In questa opera, l’autore ricostruisce la storia avventurosa e fantastica della ricerca delle isole nel Medioevo, in un Oceano che rappresentava sia il luogo del possibile che dell’impossibile.
Image from L'Erma di Bretschneider

L’isola che non c’è: geografie immaginarie fra Mediterraneo e Atlantico

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Antonio Musarra

Gli uomini del Medioevo erano spinti a cercare queste isole immaginarie da una combinazione di curiositàavventura e necessità

Il 16 giugno, all’interno dell’ex mattatoio, nella cornice di Piazza Giustiniani, per quanto riguarda l’appuntamento hic sunt leones festival si è svolto un evento letterario di grande interesse. Lo storico Antonio Musarra ha presentato il suo libro L’isola che non c’è, pubblicato da Il Mulino.

Il volume ci conduce in un viaggio attraverso le geografie immaginarie del Medioevo, in un Oceano come luogo del possibile e impossibile. Le isole hanno animato i viaggiatori e affascinato i letterati. Nomi come Le Isole Fortunatel’Ultima Thulel’isola di San BrandanoAntilia e Hy Brasil hanno attirato l’immaginazione degli uomini del Mediterraneo.

Isola di San Brandano Image from Wikipedia

Le isole rappresentavano potenziali fonti di ricchezza, come spezie, metalli preziosi o esotici prodotti agricoli. I navigatori cercavano nuove rotte commerciali e luoghi da esplorare per poter così ampliare i loro commerci.

Da non sottovalutare la parte legata alle leggende e miti.

Le storie di isole misteriose, abitate da creature magiche o con tesori nascosti, alimentavano l’immaginazione.

I racconti spingevano i marinai a cercare questi luoghi, ma nel Medioevo, la geografia era ancora in fase di sviluppo quindi la ricerca di isole sconosciute contribuiva alla comprensione del mondo e alla creazione di mappe più accurate.

Alcune isole leggendarie, come l’isola di San Brandano, erano associate a monaci e santi e la ricerca di queste terre poteva essere guidata dalla fede religiosa.

Cristoforo Colombo stesso afferma di aver incontrato innumerevoli isole, secondo una lettera di papa Alessandro VI, anche in un messaggio inviato ai reali iberici parlava di un numero elevato.

Il libro di Musarra ricostruisce questa storia avventurosa e fantastica, sospesa tra immaginario e conoscenze che si ampliano.

Tra scoperte e conquiste emerge il desiderio utopico e mai sopito di vedere mutata in realtà la sostanza dei propri sogni.

Antonio Musarra, docente di Storia medievale alla Sapienza Università di Roma, ha arricchito il panorama della ricerca storica con opere come Genova e il mare nel MedioevoAcri 1291. La caduta degli stati crociatiIl crepuscolo della crociataMedioevo marinaro, 1492 Diario del primo viaggio e, insieme a Franco Cardini, Il grande racconto delle crociate.

L’isola che non c’è è un viaggio nel tempo e nell’immaginazione, un’opera che ci invita a esplorare le geografie nascoste e a sognare con gli occhi aperti.

Per concludere, la curiosità, la sete di avventura, la ricerca di ricchezza e conoscenza hanno spinto gli uomini del Medioevo a esplorare le geografie immaginarie delle isole

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Rita Ferranti Noviello

Avatar photo
Rita F. Noviello autrice di libri (scrittrice è troppo impegnativo) dal 2005. Cresciuta a Genova fino all’età di sedici anni da genitori pugliesi, dopo aver vissuto per un periodo a Manfredonia, attualmente vive a Roma dove collabora con un’associazione di promozione sociale come mediatrice culturale specializzata in lingua francese. Vincitrice di vari premi letterari, uno dedicato proprio alla “sua” Genova, al suo attivo ha la pubblicazione di cinque libri di narrativa e due di poesia. Collabora inoltre con una casa editrice romana per la quale pubblica racconti brevi. Altra sua grande passione, quella radiofonica che le ha permesso di presentare anche spettacoli di piazza, passione che ora sta trascurando per continuare a scrivere e pubblicare le sue opere. Appassionata di storia, tradizioni e culture di tutta Italia ama far scoprire a chi la circonda curiosità e aneddoti di vario genere.

Articoli simili

Elezioni 2024, gli ultimi risultati alle urne in attesa di Francia e USA

Elezioni 2024, gli ultimi risultati alle urne in attesa di Francia e USA

Questo 2024 si può facilmente definire un Election Year, considerando quanti Paesi del G7 e …

LiguriaDay