Festival dello Spazio a Busalla

Festival dello Spazio a Busalla dal 29 giugno al 2 luglio

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Al Festival dello Spazio un viaggio nel futuro con i robot dell’IIT e le novità editoriali presentate da “Spacebook”

L’Istituto Italiano di Tecnologia rinnova la sua partecipazione alla rassegna ideata dall’astronauta Franco Malerba che, anche quest’anno, si aprirà con una panoramica sulla letteratura di settore curata da Massimo Morasso

In attesa di conoscere tutti gli altri ospiti speciali della settima edizione del Festival dello Spazio, in programma alla Villa Borzino di Busalla dal 29 giugno al 2 luglio prossimi. anche quest’anno la rassegna, architettata da Franco Malerbaprimo astronauta italiano e busallese doc, si conferma un’importante occasione di incontro e di confronto tra alcune delle più importanti realtà scientifiche in campo nazionale e internazionale.

Tra queste, come ormai da tradizione, anche l’Istituto Italiano di Tecnologia, che sarà presente a Villa Borzino con due dispositivi interattivi: una consolle di manovra per attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale e a futuri veicoli di esplorazione spaziale; ed un piccolo robot autonomo capace di funzionare in ogni condizione di gravità, o in assenza di essa, grazie a cingoli magnetici. 

Festival dello Spazio a Busalla: le parole di Carlo Canali ricercatore dell’IIT

«Lo spazio è un ambiente ostile, pericoloso e ricco di insidie: ecco perché l’uomo ha bisogno di nuove tecnologie che possano aiutarlo nell’esplorazione dell’ultima frontiera – afferma Carlo Canali, ricercatore dell’IIT – e l’Istituto Italiano di Tecnologia propone un esempio dei robot su cui stiamo lavorando che ci aiuteranno a costruire strutture in orbita, fare manutenzione a satelliti, catturare detriti in orbita ed esplorare mondi lontani». Chi verrà al Festival dello Spazio potrà dunque raggiungere, in un immaginario viaggio nel futuro, una base spaziale popolata da robot capaci di manipolare oggetti, riparare satelliti, navigare sulla superficie di pianeti lontani.

Un viaggio nel futuro che si declinerà anche attraverso le ultime proposte nel campo della letteratura di settore: per il terzo anno consecutivo, infatti, il Festival si aprirà giovedì 29 giugno all’insegna di “Spacebook”la prima iniziativa in Italia dedicata all’editoria aerospaziale:un laboratorio di idee curato da Massimo Morasso e pensato affinché gli addetti ai lavori possano raccontarsi “fuori dalle righe”. I libri e i rispettivi autori protagonisti di questo giro d’orizzonte saranno il ricercatore del Scitec (CNR) Fausto Cargnoni con “Sol.O.” (L’Obliquo, Brescia, 2022); l’ingegnere e scrittore Carlo Di Leo ed il giornalista scientifico Antonio Lo Campo con “Ritorno alla Luna” (IBN, Roma, 2023); l’avvocato e dottore di ricerca in bioetica Paolo Donadoni con “Pianeta Futuro” (Dedalo, Bari, 2022); la ricercatrice in filosofia della Stanford University di Firenze Natacha Fabbri con “Profili di donne sulla Luna” (SNS, Pisa, 2023); il professore emerito di Costruzione di Macchine del Politecnico di Torino Giancarlo Genta, con “Prossima fermata Marte” (Bietti, Milano, 2023); e lo stesso Franco Malerba, che presenterà il suo ultimo saggio “Il cibo nello Spazio” (Dedalo, Bari, 2022).

La novità “Spacebook” illustrata dall’ideatore Massimo Morasso

«L’obiettivo di Spacebook – spiega il suo ideatore, Massimo Morasso – è offrire un importante contributo culturale alla comunicazione dello Spazio, fino a configurarsi come una vera e propria piccola fiera del libro spaziale, che prende le mosse dal Festival per spaziare, è il caso di dirlo, intorno alla galassia dell’editoria di settore e di quei media che si occupano a diverso titolo di Spazio, dai libri tradizionali agli audiobook, dai periodici cartacei ai magazine digitali, dalla televisione al web, e coinvolgendo tutto il mondo della cultura e della divulgazione spaziale, dalla cosiddetta “Science-Fiction” alla fantascienza, dall’editoria per l’infanzia e del fumetto alla trattatistica e alla divulgazione».

Si sono chiusi, intanto, i termini per partecipare alla terza edizione del Premio Festival dello Spazio organizzato in collaborazione con la Scuola Internazionale Superiore per la Ricerca Interdisciplinare (Sisri) di Roma: dieci gli elaborati selezionati, tra i quali la giuria– composta dal direttore della Scuola Don Giuseppe Tanzella-Nitti, dalla “signora delle comete” Amalia Ercoli Finzi e dall’antropologo Marco Aime – decreterà a breve le tre nominations candidate al premio di mille euro. Tutti e tre i finalisti saranno invitati a presentare i propri lavori a Busalla nel giorno conclusivo del Festival, domenica 2 luglio, e solo allora si conosceranno i nomi del vincitore, o della vincitrice, e i due secondi classificati cui andrà il premio di consolazione.

COMUNICATO STAMPA

Ti può interessare anche:

Porti e infrastrutture: firmato il protocollo d’intesa per lo sviluppo, la sostenibilità e l’occupazione di Vado Ligure

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Francesca Galleano

Avatar photo
Francesca Galleano, 25 anni, laureata in Lettere e in Informazione ed Editoria. Appassionata di calcio, cultura, viaggi e fotografia. Caparbia, determinata e responsabile ma anche sognatrice e capace di stare contemporaneamente con i piedi per terra ma la testa tra le nuvole.

Articoli simili

Rapina in centro storico, arrestati i presunti colpevoli

#rapina, #centrostorico, #genova, #polizziadistato, #criminalità La Polizia di Stato ha arrestato tre giovani, di cui …

LiguriaDay