiata n’Vespa cò Peggy Kleiber

Condividi su
Tempo di lettura: 3 minuti

Amici lettori eccoci ritornati alle nostre interviste in Vespa ad artisti famosi mentre andiamo a spasso per Roma fra luoghi celebri e altri meno conosciuti.

Oggi la mia fantasia ha invece deciso che mi occupassi di un’artista che ha fatto di Roma la protagonista dei suoi scatti fotografici, con le sue genti e i suoi luoghi. Sto recandomi a prenderla e la farò salire sulla nostra due ruote speciale: si tratta di una donna straordinaria con una storia personale che somiglia molto a quella di Vivian Maier; sto parlando di Peggy Kleiber

PEGGY KLEIBER (Moutier 1940 – 2015) 

Insegnante di lettere nata e cresciuta in un ambito famigliare nel quale la cultura era una ragione di vita, nel 1961 – poco più che ventenne – decise di frequentare ad Amburgo una scuola di fotografia. Da quel momento con una Leica M3 al collo prese il volo girando per l’Europa e fotografando tutto ciò che attraesse il suo interesse.

L’Italia, e in particolare Roma e la Sicilia, avranno nei suoi occhi e nel suo animo quel qualcosa in più da tenere maggiormente a cuore.

Leica M3 – photo from Wikipedia

Dalla fine degli anni ‘70 il suo destino la portò ad insegnare letteratura con impegno e passione ma seduta dietro la cattedra c’era la stessa ragazza di sempre pronta all’immagine da scattare, questa volta principalmente al servizio della propria famiglia. Forse in tarda età avrebbe voluto ancora avventurarsi in nuovi viaggi per riscoprire luoghi sognati, accarezzati e vissuti dal tempo trascorso ma venne a mancare prematuramente nel 2015 lasciando all’umanità due valigie piene di foto e pellicole.

Nà passeggiata n’Vespa cò Peggy Kleiber

‘A Vespa sidecar è pronta, la giornata è fredda ma solare, dentro ar cassettino ho messo come sempre quarche cioccolatino, pane e mortadella, bira, coca e un caffè Borghetti. Esco contento dar garage dè Piazza Margana e Luca soridendo me saluta, pure lui sà che oggi famo n’ber giro sù dù rote a spasso pè Roma n’compagnia dè nà grande artista che già vedo e riconosco in quanto unica donna cò la machinetta fotografica ar collo.

-Ciao Peggy

-Ciao Walterino 

-Sei pronta?

-A fà chè?

-A venì cò noi dè Liguria Day a spasso pè Roma.

-Oh! Sì, n’dò annamo?

-Ho provato a leggete ner penziero. Andremo ar fontanone der Mandrione a Porta Furba.

-Ah! Bravo l’ho girata tutta ma questa parte dè Roma mè mancava.

-Sò contento, daje apri er cassettino e pja n’cioccolatino, sappi che tutti l’artri artisti cè sò annati pazzi.

E così io e Peggy Kleiber partiamo da Piazza dei Colli Albani, ma non prima che la nostra ospite abbia fotografato ar volo n’poveraccio che ricoperto de cartoni e copertacce dormiva sotto nà pensilina ar capolinea der bus.

-Walterino vedi quer clochard? ‘A foto che jò scattata nun è pè fà cronaca, notizzia o curiosità ma n’vece pè esse testimonianza dè n’quarcosa che alla gente nun je nè m’porta gnente e così nà fotografia diventa n’ricordo nell’archivio della vita, n’fermo immagine dè li pregi e li difetti che l’umanità detiene e mai cancella.

-E’ per questo che sei affezzionata a Roma?

-A Roma c’é dè tutto, lusso, ricchezza, saggezza e povertà, disperazzione e felicità, forze solo la storia dè stà città che è eterna cammina più lenta. Quà der futuro n’teso come modernità nun cè sò tracce e, bisogna dillo, è pure giusto che Roma rimanga quella dè nà vorta, protetta e tutelata, perché dè città come questa nun cè nè sò artre. Quarcuno potrà dire – “e che volemo arimanè ai tempi dè checchennina?” – ma er fatto è che la storia nun và dimenticata perché se l’essere umano vò diventà mjore, devè arimanè cò li piedi a tera e a Roma la storia millenaria n’segna a tutti. Vojo pure dì che le città moderne e super tecnologiche è mejo che vanno a falle dà n’artra parte. Roma considerata come n’museo? E perché no? Tè che dici?

-Peggy hai raggione e scusa se dico n’artra cosa che magari è fòri luogo o n’vece centra pure questa, n’zomma pare che c’é gente che pè r’bene dell’ecologgia e pè attirà l’attenzione sù probblemi effettivamente m’portanti, n’zozza monumenti e sè la pja cò l’opere d’arte dentro a lì musei  e ovunque poi faccia notizzia.

-Walterino ti dico solo che stà gente passa dalla ragione ar torto, dovrebbe lascià perde e cambià strategia. Dimo che potrebbero addoprà nà soluzzione più pacifica senza pjassela cò l’arte e cò questo ho detto tutto. Ma adesso sò che tu vorresti farmi una domanda.

-Sì Peggy, perché non hai mai penzato dè fà mostre, pubblicà libbri fotografici e nun sei voluta diventà n’artista?

-E mica sei er solo che me l’ha chiesto e tè risponno subbito: vedi Walterino nella vita c’è chi nasce artista e chi n’vece cè diventa. Io sò stata tutte e due però poi mè sò trovata a n’bivio, che dovevo fà? Pjà la via della famja e dell’insegnamento, che poi pure la scola è n’artra grande famja, oppure n’traprende la strada dell’eclettismo, della fantasia, dell’arte come nà missione per la quale però devi da sacrificà vita affettiva e n’ideale sociale come appunto l’insegnamento?

Io senza penzacce dù vorte ho scerto er core. Per la verità anche l’artista cjà n’core grande ma era destino che io scejessi la strada più lunga, più n’salita e faticosa ma che pè mè ha significato n’amore grande, perché, amico mio, quello che ero nessuno mè lò poteva levà.

Sarei stata sempre n’artista senza figurà, senza esse protagonista, nà semplice donna che cò la machinetta n’mano ha fotografato tante belle occasioni, tanti sorisi, tanti avvenimenti anche lacrime ed eventi dè nà vita passata assieme cò nà famja che è stata la vita mia.

Poi ho messo tutto dentro a dù valigie e chi voleva sapè la storia dè nà generazzione bastava solo che le aprisse e così è stato.

-Peggy come te capisco! Mannaggia peccato che nun tè posso raccontà quello che è successo a me, vabbè sarà pè n’artra vorta, però sei stata nà grande, nà bella famja, la scola pè anni cò tanti studenti che tu hai guidato come fji e sempre cò la machinetta dentro ar core, pronta a fermà er tempo senza montà sur piedistallo der successo.

-E’ stato più facile di quello che pensi e poi come hai visto io adesso stò quà cò te che n’zieme a tanti artri avete contribuito a metteme n’luce e poi daje, Van Gogh che dovrebbe dìì?

-Peggy hai raggione, senti volevo chiederti solo un’altra cosa e poi annamo ar Mandrione. Qual’è la tua foto più bella?

-E’ una domanda facile perché ho amato tutti i miei scatti, ognuno ha una particolarità e non ce n’è una più bella ma posso dirti che avrei voluto fotografare di più il cielo, anche se non è detto che dà lassù non ci riesca. Tu che dici?

-Hahahaha, ma sì certo che ci riesci. Daje adesso annamo ar Mandrione e poi?

-Annamo a Frascati? 

-E vabbè però nun vale che mè leggi nè la mente come sì fussi nà veggente!

-Sì ma sbrigamose che poi devi dà riporta la Vespa sidecar dè Luca n’garage. Piuttosto la benzina ce l’hai messa?

-Boh? Speramo dè sì, casomai sè stò n’bolletta cjavresti mica dà prestamme dù scudi?

-Io vorei sapè Liguria Day n’dò t’ha trovato? Daje annamo e che Dio cè la manni bona!

ER MANDRIONE

A Roma via der Mandrione era famosa perchè cò li bombardamenti a San Lorenzo der ‘43 n’sacco dè gente perse casa e sè riguggio pè bisogno e pè paura sotto l’archi dell’Acquedotto Felice. Stà gente era la più poraccia, quella più debbole, senza speranza che sotto l’archi cè se fece nà baracca, poi finita la guera n’tanti tornarono n’dietro da n’dò erano venuti e ar Mandrione rimasero zingheri e povere donne dè strada. Così quella via che costeggiava i ruderi dè nà civiltà m’periale pè anni arimase quarcosa dà staje alla larga, poi er boom e la modernità e forze pure grazzie a Pasolini che cò coraggio cjannò a spasso, tutto s’arimise a posto e adesso è nà via piena dè ricordi ma anche de bona cultura e n’tenza creatività.

All’ingresso della strada bello e n’ponente c’è stà l’arco dè Porta Furba fatto da Papa Sisto V ner ‘500 e er mascherone der funtanone appunto der Mandrione, nà funtana monumentale n’dove dà secoli e secoli gente dè passaggio dè ogni tipo sè fermava per beve e rinfrescasse, poi da Papa Clemente Xll restaurata e migliorata. Er mascherone cja due ali dalle quali butta l’acqua dentro a nà conchija ma quanno lo guardi quasi tè mette paura perchè cò l’occhi sembra che tè furmina e dalla bocca sotto li baffoni lunghi sembra che n’zieme all’acqua esca pure quarche parolaccia. Ma sopra a tutto n’bella mostra lo stemma papale che cò benevolenza benedice er popolo credente e anche quello miscredente.

Io e Peggy  Kleiber siamo ora davanti alla fontana e all’arco di Porta Furba la nostra artista cjà la Leika ar collo ma n’torno a noi c’è poca, poca gente, solo macchine che sfrecciano. Ar volante quarcuno fuma, quarcuno cò nà mano giuda cò la’rtra stà ar telefono, n’furgoncino porta latte e latticini, quell’artro vetri dè nà vetreria, nà machina gialla che è n’catorcio sbuffa nero dallo scappamento e Peggy li fotografa tutti ar volo, poi ecco che succede er miracolo, n’gabbiano dar cielo plana sulla funtana a beve n’sorso d’acqua, cjà le ali aperte che è nà bellezza e poi come sapesse che Peggy l’ha n’quadrato er pennuto sè mette n’posa e s’atteggia come sè fosse er Papa.

Fontana di Porta Furba – photo from Wikipedia

-Peggy che dici je damo n’pezzo dè pan….?

Nun faccio n’tempo a finì la frase che er gabbiano cò destrezza m’acchiappa la pagnottella cò la mortadella, poi sembra che mè fà l’occhietto e se la squaja.

-Walterino anche lui ti ha letto ner penziero? E mò?

-Peggy avevamo detto che annavamo a Frascati, panino cò la porchetta e mezzo litro de gazzosa?

Amici lettori, io e Peggy Kleiber montamo n’sella tutti dritti pè la Tuscolana e poi n’salita verso er monte dove dà lassù vedremo Roma bella. Nun vè sò dì sè sò riuscito a parlà adeguatamente dè stà grande artista, che pure lei come Vivian Maier lo era ma nessuno lò sapeva. Spero che voi comunque vi sarete appassionati. Dimenticavo..se ner caso v’eravate preoccupati sè sarebbe bastata la benzina ner serbatoio aricordateve sempre che cò mè la fantasia è illimitata e ogni meta è alla portata.

Ci rivediamo a spasso pè Roma n’compagnia dè n’artro grande artista, voi sè potete nun mancate e sè per caso n’contrate n’gabbiano, fate attenzione, quello dopo la pagnotella magari pretende pure er gelato.

Foto di copertina: Turismoroma.it

Ti può interessare leggere anche

Nà passeggiata n’Vespa cò Luciano Ventrone

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

Raffa e Gianni Rotella

Zuccarello Riden…Z: si parte con Mario Zucca e i cantautori di Fuorimetrica

Zuccarello Riden…Z: la rassegna che mette insieme comicità e musica Zuccarello Riden…Z estate 2024 debutta …

LiguriaDay