Inchiesta Toti, tutti gli aggiornamenti

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

È stato finalmente risolto il giallo del verbale di Roberto Spinelli, figlio dell’imprenditore portuale Aldo Spinelli, coinvolto nell’inchiesta che ha portato agli arresti domiciliari il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, il 7 maggio scorso. Questa mattina, nell’ufficio della giudice Paola Faggioni, i legali Sandro Vaccaro e Andrea Vernazza, insieme ai pm Luca Monteverde e Federico Manotti, hanno riascoltato la registrazione dell’interrogatorio. Tutti i presenti, compresi giudice, avvocati e magistrati, hanno concordato che Roberto Spinelli ha dichiarato che “Toti chiedeva finanziamenti leciti”.

La querelle era scoppiata perché nel verbale era stato scritto “illeciti”. Quando gli avvocati hanno preso visione del documento, si sono accorti dell’incongruenza e hanno depositato un’istanza per la correzione del testo.

Le parole di Giorgia Meloni

Intervistata a “In mezz’ora” su Rai Tre, la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha espresso la sua opinione sulle dimissioni di Toti. “Dimissioni Toti? Solo lui può valutare il meglio per la Liguria“, ha detto Meloni, sottolineando di non avere elementi per giudicare la situazione. “Solo lui conosce la verità”, ha aggiunto la premier, lasciando intendere che la decisione spetta esclusivamente al presidente ligure.

No alla revoca dei domiciliari per Aldo Spinelli

Intanto, il giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni ha respinto l’istanza di revoca degli arresti domiciliari per Aldo Spinelli. I legali dell’imprenditore, Sandro Vaccaro e Andrea Vernazza, avevano richiesto la revoca della misura cautelare, ma il giudice ha deciso di mantenere gli arresti domiciliari. Secondo il giudice, Spinelli potrebbe “acquisire nuovi incarichi e cariche all’interno della società” o continuare a perseguire i suoi interessi imprenditoriali.

Interrogatorio di Palo Signorini

Oggi è previsto un interrogatorio cruciale in Procura a Genova. I pm sentiranno Palo Signorini, ex presidente dell’Autorità portuale, in carcere dal 7 maggio con l’accusa di aver preso tangenti da Aldo Spinelli. I magistrati contestano a Signorini di aver ricevuto da Spinelli soldi, regali, soggiorni in alberghi di lusso e fiches per il Casinò di Montecarlo.

Signorini, tramite il suo avvocato Enrico Scopesi, ha richiesto l’interrogatorio dopo aver inizialmente scelto di non rispondere per studiare le carte dell’inchiesta. Ora è pronto a fornire la sua versione dei fatti e spera di ottenere i domiciliari. “Siamo pronti a chiarire quanto ci viene contestato“, ha dichiarato Scopesi, sottolineando la volontà di collaborare con la giustizia.

Le contestazioni a Toti

Nell’inchiesta emerge anche il nome di Giovanni Toti, ma i pm non contestano nulla al governatore in merito ai viaggi a Montecarlo. Toti ha dichiarato di sapere che Signorini si recava a Montecarlo con Spinelli, ma di non immaginare che lo facesse così spesso. Toti ha negato qualsiasi connessione tra i finanziamenti ricevuti per i suoi comitati elettorali e la proroga trentennale della concessione del Terminal Rinfuse ad Aldo Spinelli, sostenendo che la pratica era nell’interesse del porto.

Le accuse specifiche a Signorini

I magistrati contestano a Signorini di essersi fatto corrompere con 42 notti di lusso all’Hotel de Paris di Montecarlo, giocate al casinò e altri servizi per un valore complessivo superiore a 42mila euro. Spinelli ha spiegato che quei regali erano aiuti inquadrati nel rapporto di amicizia che lo legava a Signorini, il quale gli avrebbe chiesto una mano.

Signorini spera che la sua versione dei fatti possa convincere i pm a concedergli gli arresti domiciliari. La decisione dei magistrati sarà cruciale per il prosieguo dell’inchiesta che ha scosso la Regione Liguria.

Leggi anche: Interrogatorio Toti, otto ore per la sua versione dei fatti

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Pubblicato da la Redazione

Icona per Giornalisti Pubblicato da la Redazione
La Redazione di LiguriaDay è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono LiguriaDay, il Vostro quotidiano online.

Articoli simili

Turismo balneare a rischio: l’allarme arriva alla Meloni

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia UE che ha legittimato gli espropri al termine …

LiguriaDay