Selvaggia Lucarelli attaccata su X dopo il caso di Giovanna Pedretti

Selvaggia Lucarelli attaccata su X dopo il caso di Giovanna Pedretti

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Selvaggia Lucarelli attaccata su X dopo il caso della ristoratrice Giovanna Pedretti, morta suicida nel lodigiano a seguito della recensione contro omosessuali e disabili relativa al suo locale.

Giovanna Pedretti, 59 anni, è morta. Domenica 14 gennaio, il corpo della ristoratrice lodigiana, titolare del locale “Le Vignole”, è stato ritrovato senza vita nei pressi del Lambro.

Avrà oggi luogo l’autopsia, effettuata dall’Istituto di Medicina legale di Pavia, per confermare se la causa della morte sia quella inizialmente ipotizzata: suicidio. La donna si sarebbe tagliata le vene prima di gettarsi nel fiume.

La Pedretti aveva pubblicato pochi giorni prima uno screenshot sulla pagina Facebook del proprio locale, in cui era protagonista una recensione contro omosessuali e disabili. La risposta della ristoratrice, che invitava il cliente in questione, censurato, a non tornare più nel suo locale, aveva fatto rapidamente il giro del Paese.

Da allora, la notizia era riverberata tra social e giornali, dando impulso a una discussione sul gesto della ristoratrice. Inizialmente paladina nazionale, Giovanna Pedretti era poi divenuta oggetto di critiche e accuse, tra cui quelle di Selvaggia Lucarelli e del fidanzato Lorenzo Biagiarelli.

Secondo Biagiarelli, “Il font della recensione, come quello della risposta, è diverso da quello usato da Google”. Un’osservazione che suggeriva che lo screenshot della Pedretti fosse tutto una montatura, creata per pubblicizzare il proprio locale.

Ipotesi che Biagiarelli e la Lucarelli sostengono con maggiore forza nel momento in cui la ristoratrice, contattata da Biagiarelli, risponde alle domande con ulteriori incongruenze. Scatta la gogna mediatica, Giovanna Pedretti, che si era sempre dichiarata in buona fede, si suicida.

Dal momento della notizia del suicidio comincia l’incubo anche per Lucarelli e compagno, che diventano oggetto di insulti, critiche e minacce, anche molto pesanti, sui social: “So dove abiti, guardati le spalle perché hai le ore contate. Ti accoltello quando meno te lo aspetti. Non è uno scherzo.”

La Lucarelli ribatte abbandonando la piattaforma X, e invitando l’opinione pubblica a riflettere sul ruolo della stampa nella questione: “Ovviamente nel caso dovesse succedere qualcosa (non a me, ripeto, io sono forte) diamo la colpa ai social, non ai giornali. Volevo rasserenare il direttore di Repubblica, Salvini etc…

Di questa signora morta non importa nulla a nessuno. Ognuno la sta usando per banchettare alla sua tavola. La politica. I colleghi a cui stavo poco simpatica. I giornali stessi. Ancora nessuno ha il coraggio di fare una riflessione sul ruolo della stampa in questa vicenda.

La Lucarelli si difende, e difende anche il fidanzato Biagiarelli: “Una persona che si occupa di cibo e ristorazione, sensibile e pacifica, ma che ha avuto due sfortune: che la povera signora si sia suicidata e che è il mio fidanzato.”

Lucarelli e Biagiarelli capri espiatori dunque, di una stampa che cerca solo un colpevole da servire sul piatto d’argento all’opinione pubblica. Una stampa senza rispetto, che proprio ieri sera è stata ammonita dalla Lucarelli.

A Milano, nel corso della presentazione del libro di Francesca Fialdini e Leonardo Mendolicchio Nella tana del coniglio, la Lucarelli ha infatti invitato i giornalisti ad avere più rispetto.

Alle insistenti domande sulla vicenda Pedretti, la Lucarelli risponde: “Sarebbe carino che parlassimo di disturbi alimentari, e del libro di Francesca. Non è rispettoso neanche nei confronti delle ragazze che sono qui.

Poi io mi presto, mi immolo, se vuoi mi scarnifichi, però rispettiamo il tema che è anche il rispetto della persona in questo momento, no?”

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Pubblicato da la Redazione

Icona per Giornalisti Pubblicato da la Redazione
La Redazione di LiguriaDay è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono LiguriaDay, il Vostro quotidiano online.

Articoli simili

A fuoco il palazzo della Fondazione Renzo Piano

A fuoco il palazzo della Fondazione Renzo Piano

Nella notte si è sviluppato un incendio nello stabile che ospita anche la Fondazione Renzo Piano …

LiguriaDay