Paolo Signorini resta in carcere (per il momento)
Paolo Signorini - ©ANSA

Paolo Signorini resta in carcere (anche se licenziato)

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il tribunale del Riesame ha rigettato l’istanza per la scarcerazione di Paolo Signorini dal carcere di Marassi e il passaggio agli arresti domiciliari. La motivazione principale sembra essere l’inadeguatezza delle soluzioni abitative proposte dagli avvocati Enrico e Mario Scopesi: una sistemazione in un appartamento messo a disposizione da un parente a Genova o dal fratello ad Aosta. Secondo il tribunale, entrambe non sarebbero infatti sufficientemente sicure da impedire a Paolo Signorini di inquinare le prove.

L’ex amministratore delegato di Iren resterà dunque in carcere finché i suoi legali non riusciranno a trovare un’altra soluzione abitativa che offra le giuste garanzie. Tra le ipotesi sembra spuntare la residenza romana dell’imprenditore, attualmente occupata dalla sua ex moglie, tuttavia bisognerà attendere la nuova istanza che sarà analizzata attentamente in primis dalla giudice Paola Faggioni e, successivamente, dal tribunale del riesame.

Mentre i principali coindagati, tra cui spicca il nome di Giovanni Toti, sono ai domiciliari da quella particolare mattinata del 7 maggio scorso, la regione continua a chiedere giustizia, attenzione e chiarezza. La soluzione a questo infinito rebus giudiziario e politico sembra ancora lontana ma nel frattempo la Liguria e i suoi abitanti meritano risposte e rispetto.

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Alessandro Gargiulo

Avatar photo
Anacaprese trapiantato prima ad Udine e poi a Genova, coltivo la passione per la scrittura e il giornalismo fin da piccolo. Come un vero e proprio girovago, sono giunto in città per frequentare il corso di Informazione ed Editoria ed inseguire il mio sogno. Autentico malato di calcio, ho la fortuna di poter raccontare lo sport su LiguriaDay. Mix vincente tra Cannavacciuolo e Adani, spero in una carriera in cui potermi occupare soprattutto di calcio femminile.

Articoli simili

Attentato Trump: la direttrice dei servizi segreti sulla graticola (video)

#DonaldTrump, #attentatoButler, #sicurezza, #SecretService, #FBI, Chi era Thomas Crooks «Il mio nome è Thomas Matthew …

LiguriaDay