vespa con Mimmo Rotella
Mimmo Rotella - Fonte foto: wikipedia

Nà passeggiata n’Vespa con Mimmo Rotella

Condividi su
Tempo di lettura: 3 minuti

Amici lettori dè Suite Romana eccoci ritornati per un nuovo appuntamento, avète visto chi c’è oggi n’còpertina? N’grande artista chè cjà er fòco nelle vene e nella testa, mè stà aspettà chè lò vado a pjà, vòjo esse puntuale e la Vespa sidecar color rosso ciliegia è tirata a lucido, stirata, n’profumata, n’garage a piazza Margana sò maestri della perfezzione,  vòi nun vè mòvete, m’ariccomanno seguitèce tanto annàmo piano l’arte mica và dè corza, l’arte è come n’vènticello che spettina i capelli, strappa n’sòriso birbantello e còlòra la giornata.

Mimmo Rotella, (Catanzaro, 7 Ottobre 1918 – Milano, 8 Gennaio 2006)

Se pensiamo alla data di nascita di questo artista ci viene da chiedere come un personaggio così moderno e rivoluzionario possa essere nato in un’epoca poco distante dalla fine dell’800.

La spiegazione sta nel fatto che Mimmo Rotella era per natura dotato di un’intensa vivacità intellettuale e di un entusiasmo creativo tale da superare ogni schema preconcetto. Nell’immediato dopoguerra, dopo aver prima studiato e poi insegnato arte a Catanzaro, si trasferisce a Roma; qui si unirà ai gruppi di giovani artisti rampanti, tutti al lavoro per far emergere l’arte dalle ceneri del dramma bellico.

Ma è nel corso degli anni ’50 e ‘60 che Mimmo Rotella, coraggiosamente, girerà l’Europa e gli Stati Uniti per ampliare la propria esperienza artistica.

L’impatto con nuove realtà esaltanti ma lontane una galassia dalle proprie radici lo illumineranno sul suo essere artista. Saranno anni intensi di incontri, contatti e confronti con l’ambiente creativo più propulsivo del momento e l’eclettico artista calabrese spazierà con il suo talento fra pittura, decollage, fotografia, tecnica tipografica, registrazioni audio e poesia sperimentale.

Proprio per questo Mimmo Rotella non si accontenterà di godersi il successo del momento ma prenderà la rincorsa sempre pronto a sperimentare nuove tecniche alla ricerca di un nuovo linguaggio.

Quindi in un momento decisivo della propria vita, mette da parte pennelli, tele, tubetti di colore, strumenti che ormai non gli bastano più e nel 1953, dopo essere ritornato a Roma scopre, come fulminato dal dio dell’arte, quel mondo, il suo mondo, che lo renderà celebre protagonista della pop art.

Da quel momento lavorerà a stretto contatto con gli artisti della sua stessa pasta che in giro per il mondo inventarono un nuovo realismo, punto fermo dell’arte moderna della quale Mimmo Rotella poteva essere considerata la risposta italiana.

Nel 1980 si stabilisce a Milano e fino all’8 Gennaio del 2006, giorno della sua scomparsa, lavora senza sosta e lascerà un’impronta significativa nel mondo dell’arte.

-Ciao Mimmo

-Ciao Walter è n’ora chè t’spetto

-E vabbè questa è nà Vespa sidecar mica nà Kawasaky

-Allora, mò chè sè fà?

-Posso offrirti n’drink, n’caffè? dù patatine? apri er cassettino trovi tutto er necessarie.

-Ma bravo! Bella mossa!

Mimmo Rotella è un tipo facilmente infiammabile speriamo che adesso a spasso pè Roma gli passi.

-Mimmo pensavo di portarti al Quò Vadis.

-Io cjavrei n’artra idea.

-Dimme tutto

-Chè nè dici sè annàmo a fà n’giro a Trastevere? Ar Quò Vadis pòrtàce n’artro artista

-Mimmo è quello che dico pure io, sò sicuro che a Bernini l’Appia Antica càrza a pennello e a scàrpèllo,  vabbè daje mònta che pàrtìmo.

-Senti io n’vèce cjavrei pure n’artra idea, daje famme guidà a mè che sò pratico dei vicoli Trasteverini.

-Trastevere? Vòresti guidà tè? Vabbè, però m’ariccomanno nun lò fàmo sapè a Luca àrtrimenti la prossima vòrta cè manna a piedi.

-Tranquillo che n’giro nun troveremo nìsùno che sè nè accòrgèrà dè noi.

-Hai ragione oggi Roma sembra deserta.

-Nun lò sapevi?

-Dè chè?

-Stanno tutti davanti alla tv, c’è lò sbarco spaziale dell’astronauti sùr pianeta Marte.

-Tutti a vedè l’atterraggio sur pianeta rosso? E noi?

-Noi sè nè annamo a spasso pè Trastevere che cè nè frega dè Marte, Roma è così bella.

-Giusto maestro lei parla come un vero maestro.

E così Mimmo Rotella alla guida della Vespa sidecar parte a razzo direzione Lungotevere, sobbalzando sui sanpietrini anche sè nun sè potrebbe sàlimo sù ponte Fabricio, fàmo er giro dè l’isola Tiberina, pjamo ar volo er caffè dalla sòra Lella  cò nà sgommata Mimmo la sàluta, frena dè botto e scènde pè ponte Cestio, ar chioschetto nun pòtèmo fanne a meno anche sì nun fà troppo callo sè pjamo nà bella grattachecca, poi attràversamo Lungotevere ed entramo a tutto gas pè via dei Vascellari, qui lì vicoli sò stretti ma tàrmente belli che tutto è poesia, la gente a casa aspetta dè vedè Marte, noi guidati dall’arte fàmo l’amore cò Trastevere che ricambia cò n’sòriso perchè er sole fà càpòccella fra lì tetti e lè finestre aperte cò lì panni stesi che er venticello allegramente fà dòndòla. Ecco via dei Genovesi.

-Walterì tè piace stò palazzo?

-Mimmo a mè pare un pò troppo piatto

-E cjai raggione però è bello lo stesso

Mimmo Rotella alla guida della Vespa sidecar è felice come n’regazzino e ride

-Maestro perchè ride?

-Er tempo inesorabilmente cancella tutto anche la storia, pè fortuna esiste l’arte che lascia tracce dà per tutto ma nun t’accòrgi che pè Trastevere l’arte è viva e ha fermato er tempo? Mà nun è tutto e io tè dico che Trastevere è come l’isola chè nun c’è.

-Oh! Anvèdi là er negozzietto n’dò sè magna er baccàlà!

Mimmo Rotella nun mè posso lamentà guida forte ma è sicuro è stato n’grande artista nun sè mai fermato, ha sperimentato, ar momento giusto ha cambiato tendenza, nun sè mai arreso alla monotonia e alla banalità, addòsso cjaveva er fòco della creatività e senza paura n’vèntàva origginàlità, mò pè fòrtuna che n’torno nun cè nessuno, tutti stanno a vedè l’atterraggio su Marte, noi n’vèce n’zieme  a voi lettori dè Suite Romana cè godemo Trastevere che sembra veramente n’artro monno, n’artra dimènzione, Roma anche ar dì là der Tevere è chiaro chè è nà città unica sù stò pìanèta però Trastevere cjà sempre n’fascìno spèciale e n’immagine senza dubbio chè pòtèmo  dìì teatrale. Mimmo adesso vòrèbbe annà a vedè Reggina Cèli n’dòve forze n’giustamente cinque mesi cjà passato mà cjarìpènza e n’bòcca via della Lungara, via della Scala, piazza S.Egidio poi gira a sinistra verso piazza Trilussa perchè è ora dè fermasse e dè parlà dell’arte sua chè l’ha reso famoso n’tutto er firmàmènto. N’tòrno pè lì vicoli tutto tace n’santa pace, noi parcheggiamo davanti ar monumento dedicato ar poeta Carlo Alberto Camillo Salustri, dàr cassettino pjo quàrche ciòccòlatino e…

Mimmo quanta Roma hai nel cuore?

-Sinceramente Roma è al primo posto, gli sono riconoscente è dà qui che ho avuto maggiore fiducia nelle mie capacità è a Roma che ho visto la luce che m’ha illuminato la mente ed è dà Roma che poi ho spiccato il volo, forse Roma merìtàva da mè maggiore attenzione ma Roma è come una mamma chè ama suo figlio e poi lò lascia andàre per non tàrpàrgli lè ali.

-Mimmo tu sei nato artista eri artista nèr dna, sull’onda dèr successo còme si fà a non pèrdersi pè strada?

-Er successo è nà brutta bestia, t’esàrta, tè gonfia l’ego, tè fà girà la testa e tè fà nàscònne er còre, ah! E’ proprio er còre che tè dà nà mano a nun perde dè vista la realtà e poi er lavoro che sè dà nà parte tè renne schiavo dà n’artra tè renne così vero e umano, tanto onesto dà compie n’atto dè fede,  er giuramento dè lavorà sempre cò passione, cò devozzione e la mia vèrzo l’arte è stata nà promessa dè amore eterno, ho sempre lavorato mica pè la gloria mà pè er piacere dè avè rèalizzato opere d’arte utili all’umanità è così che ho lavorato fino alla fine e sò contento dè essèce riuscito anche sè pè esse apprezzato sò dovuto annà fòra dè casa ma nun mè sò mai perzo sì è questo che tè m’avevi chiesto.

-Hai voluto più bene a Parigi o a New York?

-A Catanzaro anche se fòrze nun sèmpre m’hanno ben capito.

-Mimmo che ne pensi della pubblicità?

-Allora amico mio sè è arte è bene accetta ma sè è illusoria e fatta male allora è mejo che la gente cambi canale.

-Mimmo quando dè notte annàvi n’giro a stràppà lì manifesti quale è stato er mejo complimento che t’hanno fatto?

-Cè n’ho più dè uno, aspè fàmme ricordà…nò, ho detto nà càzzata perchè la gente manco mè guàrdàva, Oddio forze mè pjavano pè matto, pè n’pòràccio, pè n’mònnèzzàro, a’ notte girava gente che pjava a’ vita allegramente mica pènzava ad artro, sai com’è c’era er boom, io n’vèce pè sperimentazione m’ero messo n’testa dè compie nà missione, mà tè dico a’ verità n’tòrno a mè mica mè nè accòrgèvo dè quello che sùccèdeva, tutta àr più mè immedesimavo còr fìrm che vèdèvo stampato sùr manifesto, mè sentivo n’eroe o n’pròtagonista dè nà storia d’amore, bella cosa la fàntasia.

-E’ quello che manca adesso è vero?

-Direi di nò perchè la fantasia immortalata nell’arte è immortale, piuttosto la gente presa dà troppe probblematiche è distratta è sempre n’cazzàta, poi i mezzi dè comunicazzione dè massa nun sempre sò coerenti, tè alla gente daje gioia, ironia, speranza e poi vedi sè la fantasia riprende luce.

-E gli artisti?

-Fanno quello che possono, peccato che dèvòno renne conto a n’èlite, a n’club esclusivo, vèdono solo l’àrgiàn, ecco n’questo la pubblicità batte tutti perchè sè rìvòrge alla gente tutta n’cambio dèr quattrino regalando sicurezza, l’ideale sarebbe che l’arte sia nà cosa veramente popolare.

-Pop art?

-Magari àrìtòrna! mà deve dà esse viva, colorata, origginàle, ingenua, spontanea, alla pòrtàta dè tutti e anche n’pò senzazzionàle, nun t’accòrgi che la gente stà tutta n’pò addòrmèntàta?

-Mimmo che nè penzi dell’intelligenza artificiale?

-Bene, molto bene, forze finarmènte cè sàrà n’pò dè giustizzia, la tecnologia sarà uno strumento liberatorio dispònìbbìle e democratico pè tutti, la fantascienza mettèrà nà toppa a tutte le contraddizzioni umane anche sè poi mica lò sò sè dè stà modèrnità sè pòtèmo dà fidà ma..

-Ma?

-Nun mè viene la parola

-Come posso aiutarla a ritrovarla?

-Mè è vènuta n’idea, pjamo nà penna e là nàscònnèmo sotto a n’sanpietrino, sì n’dòmani la fantascienza pjerà er sopravvento, chi arìtròverà stà penna che noi avèmo nascosto, s’aricorderà che cò la scrittura a mano la memoria nun verrà cancellata e s’aricòrderèmo che cò le mani sè pònno fà ancora tante cosè, la fantasia nun è finzione ma è nà benedizzione, senti ma adesso per suggellare questo evento dobbiamo brindare, dentro al cassettino non avresti un bicchierino?

-Veramente ho due campari rossi e due bicchieri di plastica.

-Vabbè daje è mejo dè gnente chi s’accontenta gode.

E così amici lettori di Suite Romana io e Mimmo Rotella sotto ar monumento a Trilussa ci siamo incontrati e bisogna dirlo che nun è stato propriamente un caso, ora come sè fosse nà cerimonia solenne a beneficio dei posteri sotteràmo nà nòrmàlìssima penna sotto n’ sampietrino e a questo simbolico gesto brinderemo in omaggio all’arte, agli artisti a Roma e a tutta l’umanità, poi in garage ritorneremo, vi salutiamo e vi aspettiamo per il prossimo giro in Vespa sidecar nèr quale incontreremo un altro artista a sorpresa, mi raccomando sè pòtète dè noi pàrlàte bene.  

Strappà lì mànìfesti dalli muri è l’unica rivàrza, l’unica protesta contro nà società che ha perzo er gusto dè lì mutàmènti e delle trasformazzioni strabbilianti.”

Mimmo Rotella

Foto di copertina: fonte Wikipedia

Ti può interessare leggere anche

Nà passeggiata n’Vespa cò Christo e Jeanne-Claude

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

Un Oroscopo da stra’pazzo alle olimpiadi

L’OROSCOPO DA STRA’PAZZO del mese di LUGLIO 2024Amici lettori di Liguria day che seguite le …

LiguriaDay