lago sotto il Colosseo
foto di: Esercizi del Celio; Passionisti di Roma

Il lago sotto il Colosseo

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Nel cuore di Roma, a fianco al Colosseo, si possono trovare dei laghi sotterranei, per questo viene detto che è una “città dell’acqua“. Intorno al 54 sec. d.C. in questa area iniziarono i lavori per la creazione di un grande tempio dedicato all’imperatore Claudio, costruito per volere della moglie Agrippina.

Tanti anni fa sotto al tempio vennero scavate delle gallerie per l’estrazione del tufo e della pozzolana. Sui muri ci sono dei cavi elettrici, probabilmente questi spazi vennero utilizzati anche come rifugi durante la Seconda Guerra Mondiale.

A pochi metri dal Colosseo, al Celio, sotto le fondamenta del convento dei Padri Passionisti, a partire dal 1100 d.C. furono inglobate le ciclopiche strutture architettoniche del Tempio dell’imperatore Claudio. Per capire la grandezza di questo santuario basti considerare che la platea è di 200 x 180 metri e può contenere tutto il Colosseo che è 180 x 156 metri.

Un sistema di cave romane, scavate nel IV secolo avanti Cristo, che si sviluppa per oltre due chilometri in una sequenza di “sale” dove le volte variano da picchi di otto metri a passaggi di appena un metro e mezzo. Un labirinto, dove è facile perdere l’orientamento, che custodisce una rete insospettata di laghetti dove l’acqua raggiunge i 10 gradi costanti: “L’origine è legata indubbiamente ad una falda acquifera superficiale, alimentata nel tempo anche dalle infiltrazioni d’acqua, purificata dallo strato di tufo Il livello dei bacini varia in base alle stagioni e alle piogge“. La siccità infatti ne ha prosciugato alcuni.

Colosseo: foto wikipedia

Percorrendo le gallerie, si raggiungono i laghetti sotterranei. Sul soffitto si notano delle stalattiti, create dal gocciolio dell’acqua. La temperatura interna è di 12 °C. L’acqua dei laghi è alta circa un metro e settanta, ma il livello varia durante l’anno. L’origine di questi specchi d’acqua è ancora sconosciuta. Dalle analisi effettuate, l’acqua è risultata pura e cristallina.

Curiosità

“Il termine “Colosseo” non è da attribuire alla maestosità colossale della struttura, il cui nome originale era “Anfiteatro Flavio”, bensì alla maestosità di una statua che Nerone aveva fatto erigere, in sui onore, vicino all’anfiteatro stesso. Nel Medioevo, il Colosseo era ritenuto una porta per gli inferi dove gli spiriti degli schiavi e dei gladiatori morti sacrificati per il piacere degli imperatori vagavano (e tuttora vagherebbero) al giungere della notte incapaci di trovare il riposo eterno.

Gli imperatori, tramite un gesto, decidevano le sorti dei combattenti: pollice in giù la morte, pollice in su la salvezza.

La curiosità è che il pollice, in realtà, non veniva rivolto “verso il basso” ma verso la gola: questo gesto imitava il rituale con il quale veniva ucciso il perdente, ovvero trafiggendo il cuore con la spada dalla base della gola. All’interno del Colosseo, oltre ai tradizionali scontri con gladiatori ed animali feroci, venivano organizzate anche le “naumachie”: tutta l’arena veniva riempita d’acqua e vi si svolgevano delle vere e proprie battaglie navali simulate!”- cit. Pro Loco di Roma

Sabrina Rinaldi

Foto di copertina: Esercizi del Celio

Ti può interessare leggere anche

La Torre della Moletta al Circo Massimo

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Sabrina Rinaldi

Avatar photo
Sono nata a Roma, la mia base formativa è in ambito storico-culturale, diplomata in Arti Applicative con diploma di Maestro d’Arte. In seguito alla mia formazione e ad un corso su marketing, organizzazione e sviluppo turistico, ho potuto collaborare con associazioni culturali del territorio. Scrivo sul blog esploraromablog.com. Realizzo percorsi sia a Roma che in altre realtà locali. La mia grande curiosità verso ciò che mi circonda mi ha dato sempre lo spunto di promuovere e raccontare la crescita del territorio e delle aziende, valorizzando le diverse realtà storico-culturali che esprimono la vera essenza della territorialità, indicando: percorsi artistici, culturali, enogastronomici e strutture turistico recettive. Ho anche collaborato con uno Studio d’Arte fino al 2022 per 6 anni, come Esperta in fotografia diagnostica per i Beni Culturali, e come referente Social Media Manager, Web Marketing con gestione e costruzione del sito e dei diversi canali social.

Articoli simili

A scuola con gli animali

“A Scuola con gli Animali”, il nuovo progetto per le scuole liguri

Regione Liguria e Alisa, in collaborazione con l’Associazione Buoncanile ODV, introducono un progetto di zooantropologia …

LiguriaDay