Io non sono Io non sono STATO - Corteo Pavia 14 ottobre
Io non sono STATO - Corteo Pavia 14 ottobre

Io non sono STATO: sabato a Pavia corteo per gli animali, Enrico Rizzi presente

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

Appuntamento sabato 14 ottobre a Piazzale Ponte Ticino a Pavia

Un appuntamento importante sabato 14 ottobre: Io non sono STATO, il corteo in difesa degli animali che partirà alle 14.30 a Piazzale Porto Ticino a Pavia.

“E’ stato emozionante vedere tanta gente in piazza per i diritti degli animali – dice l’attivista per i diritti degli animali in Italia e nel mondo Enrico Rizzi – a proposito della manifestazione Giù le mani dai Rifugi svoltasi a Milano sabato scorso.

Enrico Rizzi
Enrico Rizzi

Quanto accaduto il mese scorso al santuario in provincia di Pavia ha scosso davvero tanta gente comune e la partecipazione così alta ne è certamente la prova. 

Mi sento però indignato dal fatto che nessun telegiornale nazionale ed in particolare il servizio pubblico, abbia deciso di dedicare un servizio alla manifestazione.

E’ davvero incredibile e vergognoso. Ho partecipato alla manifestazione esclusivamente per dare voce agli animali anche se non ho condiviso alcune azioni: con la strage di animali compiuta avrei evitato canti e soprattutto musica da ballo.

Tantissima gente ha contestato, come me, questa scelta degli organizzatori.

Sabato prossimo sarò a Pavia per il corteo organizzato da importanti sigle animaliste e sono certo andrà diversamente rispetto a Milano. La serietà per me viene prima di tutto”..

Dopo i diecimila di Milano, oltre le polemiche, sabato 14 ottobre è il turno di Pavia

Il corteo Io non sono STATO avrà inizio alle ore 14.30.

Tutto è cominciato quel maledetto 20 settembre a Sairano, quando undici camionette di poliziotti in tenuta antisommossa e i veterinari dell’ATS Pavia hanno fatto irruzione nel Rifugio Cuori Liberi.

Scene forti, comportamenti violenti, attivisti presi a manganellate e portati via letteralmente di peso.

E’ stata una mattinata surreale quella di mercoledì 20 settembre presso il Rifugio Cuori Liberi a Sairano.

Accadimenti che ha hanno toccato la coscienza di tutti coloro che professano e mettono in pratica il proprio amore per gli animali.

Una mattinata che ha segnato un punto di svolta dal quale non non si può più tornare indietro. 

Tutti gli animali ospiti del rifugio sono stati uccisi: maiali perfettamente sani che vivevano in un luogo protetto in assoluta sicurezza e tranquillità.

Il Rifugio Cuori Liberi è stato violato e con esso, simbolicamente, tutti i rifugi esistenti

Più volte è stato detto che è necessario legiferare in modo chiaro in merito a queste aree protette dove gli animali devono poter vivere al sicuro.

“Il 20 settembre 2023 verrà ricordata come una delle pagine più tristi e buie dell’animalismo mondiale, un evento che non potrà mai essere dimenticato”.

Così si legge sulla pagina Facebook di Io non sono STATO.

“Dopo due settimane di presidio permanente a Sairano presso il rifugio Cuori Liberi, dove attivisti provenienti da tutta Italia hanno cercato di difendere il diritto alla vita di esseri senzienti, all’alba del 20 settembre 2023, un dispiegamento massiccio di forze dell’ordine, polizia di stato, carabinieri, polizia locale e vigili del fuoco, hanno sfondato la cancellata del rifugio e picchiato pesantemente tutti gli attivisti all’interno del rifugio, senza mostrare alcun segno di rispetto e sensibilità.

Sono stati uccisi tutti i maiali presenti al rifugio, compresi quelli sani che non riportavano alcun sintomo di peste suina.

Un atto di una gravità estrema, che ci riporta ai fatti accaduti a Genova nel 2001 durante il G8, dove molti manifestanti inermi subirono i pestaggi della polizia, come lo stesso è accaduto a Sairano, attivisti pacifici, per lo più donne, manganellate, schiaffeggiate e insultate.

Non è accettabile che nel 2023 in Italia accadano ancora questi abusi di potere, soprattutto se a farne le spese sono attivisti pacifici, che non chiedevano nient’altro che accudire i loro fratelli animali, salvati già da allevamenti e schiavitù, per poi morire per mano di veterinari senza cuore.

Per questo motivo a Pavia ci sarà un corteo di lotta, dove faremo sentire la nostra energia per respingere la violenza verso gli indifesi, una lotta antispecista che dovrà gridare basta alla violenza di STATO. Vi aspettiamo numerosi!

Io non sono STATO - Corteo Pavia 14 ottobre
Io non sono STATO – Corteo Pavia 14 ottobre

Enrico Rizzi partecipa al corteo Io non sono STATO

Io non sono STATO è organizzato da Nomattatoio Milano, Riccardo Manca Codice Vegan, META Sezione Pavia, Cadapa Aboliamo la caccia, Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente, Fronte Animalista News, AVI Associazione Vegani Internazionale.

Sarà presente anche Enrico Rizzi che aggiunge un’altra polemica, riguardante la scarsa promozione del corteo di sabato.

In effetti a differenza della precedente manifestazione, di cui si trovava notizia praticamente ovungue su tutti i canali social, quio le cose stanno andando un po’ diveramente.

“Il corteo a Pavia è sempre in difesa degli animali che vivono nei santuari italiani e parteciperò perché è giusto tenere alta l’attenzione soprattutto dopo i fatti accaduti. 

Mi chiedo perché Rete dei Santuari di Animali Liberi ad oggi non ne stia dando notizia, visto che sempre di difesa degli animali si tratta.

Da loro, silenzio assoluto, eppure lo sanno. Questo comportamento lo ritengo inaccettabile. Ai responsabili chiedo: se organizzate voi massima condivisione e se invece l’evento viene organizzato da altri movimenti o associazioni, gli animali non meritano più di essere difesi? Vi interessano per caso solo le vostre iniziative? Gradirei una risposta”.

Enrico Rizzi si espone sempre in prima persona e proprio per questo è molto apprezzato: ha ormai quasi 500000 follower che quotidianamente seguono il suo operato.

A Pavia interverrà nuovamente in difesa degli animali e siamo certi che metterà in evidenza le cose che non funzionano anche tra le varie associazioni animaliste.

D’altronde è troppo comodo prendere parte solo a certe iniziative piuttosto che ad altre. La causa è una, soltanto una: gli animali.

E questo dovrebbe essere bene impresso nella mente di organizzatori e partecipanti. Sempre.

Clicca Qui Per Link Evento

Rosella Schiesaro©

Ti può interessare anche>Il Presidente LAV Felicetti alla manifestazione di Milano: “Domani a Roma, con la speranza per tutti noi di un mondo diverso e di solidarietà”

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Rosella Schiesaro

Avatar photo
Nata a Savona, di origini toscane, Rosella Schiesaro ha svolto per più di vent'anni attività di ufficio stampa e relazioni esterne per televisioni, aziende e privati. Cura per LiguriaDay la rubrica Il diario di Tourette dove affronta argomenti di attualità e realizza interviste sotto un personalissimo punto di vista e con uno stile molto diretto e libero. Da sempre appassionata studiosa di Giorgio Caproni, si è laureata con il massimo dei voti con la tesi “Giorgio Caproni: dalla percezione sensoriale del mondo all’estrema solitudine interiore”. In occasione dei centodieci anni dalla nascita del poeta, ci accompagna In viaggio con Giorgio Caproni alla scoperta delle sue poesie più significative attraverso un percorso di lettura assolutamente inedito e coinvolgente.

Articoli simili

Rapina in centro storico, arrestati i presunti colpevoli

#rapina, #centrostorico, #genova, #polizziadistato, #criminalità La Polizia di Stato ha arrestato tre giovani, di cui …

LiguriaDay