Ilaria Salis ottiene l'immunità parlamentare e lascerà l'Ungheria

Ilaria Salis si aggrappa all’immunità parlamentare e vola a Bruxelles

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Svolta nel caso di Ilaria Salis che, in quanto eletta all’Europarlamento, è libera dalla detenzione domiciliare in Ungheria: l’Ansa ha comunicato che questa mattina la polizia di Budapest ha lasciato l’abitazione della neo eletta europarlamentare questa mattina, a seguito della richiesta di scarcerazione depositata dall’avvocato ungherese della donna, Gyorgy Magyar. La pratica è partita all’indomani delle votazioni europee, in cui l’insegnante monzese si è candidata con Alleanza Verdi-Sinistra.

Dopo 15 mesi di carcere e 22 giorni ai domiciliari, dunque, Ilaria Salis è di nuovo libera e potrà presto rientrare in Italia – probabilmente, comunica la famiglia, addirittura per il suo 40° compleanno, che ricorre questo 17 giugno.

La docente era in arresto dall’11 febbraio 2023, “Giorno dell’Onore” ungherese, a seguito di una manifestazione che ogni anno attira centinaia di neonazisti da tutta Europa per celebrare il battaglione che nel 1945 si oppose all’assedio della capitale. Salis ha preso parte a una contro-manifestazione che protestava contro i neonazisti e, secondo l’accusa, avrebbe partecipato all’aggressione ai danni di due cittadini ungheresi – sebbene uno di loro abbia dichiarato di non averla riconosciuta come una dei suoi assalitori. Inoltre, le due vittime hanno riportato lesioni di lieve entità e guaribili in pochi giorni.

Ilaria Salis, la vicenda con l’Ungheria non è ancora finita

Tuttavia, il governo di Orban ha già fatto sapere di essere pronto a chiedere la revoca dell’immunità. Il caso di Salis è diventato una questione internazionale per le condizioni disumane in cui la donna è stata trattenuta per oltre un anno, tra cui umiliazioni verbali, l’obbligo di indossare i tacchi alti e l’impossibilità ad accedere a materiali di igiene personale basilari, come assorbenti e sapone.

La Procura del Tribunale di Budapest ha chiesto 11 anni di carcere per l’assalto ai due neonazisti, ma Ilaria Salis ne rischia fino a 24 per la legge ungherese.

La candidatura di Salis, un successo di Alleanza Verdi-Sinistra

La decisione di candidare la docente da parte dell’Alleanza tra Verdi e Sinistra ha risposto a un certo imbarazzo istituzionale, garantendo anche il successo elettorale per la lista. In diverse occasioni la famiglia Salis ha chiesto l’intervento della Farnesina e del governo italiano nella vicenda, per garantire il rispetto dei diritti umani di Ilaria e cercare di riportarla a casa, richieste a cui sia Meloni che Tajani non hanno dato risposta per non entrare in conflitto con l’alleato Orban, nemmeno quando la donna è comparsa nell’aula di Tribunale incatenata a polsi e caviglie e tenuta alla catena da un agente di polizia.

Dopo qualche voce su una possibile candidatura con il Partito Democratico, il nome di Ilaria Salis è entrato invece ad aprile nelle compagini di Alleanza Verdi-Sinistra. Un successo su entrambi i fronti.

Se la docente ha rimediato la possibilità di lasciare i domiciliari grazie all’immunità parlamentare, infatti, la lista ha messo in cassaforte i voti di molti cittadini italiani indignati dalla vicenda.

Con 175mila preferenze, Salis ha contribuito a far sì che Alleanza Verdi-Sinistra riuscisse a superare il taglio del 4%, unico tra i candidati minori italiani, con il 6,8% dei voti.

Ti potrebbe interessare anche:

La GDF indaga sulle spese dello staff di Toti

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Laura Casale

Laureata in Comunicazione professionale e multimediale all'Università di Pavia, Laura Casale (34 anni) scrive su giornali locali genovesi dal 2018. Lettrice accanita e appassionata di sport, ama scrivere del contesto ligure e genovese tenendo d'occhio lo scenario europeo e internazionale.

Articoli simili

È estate, fa caldo, niente ansia climatica. State all'ombra

È estate, fa caldo, niente eco-ansia. Basta stare all’ombra

#estate, #caldo, #ansiaclimatica, #hikikomori, #ombrello, #storiaombrello, #innovazione, #antichità, Ah, l’estate! Il periodo dell’anno in cui …

LiguriaDay