Emanule Luzzati

Na Passeggiata in Vespa cò Emanuele Luzzati

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti

Amici lettori bentornati in Suite Romana. Oggi cjavemo er piacere dè avè cò noi n’bravo artista che nun è Romano ma Genovese quindi è pè mè n’prìvìlègio e n’dòvèròso omaggio ar giornale che cò grande gènèròsìtà quotidianamente frà le sue pagine mè dà spazzio e opportunità dè esse quà. Sò pertanto fèlice ed onòràto dè pòrtallo a spasso pè Roma a bordo dè stà bella Vespa sidecar còlòràta pè l’occasione dè mille còlòri come fosse n’arcobaleno.

St’artista sè lò vedète n’viso lò scàmbièrèste pè n’tranviere, pè n’nègòzziante che venne cò gèntilezza e cortesia scarpe e vestiti, pè n’giòrnàlàro che tutte le mattine apre er chiosco puntuale come n’oròlògio svizzero. E n’vèce, macchè è n’genio e n’operaio dèr disegno e dèr colòre, n’grande artista dàr nome semplice, pè tanti pòco noto ma che a Hollywood è stato pè dù vòrte vìcìno a vince l’oscar.

EMANUELE LUZZATI (Genova, 3 giugno 1921 – Genova, 26 gennaio 2007)

Per la stragrande maggioranza della sua vita ha vissuto a Genova a dimostrazione del suo amore per i luoghi a lui cari. Una personalità, la sua, per natura umile e bonaria alla mano con tutti, proprio la manualità è quella caratteristica del suo talento che lo ha reso celebre.

Emanuele Luzzati è stato un grande scenografo teatrale, un illustratore e come un grande artigiano dell’arte ha spaziato dalla scenotecnica, al cartone animato, alla grafica, alla ceramica, alla decorazione di interni, un artista infaticabile guidato dalla sua passione e dall’amore per l’arte, ha lavorato ininterrottamente per decenni lasciandoci improvvisamente nel 2007 a causa di un malore improvviso nella casa dove da sempre aveva abitato.

«Di fronte alle sue scenografie si ha quasi sempre l’impressione di finire mani, piedi e pensieri dentro un sogno» (Giorgio Strehler)

Na Passeggiata in Vespa cò Emanuele Luzzati

Esco dar garage cò la Vespa sidecar tutta còlòrata che è nà bellezza, tutti mè guàrdèno e cò la mano mè salutano, rido e sò fèlice perchè stò annà a pja n’artista che è simpatico e gentile. Jò dato appuntamento ar bar dè S. Giovanni, oramai frà l’artisti sè sparza la voce che còme sè vèdèmo mè scroccheno la colazzione, ecco parcheggio ma mica lò vedo, entro ner bar fòrze già sè accomodato.

-Ciao Chiara, per caso hai visto un signore distinto, dall’aria simpatica, cò l’occhiali e la risata pronta?

-Sì, eccòlo là, stà a pàrlà cò Franco er gelàtàro.

Franco er gelataro e Emanuele Luzzati stanno cordialmente conversando.

-Maestro mi scusi per il ritardo

-Ma no tranquillo, ho approfittato pè scambià quattro chiacchiere cò Franco

-Walterino ma sai che st’artista è un grande? Lele sè rimanete ancora n’pò continuamo a chiacchierà e ner mentre vè offro n’ber gelato. Allora che fate rimanete?

-Se Walter e là redazzione nun cjànno gnente n’contrario pè mè và bene

-E che vè posso dì? Fate n’pò come vè pare! Tanto ar Quo Vadis manco stà vòrta lò sò che nun cjannamo.

-Ragazzi solo n’momento e arrivo, voi nun vè mòvète pè lì gusti der gelato fidàtève dè me, state n’bòne mani.

Saltellando Franco er gelataro gira dietro er banco frigo.

-Maestro veramente vòlevo pòrtàlla a spasso pè Roma e n’tèrvistalla

-Walterino sai che facciamo? Sè pjamo n’ber gelato, cò Franco er gelataro dè arte chiacchieramo e poi dopo sè nè annàmo.

-E dove? Anche oggi la tappa ar Quo Vadis è ita.

-Che nè dici dè pòrtàmme a vèdè er quartiere Coppèdè?

-Tiè Emanuè, che bella idea, vabbè sè pò fà.

Franco torna con tre gelati super.

Amici lì vèdète questi gelati? L’arte è n’tòrno a noi solo che cè pjacèno lè cose complicate.

-Franco che vuoi dire?

-Emanuè, vojo dì che l’arte è fatta di lavoro, esperienza, sacrificio, impegno, studio, anche talento, certo chè cè vò er talento ma nun bisogna pjà le scòrciatoie, anche sè faccio er gèlatàro dè arte mè nè n’tèndo e càpisco che sè nun cè metto l’anima e pènzo solo alla vil moneta er gelato nun viè bòno, oh! E’ più forte dè mè, io cè lò cò chi fà arte astratta, fatta male, la spaccia pè fènomenàle, all’avanguardia ma dè fondo nun sà dè gnente e pè mette a’ ciliegina sulla torta, er còllèzzionista la paga n’botto, sàrgono le quotazzioni e tutti la chiamano grande arte.

-Franco nun sì arrabbi, l’arte è un quàrcòsa dè stràordinario, nun sia così critico e sèvèro.

-Emanuele ha raggione, Frà nun tè là pjà.

-Maestro l’arte moderna la possono chiamare come vogliono, possono pagarla come vogliono, n’zomma sò affaracci loro ma non la devono chiamare arte, la vera arte è tutta n’artra cosa, per esempio signor Luzzati, mè lò lasci dire, i suoi disegni, i suoi colori sono frutto der talento ma anche der grande lavoro che cè alla base. Lei ha lavorato nà vita, cjà le dita conzumate dar temperino e nelle vene nun cjà er sangue ma er colore, nei pòrmòni pure l’aria è còlòràta perchè ha lavorato come n’contadino alla vigna. Quanno lei è venuto n’sacco dè vòrte ar teatro dell’opera dè Roma mica cjà pòrtàto l’aria fritta ma la vera arte e le scenografie, tanto pè fà quàrche nome dello Schiaccianoci, l’Usignolo, er Principe felice, lì sette peccati capitali, Burlesca, fàcèvano entrà lò spettatore in un mondo dè fiaba eppùre così vicino alla vita dè tutti i giorni! E poi pè nun parlà dè lì costumi che lei ha disegnato, maestro mè pèrmètta la sua è arte moderna ma fatta cò lì controcaxxi artro che nà banana attaccata cor nastro addosso ar muro oppure nà merda d’artista dentro a n’barattolo.

-Franco lei è troppo buono, io ho fatto quello chè pòtevo sòlo cò stè mani, dè certo nun mè sò fermato mai. La forza mia è stata la curiosità dè vedè er monno a modo mio n’maniera semplice e ironica, vòlevo strappà sòrisi e fà vòlà la gente cò la fantasia pè supèrà ogni difficoltà, ogni amarezza. Lo sò che er segno mio era n’cisìvo, deciso, quasi graffiato ma era sòlo pè daje forza e coraggio e Walterino, tè chè dè còlòri cè capisci, sarai d’accordo cò mè che quanno stènnèvo er còlore era vera poesia che sulle note musicali esprimeva dòrcèzza e armònia, tutto era n’tònàto. Ogni còlore cjavèva nà sènsibilità. E’ vero la mia arte era vera nun vojo dì dè no, ho fatto quello che ho pòtuto pè amòre della vita e dell’arte chè pè tutti noi è come n’abito che cjavemo indosso. Noi sèmo fatti dè poesia, dè sèrenità, dè nà vitàlità eterna ecco perchè dà Genova nun mè sò mai spòstato, ho girato er monno ma poi sempre a casa, sempre la stessa, sò aritòrnàto.

Franco è rimasto in silenzio e pure io, nun servòno artre parole pè cònclude stà convèrzazione che grazie a franco er gelataro è stata n’pò animata. Spèramo che Chiara nun sè sia n’càzzàta, n’fonno cjavemo messo tutti er còre. Emanuele Luzzati cjà messo dè più, lui è n’vero artista che sottovoce è stato n’grande e a Roma le scenografie sue a Piazza Beniamino Gigli in eterno arimàrranno.

-Però! Bòno stò gelato, bravo Franco!

-Maestro sè ritorna a Roma, prima der gelato, sè fàmo pure dù spaghetti

-Franco, facciamo ajo e ojo oppure ar sugo?

E così su questo dubbio amletico/gastronomico io ed Emanuele Luzzati usciamo per andare a spasso per Roma, n’sella alla Vespa dè Luca dà S. Giovanni pàssàmo davanti a Santa Croce, poi a via dello scalo S. Lorenzo, prima dèr Veràno giramo a sinistra tutta dritta pè Viale Reggina Margherita. Attraversamo a’ Nomentana, dopo er semaforo proseguimo pè via della Regina e dopo gireremo a sinistra sotto l’arco chè cè fà entrà ner quartiere Liberty e Barocco unico ar monno. A Via Tagliamento nun pòtemo fà a meno dè sognà cò la memoria dè trovasse dentro ar Piper, fà n’giretto a Piazza Mincio cò la funtàna della Rana n’dove sembra che Paul, John, Ringo e George m’briachi sè sò fatti er bagno, ma còr villino delle fate come la mettemo? Nun è più er tempo delle fiabe ma l’arte cjà er potère dè fermà er tempo, via Brenta, Via Aterno, che volere dè più dàr genio umano dè Gino Còppèdè?

N’tanto er sole stà pè càlà è ora dè ritornà n’garage, io ed Emanule Luzzati avèmo fatto n’ber giro, oggi v’ho presentato Franco er gelataro, n’artro personaggio che sembra burbero n’realtà vòle bene all’arte e sè sarò ispirato tornerò a daje voce.

Cari lettori dè Suite Romana ritornamo presto cò n’artro artista a sorpresa, grazie a tutti per supporto e pè la vicinanza. Noi cercamo dè fà bene, dè sicuro quello che scrivo è sempre dè vera fantasia pè gnente artificiale.

Chi sarà er prossimo artista n’tèrvistato? Fàmo a sòrpresa? State cò noi dè sicuro nun s’annòiamo.

Foto di copertina: Favole e Fantasia.com

Ti può interessare leggere anche

Nà passeggiata n’Vespa con Giorgio De Chirico

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

Appassionati di true crime segnate : Canti di guerra, di Stefano Nazzi

Delle loro storie racconta il giornalista del Post, come solo lui sa fare. Ci riporta …

LiguriaDay