Dal Cuore alle Mani: Dolce & Gabbana incantano Milano

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti
Dal Cuore alle Mani – foto Laura Spadella

Nella splendida cornice di Palazzo Reale, un gioiello dell’architettura neoclassica nel cuore di Milano, Dal Cuore alle Mani è un’esperienza unica e coinvolgente.

La mostra è promossa dal Comune di Milano-Cultura e prodotta da Palazzo Reale in collaborazione con IMG Worldwide eventi.

Palazzo Reale – foto Laura Spadella

Dalla città della moda dove resterà aperta fino al 31 Luglio, sarà subito dopo allestita in importanti sedi internazionali, per poi tornare stabile a Milano.

Florence Muller, storica dell’arte e della moda, è la curatrice della mostra e ha lavorato con Domenico Dolce e Stefano Gabbana per cogliere l’essenzialità del loro pensiero e della loro arte.

Secondo F. Muller Dolce & Gabbana sono tra gli artisti più ispirati dall’arte, cultura e tradizione italiani, che rappresentano attraverso le loro creazioni.

lI percorso e le sale

Il percorso espositivo ripercorre l’evoluzione del processo creativo di Dolce & Gabbana negli anni, passando attraverso le fasi ispirate di volta in volta dall’amore per l’arte, la poesia, la storia, l’opera, il balletto, il teatro.

Dalla cultura italiana e dal profondo del cuore scaturiscono le idee geniali dei due stilisti, che le affidano alle abili mani dei sarti e delle sarte che lavorano per la maison, pronti a trasformarle in magnifici abiti da sogno.

Le collezioni sono divise in sezioni tematiche, dieci narrazioni uniche che raccontano le origini e le intuizioni che hanno dato vita ai modelli più esclusivi dell’alta moda firmata D&G.

Un cuore che batte forte

Collezione prima sala

Ogni sala è una scoperta.

Entrando nella prima, Fatto a Mano, si viene travolti da un trionfo di colori accompagnati dal suono continuo di un cuore che batte: l’effetto è potente e immediato, ci si immerge subito in un mondo magico dove le creazioni possono essere osservate così da vicino da permettere di notare i piccolissimi dettagli e comprendere l’enorme     lavoro che c’è dietro.

Un trionfo di colori e migliaia di materiali diversi sapientemente utilizzati per creare capolavori inimitabili e irripetibili, circondati da pareti completamente rivestite di quadri baroccheggianti e divertenti allegorie.

Spostandosi da una sala all’altra, ogni volta è una sorpresa inaspettata. Si rimane rapiti dai colori, dai suoni, dai materiali.

La Sala dei Cristalli

Sala dei Cristalli
Sala dei Cristalli

Nella sala dei cristalli un tripudio di lampadari a goccia che richiamano le lavorazioni degli abiti e dei gioielli proiettano giochi di luce che si intersecano tra loro, in un arcobaleno di riflessi brillanti.

Collezione Sala dei Cristalli

Il Gattopardo

Collezione Gattopardo

Segue la sala ispirata al Gattopardo, in una rievocazione del romanzo e del film con le scene del famoso ballo proiettate sulle pareti, mentre al centro campeggiano i sontuosi e splendidi abiti dei protagonisti, impreziositi da pregiati pizzi e raffinati merletti.

Collezione Gattopardo

Lunghezze e trasparenze coesistono tra castità e audacia dei modelli, ricordando l’antica aristocrazia siciliana, e che sembrano muoversi tra arredi barocchi e giganteschi candelabri dorati.

Sala Devozione

La Devozione

Sacro e profano insieme nella sala della Devozione, dove il tema è il cuore, declinato nei vestiti e nei gioielli in materiali diversi, nell’ambientazione di una chiesa in cui l’oro spicca sul nero dei mantelli e dello sfondo della stanza.

Sala Devozione

Tutte le volte che si cambia ambiente passando attraverso delle pesanti tende di velluto scuro, si rimane stupiti per qualcosa di grande e di unico.

Le Sartorie

Sartorie
Sartorie
Sartorie
Sartorie

Nelle sale delle sartorie, dove tutto prende forma, è una fantasia di perline, paillettes, cristalli, tessuti, decorazioni, fiori, applicazioni di ogni genere e colore che vengono sapientemente cuciti per dar vita ad un’opera d’arte.

Sala Rinascimento

Il Rinascimento

E poi il Rinascimento, una collezione ispirata alla pittura e all’architettura dell’arte italiana, con ricami, trame e intrecci che sono un omaggio a Botticelli, Raffaello, Tiziano, Caravaggio e molti altri grandi artisti del nostro Paese.

Sala Rinascimento

La Sicilia

Sala Sicilia

L’omaggio alla Sicilia è un’esplosione di colori da cui si viene investiti entrando in un ambiente in cui tutto è sole, luce, fiori, pupi e cavalieri su tutte le pareti e a terra, l’allegria del carretto tipico e gli splendidi abiti con strascichi dipinti a mano. C’è tutta la forza e la vitalità di una cultura che ha reso celebri Dolce & Gabbana nel mondo.

Sala Sicilia

Il Barocco Bianco

Sala Barocco Bianco

Da questo trionfo di colori si passa al Barocco Bianco, una sala monocolore dove gli abiti sono realizzati come sculture, utilizzando crine di cavallo, ovatta e sete preziose per creare un effetto tridimensionale, ispirandosi alle decorazioni in stucco tipiche della Sicilia del Seicento e Settecento.

Agrigento e i Mosaici Divini

Collezione Agrigento

La collezione Agrigento ricorda i fasti antichi tra colonne che evocano la Valle dei Templi e Mosaici Divini è un tributo ai mosaici bizantini della Basilica di San Marco a Venezia e dei pavimenti in stile cosmatesco. Un lavoro incredibilmente minuzioso e di precisione per creare dei veri capolavori d’arte.

Collezione Mosaici Divini

Il Teatro dell’Opera

Collezione Opera

Anche l’Opera è stata fonte di ispirazione per Domenico Dolce e Stefano Gabbana, e sembra di assistere ad una rappresentazione quando si entra nella sala dedicata, tra innumerevoli modelli che richiamano l’Aida, il Rigoletto,  Madame Butterfly.

L’omaggio a Milano

Madonnina del Duomo
Madonnina del Duomo

Questo viaggio tra una dimensione e l’altra si conclude con un omaggio alla città di Milano, con l’abito che rappresenta la Madonnina del Duomo, realizzato in pizzo macramè dorato e ulteriormente impreziosito da gioielli in filigrana d’oro, una delle creazioni più belle in assoluto.

Per la mostra Dolce & Gabbana sono stati premiati tra le eccellenze italiane al Phygital Sustainability Expo dello scorso 4 Giugno a Roma, per essere tra le aziende che maggiormente hanno avviato un’economia rispettosa dell’ambiente e della salute, ricevendo il “Premio del Made in Italy Sostenibile”, nell’ottica di una transizione verso un percorso di economia green.

L’esposizione non solamente ripercorre l’evoluzione del processo creativo di Dolce & Gabbana negli anni, attraverso le fasi ispirate di volta in volta dall’amore per la cultura italiana, ma riesce a trasmettere e a far capire al visitatore la capacità degli artigiani di trasformare i sogni e le idee in abiti capolavoro : tagliare, cucire, ricamare stoffe pregiate utilizzando materiali preziosi, dalle perle ai cristalli, dai merletti alle sete, ai broccati realizzati su telai del Settecento.

Attraversare le sale significa essere colpiti da qualcosa di inaspettato e straordinario, sembra di entrare ogni volta in una dimensione diversa attraverso un viaggio immersivo e coinvolgente che racconta i due stilisti come mai si era fatto prima, trasmettendo e comunicando in maniera straordinaria le idee ed i sentimenti che hanno dato vita a questi capolavori dell’alta moda e che rappresentano l’Italia in tutto il mondo.

Photo credit: Laura Spadella

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Laura Spadella

Avatar photo
Sono nata e vivo a Roma, dove mi sono laureata in Scienze Politiche. Scrivo e organizzo corsi di formazione manageriale e di orientamento scolastico e professionale. Mi piace esplorare e raccontare la mia città, con le sue meraviglie ed i suoi difetti, girare senza meta tra vicoli e stradine, per scoprire ogni volta qualche angolo nascosto e condividerlo con gli altri.

Articoli simili

Operazione antidroga Savona

Spacciatore in scooter senza casco: il crimine non paga

GENOVA – Un giovane di 25 anni, pensando forse di dare meno nell’occhio, ha scelto …

LiguriaDay