Renato Guttuso e Renato Zero

Nà passeggiata n’Vespa cò Renato Guttuso e l’artro Renato

Condividi su
Tempo di lettura: 3 minuti

Amici lettori bentornati in Suite Romana, come vi state trovando in nostra compagnia?

Sono sincero, faccio dèr tutto pè tènevve cò mè senza annoiavve; magari avreste preferito n’artro argomento più alla moda, più moderno, più fashion e n’vece eccome quà, io povero artista che vè porto a spasso cò nà Vespa sidecar presa n’prestito da Luca dèr garage dè Piazza Margana parlando d’arte a turno cò n’artista che a vòrte voi manco avete mai visto e conosciuto.

Ma credètème l’arte cè fà bene ed è n’ottimo antidoto contro le fake news e la tv trash, n’zomma io faccio quello che posso per favve ride e coloravve la giornata e oggi sapete che ho fatto? Carla Accardi l’artro mese m’aveva suggerito dè fà venì Renato, Renato chi? Ah! Questa è bella, voi nun cè crederete (e fate bene ) oggi cò noi dè Renato nun cè nè stà uno solo ma bensì due, er primo è Guttuso, er seconno è Zero perché domani è er compleanno dè stò grande artista e perciò oggi pè omaggiallo viène cò noi a spasso pè Roma n’compagnia dè l’artro Renato n’Siciliano che a Roma ha fatto la storia dell’arte n’portante.

L’appuntamento è ar solito bar dè S. Giovanni, questa vòrta vojo esse puntuale. Ecco lì vedo arrivà a braccetto, tanto belli che sembrano padre e fjo.

-Grazzie ad entrambi pè avè accettato l’invito mio, vè faccio strada. Sè lò pjamo n’caffettino?

-Walterino come ar sòlito fai er cretino, cè stai a provà eh! Ma come a tutti l’artri artisti hai sempre offerto nà ricca colazzione e mò con noi vai a risparmio?

-Maestro Guttuso cjà raggione. Daje annàmo àrtrimenti i lettori tua chi sà chè penzeranno.

Mè devo arenne, ormai fra l’artisti s’è sparza la voce dè stà ricca colazzione ar bar dè S. Giovanni che nun cè stà nessuno che s’accontenta dè pjasse solo n’cappuccino e n’cornettino. Vabbè ma pè fortuna cjò cò mè er passe partout che apre tutte le porte e sè chiama fantasia quindi che volete che sia, voi amici lettori m’ariccomanno fatèce compagnia!

-Maestro lei che cjà esperienza seconno lei cè là faccio a cantà fino a 100 anni? Sà, lei mè capirà, domani nè farò 73.

-Amico mio, tu sei Zero solo pè nome d’arte, vedi noi cjabbiamo nà missione, andare sempre avanti pè contraccambià er favore dè esse nati artisti, noi nun finiremo mai le cartucce, noi pè er resto della vita nun sparamo a salve, la nostre arte nun cjà limiti temporali e figurate tè che sei pure della voce e delle note n’gran poeta. Ma adesso daje, dàmòse nà mossa che er lettore stà aspettà dà noi che je illuminamo la giornata. Walterino forza che oggi cjai er privileggio dè avè cò tè due artisti hai deciso n’dò cè porti? Oh! M’ariccomanno nun t’envèntà che vuoi andare ar Caffè Greco, mò vabbè che lì puoi aspettà seduto che arriva la fine dèr monno ma io e Renato Zero preferiremmo qualcos’artro. Allora che decidi?

-Che nè dite dè annà a pjà er fresco a Testaccio ar cimitero acattolico?

Renato Zero all’unisono toccano fèro e sè grattano le palle.

-Amici fàtème dì nà cosa, a breve viene la festa mia e pè regalo vè chiedo solo dù cose, la prima vojo guidà pure io la Vespa e poi cò la stessa vè porto à n’pòsto che nun vè nè pèntirete.

-Renà pè la guida io mè fido e nun cè probblema, n’zomma poi n’dò annamo?

-Da Pasquino.

-Dà Pasquino? Vabbè che stà vicino a piazza Navona ma quello è solo nà vecchia statua mezza rotta, l’hanno lasciata a n’angoletto quasi dà tutti dimenticata. La gente a mano oramai a mano nun scrive più, a voce nun parla più. Gesù tutto è fantascienza mò lì tempi sò sempre più moderni e dell’arte sempre meno interessa, avète capito come stamo messi? Massimo rispetto pè Pasquino e l’antichità ma dà quarche artra parte nun convèrrebbe annà?

-Fidateve, dè me l’idea nun è casuale, dàteme retta, Guttuso lei dall’alto della sua saggezza che nè penza?

-Renà, detto fra noi, mè fido più dè tè che dèr giovanotto perciò, daje metti n’moto e annammosène alla svelta. Walterino mi raccomando prima di uscire lascia una cospicua mancia.

PASQUINO

Sulla piazza omonima, da un lato Via del Teatro Pace dall’altro Via di S. Maria dell’Anima, girando l’angolo pochi metri e vi troverete in piazza Navona. Di cosa parliamo? Del rudere di una statua di stile Ellenistico raffigurante un guerriero che venne ritrovata intorno al ‘500 nel corso degli scavi per i lavori di ristrutturazione dell’attuale palazzo Braschi.

Ci sono diverse teorie sulla sua vicenda ma “Pasquino” così nominato dal popolo e dalla storia è maggiormente conosciuto per quello che ha rappresentato per i Romani, una misteriosa voce, ironica e satirica contro il potere. Questo rudere di statua in fondo è vecchio, non è bello, il piedistallo è quasi più imponente della statua stessa che è posta all’angolo di due strade in una posizione che sembra stare lì per puro caso eppure per tradizione e diritto fa parte della storia di Roma da sempre e per sempre. 

Renato Zero guida la Vespa, nel carozzino si accomoda maestro Guttuso e io salto n’sella dietro ar poeta che sè veste dè sogno pè datte se vuoi l’illusione dè giocà agli eroi.

-Maestro lei con la città di  Roma ha avuto un legame speciale

RENATO GUTTUSO (Bagheria, 26 Dicembre 1911 – Roma, 18 Dicembre 1987)

Hai ragione perchè Roma con la sua storia millenaria e la sua bellezza è stata come nà calamita. Purtroppo l’anni ‘30 e ‘40 sò stati complicati e io che nun ero n’angelo cjavevo er sangue che mè ribbolliva nelle vene e da artista. Ar pennello e ai colori je facevo uscì le fiamme e poi er segno còr quale contornavo le forme e lè figure era come n’incisione nèr còre e nell’anima dèr popolo sottomesso. Io n’quell’anni ho girato, dipinto, mè sò nascosto e mai arreso, sò stato comunista pè fede e speranza dè n’mondo migliore e la pittura mia, che nun ho mai lasciato, era er colore che vinceva sull’oscurità dell’umanità.

Ecco perché ho pitturato la gente che lavora, gente che è viva e che unita è nà forza bella, bella come la rinascita che ha guidato nà nuova era dopo la disfatta dell’omini accecati dàr potere e ner sonno della raggione aveva generato mostri.

Dio mio quanto ho dipinto sempre cò la fede e l’ideale che dentro dè me sentivo, come nà missione per la quale ho realizzato tante e tante opere senza sentì fatica, vincendo er dolore della rappresentazione cò l’amore pè la vita e pè er popolo che nun cjà voce. E grazie ar cielo nun mè sò mai fermato, ho dipinto e disegnato senza sosta fino alla fine.

Purtroppo la vita è inflessibile nella sua autorità senza pietà decide er momento che tè stacca la spina e nun tè concede scampo, che tu sia n’principe, n’potente o n’poveraccio quanno è l’ora ragioni nun sente. E io che dalla vita avevo avuto tanto e tanto javevo dato n’giorno nun ho retto ar dispiacere dè nà cosa triste e ho mollato l’ormeggio pè arìtornà dà n’dove ero venuto.

Dio ha parlato cò mè dopo che cò l’arte mia l’avevo sempre visto e cercato nelle facce della gente ma adesso nun cjò rimpianti o forse sì, ma adesso che ce ne frega? Renatìno siamo arrivati?

-Maestro ascoltarti è nà grande emozzione. Eccoce arivati da Pasquino e manco sè nè sèmo accorti.

-Renato adesso che stàmo quà dàmòse dà fà, n’torno nun cè stà nessuno, pjamo carta e penna e scriviamo qualcosa che rimanga a memoria di questo nostro incontro.

-Maestro scriviamo a 4 mani?

-E io?

-Walterino a te il compitino dell’affissione nun sei contento?

-E vabbè ecco a voi quello che serve.

-Con chi sè la pjamo?

-Cor potere saremmo monotoni e ripetitivi

-Cò l’ex allenatore della nazionale?

-Ma no tanto ritorna.

-Facciamo contro le buche dè Roma?

-Macchè quella oramai è archeologia.

-Che ne dite dei sorci, dei gabbiani, cinghiali e bacherozzi e pure quàrche serpente n’zieme alle zanzare?

-Ma che sei matto? Ma l’animali che male t’hanno fatto?

-Ma ancora cè state a penzà? Della violenza sulle donne dovete dà parlà!

-Avete detto bene, basta violenza sulle donne, l’hai detto te?

-Io no.

-Maestro manco io ho parlato.

-E allora chi è stato?

I tre si guardano intorno ma non c’è nessuno. Indovinate un pò chi ha parlato? Bravi! Certo che è stato Pasquino!

-Ma dico io, amici che mè sète venuti a trovà, n’tre nun sète bòni a dìì nà cosa ovvia? Daje scrivete nà protesta accesa contro chi cò la violenza sè là pja cò chi vè dà la vita e d’amore vè circonna! Le donne che senza de loro nun sapreste favve manco n’ovo ar tegamino. Allora che fate la scrivete stà cosa oppure buro, buro vè manno a fancxxo?

Amici lettori non fateci caso, Pasquino non sarebbe Pasquino se dè getto nun parlasse.

-Bene attacco io – l’òmini pòracci debboli dè fronte ar monno sè la pjano cò le donne perchè sò beceri e ignoranti.

-Maestro Guttuso continuo io – la società ma n’dò stà zumpappà parla solo e gnente fà ma state n’campana che se er popolo cojone ar posto der bastone dentro ar seggio elettorale nun vè vòta dalla poltrona finirete nella merda e dopo pè voi sò caxxi- nun fà rima ma suona bene.

-Pasquì come siamo andati?

-Pòtevate fà mejo mà dè stì tempi pure la cultura s’è ammosciata. Vabbè accontentamose, attaccatelo là n’mezzo e annatevene prima che vengono lì turisti. Anche sè nun vè nascondo che m’hanno quasi dimenticato, adesso và dè moda er social, er battibecco virtuale e fra n’pò mette d’accordo tutti pure l’intelligenza artificiale. La vita moderna che sconquasso e n’tanto l’umanità s’attacca ar…

-Pasquì fermati prima che Chiara e l’editore cè tajano er finale!

E così adesso a me tocca il compito di affiggere la nostra Pasquinata. Prendo il foglio con cura e lo metto sotto al mento della statua.

-Renato che figura! Pasquino cjà redarguito!

-Mica a noi! Lui si riferiva a stò monno marcio.

-Ragazzi, io direi di andare a prenderci un gelato a piazza Navona.

-Daje annamo offro io perché domani è er compleanno mio.

-E oggi sapete che giorno è?

29 Settembre e allora?

Seduto in quel caffè Io non pensavo a te guardavo il mondo che girava intorno a me..

Battisti, Mogol, Equipe 84 nà canzone storica e domani è la festa mia, mamma mia come stamo n’sintonia!

Penso che ogni giorno sia come una pesca miracolosa e che è bello pescare sospesi su di una soffice nuvola rosa….

Amici lettori oggi siamo stati in compagnia di Renato Guttuso, Pasquino, Renato Zero e di lui che domani sarà il suo compleanno, il settantatreesimo per un artista che ha colorato i migliori anni della nostra vita.

Per festeggiare siamo andati a prendere un gelato in una delle più belle piazze del mondo. Voi che fate non ci seguite? Sarebbe il massimo che ne dite?

Amici di Liguria Day ci rivediamo a breve con un nuovo artista e ricordatevi che a bordo di questa Vespa sidecar per voi c’è sempre posto.

Ti può interessare leggere anche

Nà passeggiata n’Vespa con Carla Accardi

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

A scuola con gli animali

“A Scuola con gli Animali”, il nuovo progetto per le scuole liguri

Regione Liguria e Alisa, in collaborazione con l’Associazione Buoncanile ODV, introducono un progetto di zooantropologia …

LiguriaDay