Festival della Scienza Cauthamente
Festival della Scienza Cauthamente

Il Festival della Scienza Cauthamente trasforma Cortona in un villaggio scientifico

Condividi su
Tempo di lettura: 3 minuti

In arrivo un vero e proprio villaggio scientifico

Cauthamente: si moltiplicano dimensione e impegno dell’evento a firma di Cautha: il 19, 20 e 21 ottobre al Centro Convegni Sant’Agostino torna il Festival che nel cuore di Cortona vedrà un villaggio scientifico dinamico con conferenze, laboratori, mostre, presentazioni e migliaia di libri in vendita per beneficenza.

Ospiti molto famosi tra cui Riccardo di Marco, content creator di Geopop, i content creator Chimicazza, Marco Il Giallino, Alberto Giannone, il founder dell’Istituto Mario Negri Silvio Garattini.

Silvio Garattini
Silvio Garattini

E altri ancora, per uno sguardo sulla scienza che alternerà le competenze accademiche ai migliori esempi di divulgazione, con particolare attenzione ai più giovani.

L’associazione culturale Cautha, che conta ormai quasi quaranta ragazzi, ripropone con gioia a Cortona il suo evento principale.

Il Festival della Scienza Cauthamente, alla sua seconda edizione, ha come tema di  quest’anno: la connessione, tra circuiti e schede madri, tra atomi e molecole, certo, ma anche fra discipline diverse, e infine connessioni fra esseri umani.

Le connessioni sono ciò che porta la scienza fuori da sé stessa e che la fa diventare conoscenza.

In attesa del 19 ottobre, data di inizio del Festival

“Giovani e cultura, un binomio che si dimostra decisamente più attuale di quanto non si voglia far credere.

Dopo un anno che ci ha visti impegnati in mostre, concerti, serate e presentazioni e durante il quale siamo cresciuti davvero tanto per numero di ragazzi e per competenze, torniamo a proporre il nostro motivo d’orgoglio principale: il Festival della Scienza Cauthamente.

Credo non ci siano parole – dichiara Iacopo Mancini, Presidente di Cautha – per descrivere l’entusiasmo che proviamo ogni giorno di più all’avvicinarsi di quel 19 ottobre, non solo per un evento di valore che porta tra le nostre mura la cultura scientifica, ma per tutto ciò che ruota intorno alla manifestazione.

Vedere costituirsi un gruppo di giovani under venticinque con la passione negli occhi, accomunati dalla voglia di cultura e di impegno per Cortona, vederlo crescere e prendere il volo accresce in noi la convinzione di essere nella direzione giusta”.

Un Festival sempre più prestigioso

“Le dimensioni del Festival quest’anno sono a dir poco triplicate rispetto alla prima edizione, su ogni fronte. Con esse si moltiplica l’impegno che siamo chiamati a dedicare all’evento, certo, ma anche l’energia che sempre più persone mettono al servizio di Cortona, a partire dagli associati fino ad arrivare a tutti i nostri partner e sponsor.

Una squadra di decine e decine di attori con tanta voglia di dare, che si fa forte anche del sostegno della cittadinanza.

Ci tengo fin da ora a ringraziare tutti coloro che hanno donato o doneranno un libro, tutti i ragazzi degli istituti superiori che cureranno i laboratori, gli insegnanti, gli enti che hanno patrocinato e sponsorizzato l’evento, tutti i partner e tutta la squadra di Cautha, che nominare nella sua interezza sarebbe impossibile ma che vi invito a venire a conoscere al Festival”.

Il Festival è realizzato da Cautha con la collaborazione e il contributo del Comune di Cortona, della Banca popolare di Cortona, di Amici di Francesca, di Cortona Sviluppo, della Regione Toscana.

E di numerosi sponsor, con il sostegno e la collaborazione del Comune di Castiglion Fiorentino, di A spasso con lo scrittore, dell’istituto Mario Negri e di Mirandola Comunicazione.

Tre giornate all’insegna della scienza con ospiti d’eccellenza

Dal 19 al 21 ottobre il Centro Convegni Sant’Agostino si trasformerà in un enorme scheda elettronica le cui componenti saranno.

L’auditorium, che ospiterà le conferenze, il porticato con le mostre di trenta reperti di Archeoplastica e “Tra il nulla e l’eterno” (esposizione composta delle opere di Luigi Suglia e di Roberto Dori), accompagnate dalla vendita di libri a un euro nel progetto Uno, nessuno e centomila per la Fondazione Meyer.

Infine le sette sale che ospiteranno altrettanti laboratori curati dagli istituti superiori Luca Signorelli, Angelo Vegni, Giovanni da Castiglione e Guido Marcelli, da Assosommelier, da Leggere come Anna e da Nadia Innocentini.

Le conferenze nell’auditorium del Centro Convegni quest’anno offriranno una scaletta varia e adatta a ogni pubblico, con ospiti di fama nazionale provenienti dal mondo dei social, della medicina, della scrittura, della comunicazione, dell’associazionismo, della scuola e dell’attivismo.

Tra i più noti Riccardo di Marco, content creator di Geopop, i content creator Chimicazza, Marco Il Giallino e Alberto Giannone, il founder dell’Istituto Mario Negri Silvio Garattini, la giornalista scientifica Silvia Bencivelli, lo scrittore Marco Malvaldi e tanti altri.

Si alterneranno sul palco toccando i temi più disparati, riunendosi a conclusione delle giornate di venerdì e sabato in due tavole rotonde.

A chiusura del festival l’artista climatica Lotta, già ospite di Cautha questa estate nel Dopofestival di Kilowatt.

Riccardo De Marco
Riccardo De Marco

La macchina organizzativa del Festival

Anche quest’anno un ruolo di primo piano nell’organizzazione della manifestazione spetta all’Amministrazione comunale, in particolare al Vicesindaco e Assessore alla cultura Francesco Attesti che ha affiancato l’associazione Cautha sin dalla nascita del progetto nel 2022.

Il Vicesindaco Attesti ed il Presidente di Cortona Sviluppo Fabio Procacci saranno premiati dai ragazzi di Cautha con il “Giovane Dardano” – premio  realizzato dall’artista Giacomo Roggi – per l’impegno profuso in questi anni nell’accogliere e supportare idee e progetti dei più giovani.

“Avere la possibilità di osservare da vicino il lavoro di questi ragazzi e di accompagnarlo mi riempie di fiducia nel futuro – dichiara Francesco Attesti, Vicesindaco e Assessore alla cultura del Comune di Cortona – e e mi ricorda come sia importante credere nelle capacità dei più giovani e rendersi disponibili all’ascolto e all’aiuto ove necessario.

Da decenni non si affacciava su Cortona una realtà così ben strutturata fatta di ragazzi e sono convinto che sia una linfa vitale per il tessuto sociale del territorio.” Dichiara Francesco Attesti, Vicesindaco e Assessore alla cultura del Comune di Cortona.

“Quest’anno il Festival della Scienza Cauthamente si supera, arrivando a coinvolgere ospiti e realtà del panorama nazionale, la maggior parte degli istituti del territorio e soprattutto tantissimi ragazzi.

Un’opportunità senza pari per tutta la cittadinanza di approfondire le tematiche scientifiche e di respirare il fertile clima di una generazione che guarda al futuro. Sarà d’altronde un grande onore ricevere il premio Giovane Dardano proprio in questo contesto”.

Fondamentale anche il supporto della Regione Toscana, che nella persona del Presidente Eugenio Giani ha da poco conosciuto l’associazione e i suoi progetti, apprezzandone impegno e dedizione.

Cortona crocevia fondamentale per arte, cultura e scienza

“Un’altra iniziativa decisamente azzeccata da parte dei giovani di Cautha – dichiara Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana – che contribuisce a rendere Cortona sempre di più come un crocevia fondamentale per l’arte, la cultura e la scienza.

Ed è proprio la scienza ad essere al centro di questa seconda edizione, incentrata sul tema della connessione, che si preannuncia davvero interessante.

Prima di tutto perché parla alle giovani generazioni, coinvolgendo i ragazzi delle scuole, i loro insegnanti, enti ed istituzioni.

E poi perché, con un sapiente gioco di squadra, riesce a tenere insieme tutti in un dialogo fra generazioni, dove la scienza si rivela e diventa conoscenza diffusa.

Una formula interdisciplinare e innovativa, che la Regione ha deciso di sostenere, anche economicamente, perché impegna un’intera comunità e la arricchisce, rafforzandone i legami e, appunto, le connessioni”.

Determinante anche il contributo della Banca Popolare di Cortona, che ha seguito il progetto del Festival sin dalla fase embrionale e continua ad accompagnarne la realizzazione.

La mission della Banca di Comunità

“Una Banca di Comunità è una cosa speciale – dichiara Roberto Calzini, Direttore generale Banca Popolare di Cortona SCpA – ha una missione ben precisa che va oltre l’attività tradizionale che tutti percepiscono, cioè fornire servizi finanziari, trasferire nel tempo e nello spazio il denaro permettendo l’incontro tra chi investe e chi intraprende.

Ma questo lo fanno più o meno bene tutte le banche.

Una Banca di Comunità ha in più il compito di contribuire alla creazione delle condizioni perché possano nascere le cose, favorire la diffusione della cultura dell’imprenditorialità come elemento essenziale e imprescindibile per lo sviluppo socio antropologico dei territori e della sua gente”.

“I Ragazzi di Cautha interpretano pienamente questo spirito; nel loro entusiasmo contagioso, nella loro capacità di osare e lanciare il cuore oltre l’ostacolo, nella loro sorprendente attitudine a vedere le cose da diversi punti di vista, riconosciamo la postura dell’uomo moderno.

È un vero piacere per la nostra Banca aver contribuito a sostenere lo sviluppo di questa bella idea, auspicando che possa gradualmente diventare molto di più di una bella manifestazione”.

Altra collaborazione determinante per la riuscita del Festival sarà quella con l’associazione Amici di Francesca, che farà anche da ponte con l’Istituto Mario Negri per un forte apporto della componente accademica tra gli ospiti del Festival.

Per l’occasione, nella giornata di venerdì alle 14:30, sarà anche conferita la cittadinanza onoraria al fondatore dell’Istituto, il professor Silvio Garattini.

Associazione Gli amici di Francesca

“Quando l’anno scorso, nel mese di giugno, con l’associazione Amici di Francesca abbiamo portato a Cortona il Festival La scienza come Conoscenza, ho avuto modo di conoscere i ragazzi dell’associazione Cautha.

Fin da subito – spiega Franco Cosmi, Presidente di Amici di Francesca – hanno dimostrato di possedere l’abnegazione necessaria a portare a termine un impegno come quello di costruire un Festival fatto dai ragazzi per i ragazzi.

Con grande piacere ho dunque accettato di partecipare alla prima edizione di Cauthamente, riscontrando una sbalorditiva capacità organizzativa”.

“Non potevamo che unire le forze, quest’anno, per un’edizione comune.

Così La scienza come conoscenza entra a tutti gli effetti a far parte dell’ecosistema Cauthamente, arricchendolo con luminari della medicina provenienti dall’Istituto Mario Negri e offrendo la competenza di esperti al programma del Festival.

Colgo l’occasione per ringraziare il professor Silvio Garattini, con cui collaboriamo ormai da tanti anni e che sono lieto diventerà nostro concittadino proprio durante il Festival”.

Cortona Sviluppo e il presidente Fabio Procacci

Alla realizzazione del Festival concorre altresì Cortona Sviluppo, che collabora con Cautha da quando l’associazione è nata, accompagnandola nel suo percorso attraverso eventi e festival. 

Il Presidente Fabio Procacci è stato d’altronde colui per il quale il premio Giovane Dardano è nato, a seguito della collaborazione tra le due realtà per il Cortona Comics e in particolare per il concerto di Tananai: anche Procacci riceverà il premio durante l’inaugurazione del Festival.

“Ho creduto in questi ragazzi sin dal primo momento – dice Fabio Procacci, Presidente di Cortona Sviluppo – convinto che una ventata d’aria fresca e nuova avrebbe fatto bene.

E così è stato, tanto al panorama culturale quanto a quello dell’intrattenimento di Cortona.

Il supporto da parte di Cortona Sviluppo non è quindi mai mancato.

Dalla prima edizione del Festival Cauthamente alle altre iniziative di quest’anno, che hanno visto Cautha collaborare con noi su più fronti e con enormi risultati.

Sono felice di poterli aiutare nel rinnovare l’offerta di Cortona e far sì che la vita attiva si apra ai più giovani, qualcosa che negli ultimi anni è mancato.

Ricevere il premio Giovane Dardano, e anzi ispirarne la costituzione, mi rende molto felice, ma soprattutto mi conferma che porsi in ascolto dei ragazzi e supportarli nei loro progetti dà molte soddisfazioni”.

La collaborazione con il Comune di Castiglion Fiorentino

Altra realtà senza cui il festival si sarebbe realizzato solo in percentuale è il Comune di Castiglion Fiorentino.

Cautha prosegue infatti in una collaborazione attiva e dinamica, cominciata con la scorsa edizione del Festival, ma rinnovata in più occasioni, come durante il Castiglioni Film Festival.

Il patrocinio dell’Amministrazione si accompagna dunque al supporto nella realizzazione del progetto Uno, nessuno e centomila, che nasce proprio a Castiglion Fiorentino, con la raccolta dei libri dalla comunità e la vendita degli stessi al prezzo di un euro.

“Ho avuto modo di approfondire la conoscenza dei ragazzi di Cautha durante quest’ultimo anno e devo dire che sono molto felice di collaborare con loro in questo progetto.

Così spiega Massimiliano Lachi, Assessore alla cultura del Comune di Castiglion Fiorentino.

Uno, nessuno e centomila esce dai confini di Castiglioni per la seconda (e non certo ultima) volta, con una veste speciale in quanto il ricavato della vendita sarà devoluto alla Fondazione Meyer di Firenze.

Doppio orgoglio dunque da parte mia e della nostra Amministrazione, nel vedere un progetto in cui ho creduto con tutto me stesso prendere il volo e arricchirsi con la passione di ragazzi che mettono anima e corpo in ciò che fanno.

Sono certo che anche quest’anno il Festival si rivelerà un grande successo.

Ed è un piacere poter dare il nostro contributo: due Città come Cortona e Castiglion Fiorentino, quando si mettono insieme come in questo caso, hanno un grandissimo potenziale”.

Il programma del Festival Cauthamente

Clicca qui per scaricare il programma di Cauthamente

Cautha è un’associazione culturale pensata dai giovani per i giovani, che conta un nutrito gruppo di ragazzi di Cortona, e non solo, accomunati dalla voglia di spendersi per il territorio.

Dal 2021 propone attività culturali e di intrattenimento in collaborazione con le principali realtà del Comune.

Con l’obiettivo per avvicinare sempre di più le nuove generazioni a un necessario senso di appartenenza alla propria Città.

Tutto questo grazie all’appoggio di un grande numero di realtà che credono in lei, la affiancano nella realizzazione dei suoi progetti e la supportano economicamente.

L’associazione permette di trasformare idee in attività realizzabili, con un’organizzazione sempre più strutturata ed efficiente.

E mette in relazione il mondo giovanile con quello dell’impresa e dell’amministrazione pubblica.

Sempre di più i ragazzi che si avvicinano a Cautha con dei progetti e che con Cautha riescono a mettere questi progetti a terra, creando valore per il territorio.

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Rosella Schiesaro

Avatar photo
Nata a Savona, di origini toscane, Rosella Schiesaro ha svolto per più di vent'anni attività di ufficio stampa e relazioni esterne per televisioni, aziende e privati. Cura per LiguriaDay la rubrica Il diario di Tourette dove affronta argomenti di attualità e realizza interviste sotto un personalissimo punto di vista e con uno stile molto diretto e libero. Da sempre appassionata studiosa di Giorgio Caproni, si è laureata con il massimo dei voti con la tesi “Giorgio Caproni: dalla percezione sensoriale del mondo all’estrema solitudine interiore”. In occasione dei centodieci anni dalla nascita del poeta, ci accompagna In viaggio con Giorgio Caproni alla scoperta delle sue poesie più significative attraverso un percorso di lettura assolutamente inedito e coinvolgente.

Articoli simili

Operazione antidroga Savona

Spacciatore in scooter senza casco: il crimine non paga

GENOVA – Un giovane di 25 anni, pensando forse di dare meno nell’occhio, ha scelto …

LiguriaDay