scomparsi cinghiali Maggiolina
Cinghiali al Parco della Maggiolina

Scompaiono i cinghiali della Maggiolina

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

RICCO’ DEL GOLFO DELLA SPEZIA – I cinghiali salvati alla Maggiolina sono scomparsi nel nulla. La Lav (Lega anti-vivisezione) fa scattare l’allarme bracconaggio, oltre che dimostrare immediata indignazione.

Abbiamo sporto denuncia contro ignoti per furto del patrimonio indisponibile dello Stato, chiedendo l’attivazione di indagini accurate per individuare i responsabili di questo ignobile atto di bracconaggio“, ha reso noto Massimo Vitturi, responsabile area animali selvatici della Lav.

Sarebbero due femmine adulte, gli animali scomparsi. Femmine di cinghiale della vasta famiglia accompagnata in città con sette piccoli, che risulterebbero non più rintracciabili all’interno della zona di verde nel territorio di Riccò del Golfo in cui erano state trasferite dal 26 agosto scorso grazie all’intervento della Regione Liguria.

La loro storia è nota. Ed è stato il caso dell’estate, alla Spezia. Al Parco della Maggiolina gli animali erano stati ospitati tre settimane, provocando l’ira degli animalisti all’idea di un loro abbattimento e la gioia di bambine e bambini che accorrevano a guardarli dall’esterno dello spazio verde spezzino. Gli animali, salvati dopo un dibattito estivo, sono adesso scomparsi dal recinto in cui erano stati trasferiti. Almeno due di loro.

Per garantire la sicurezza degli animali, nonostante il luogo imposto d’autorità, la Lav – spiega la stessa associazione per la difesa degli animali – installò da subito un impianto di video sorveglianza e numerose fototrappole per monitorare la vita degli animali. Sono proprio le immagini – hanno aggiunto dalla Lav – raccolte con questi strumenti che hanno messo in allarme l’associazione, da qualche giorno, infatti, non viene più registrata la presenza delle due femmine adulte”.

Gli animalisti avrebbero voluto trovare loro ricovero in un centro specializzato nell’imperiese, ma almeno per questi due esemplari di cinghiale, almeno per il momento, sembra che non abbiano fatto in tempo.

Eppure in Liguria la caccia al cinghiale è aperta da qualche settimana con una quota abbattibile, stabilita sempre dalla Regione Liguria, di oltre 35mila capi.

I volontari – sottolineano ancora dalla Lav con Vitturi – si sono recati sul posto, hanno controllato palmo a palmo la recinzione e l’area all’interno e all’esterno della stessa, senza però rilevare alcun segno di effrazione, nessuna traccia di sangue né di trascinamento, insomma nulla che possa far pensare al destino di quegli animali”. Nessuna effrazione registrata, almeno per il momento.

Dunque le femmine di cinghiale potrebbero essere scappate.Abbiamo sporto denuncia contro ignoti – è infine stigmatizzato dalla Lav – per furto del patrimonio indisponibile dello Stato, chiedendo l’attivazione di indagini accurate per individuare i responsabili di questo ignobile atto di bracconaggio, vogliamo indagini accurate per individuare i responsabili”.

Sul tema più generale, rimane comunque rappresentativa la lettera invia dai sindaci della Val di Vara, compreso il primo cittadino di Riccò del Golfo, per chiedere maggiore collaborazione e un nuovo confronto, la giusta considerazione per gli allevatori della vallata costretti anche a fare i conti dei danni prodotti dai cinghiali.

NUNZIO FESTA

Può interessarti leggere anche

I sindacati spezzini chiudono i rapporti con la Marina

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Nunzio Festa

Avatar photo
Nato a Matera, ha vissuto in Lucania, a Pomarico, poi in Lunigiana e Liguria, adesso vive in Romagna. Giornalista, poeta, scrittore. Collabora con LiguriaDay, L'Eco della Lunigiana, Città della Spezia, La Voce Apuana e d'altri spazi cartacei e telematici, tra i quali Books and other sorrows di Francesca Mazzucato, RadioA, RadioPoetanza e il Bollettino del Centro Lunigianese di Studi Danteschi; tra le altre cose, ha pubblicato articoli, poesie e racconti su diverse giornali, riviste e in varie antologie fra le quali: Focus-In, Liberazione, Mondo Basilicata, Civiltà Appennino, Il Quotidiano del Sud, Il Resto. Per i Quaderni del Bardo ha pubblicato “Matera dei margini. Capitale Europea della Cultura 2019” e “Lucania senza santi. Poesia e narrativa dalla Basilicata”, oltre agli e-book su Scotellaro, Infantino e Mazzarone e sulle origini lucane di Lucio Antonio Vivaldi; più la raccolta poetica “Spariamo ai mandanti”, contenenti note di lettura d'Alessandra Peluso, Giovanna Giolla e Daìta Martinez e la raccolta poetica “Anatomia dello strazzo. D'inciampi e altri sospiri”, prefazione di Francesco Forlani, postfazione di Gisella Blanco e nota di Chiara Evangelista. Ha dato alle stampe per Historica Edizioni “Matera. Vite scavate nella roccia” e “Matera Capitale. Vite scavate nella roccia”; come il saggio pubblicato prima per Malatempora e poi per Terra d'Ulivi “Basilicata. Lucania: terra dei boschi bruciati. Guida critica.”. Più i romanzi brevi, per esempio, “Farina di sole” (Senzapatria) e “Frutta, verdura e anime bollite” (Besa), con prefazione di Marino Magliani e “Il crepuscolo degli idioti (Besa). Per le edizioni Il Foglio letterario, i racconti “Sempre dipingo e mi dipingo” e l'antologia poetica “Biamonti. La felicità dei margini. Dalla Lunigiana più grande del mondo”. Per Arduino Sacco Editore “L'amore ai tempi dell'alta velocità”. Per LietoColle, “Dieci brevissime apparizioni (brevi prose poetiche)”. Tra le altre cose, la poesia per Altrimedia Edizioni del libro “Quello che non vedo” (con note critiche di Franco Arminio, Plinio Perilli, Francesco Forlani, Ivan Fedeli, Giuseppe Panella e Massimo Consoli) e il saggio breve “Dalla terra di Pomarico alla Rivoluzione. Vita di Niccola Fiorentino”. Per Edizioni Efesto, “Chiarimenti della gioia”, libro di poesie con illustrazioni di Pietro Gurrado, note critiche di Gisella Blanco e Davide Pugnana. Per WritersEditor, la biografia romanzata “Le strade della lingua. Vita e mente di Nunzio Gregorio Corso”. Per le Edizioni Ensemble, il libro di poesie “L'impianto stellare dei paesi solari”, con prefazione di Gisella Blanco, postfazione di Davide Pugnana e fotografie di Maria Montano. nunziofesta81@gmail.com.

Articoli simili

A scuola con gli animali

“A Scuola con gli Animali”, il nuovo progetto per le scuole liguri

Regione Liguria e Alisa, in collaborazione con l’Associazione Buoncanile ODV, introducono un progetto di zooantropologia …

LiguriaDay