Riapre il Museo di arte orientale Edoardo Chiossone: il tema affrontato sarà il rapporto con l'acqua.

Museo di arte orientale Edoardo Chiossone: quest’anno, la prima riapertura dal 2021

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Difficile, soprattutto se ci si è stati, dimenticare il Museo Chiossone, ma con la chiusura del 2021 per lavori di adeguamento strutturale e impiantistico, era parecchio che non se ne parlava: in concomitanza con The Ocean Race però, la mostra di arte orientale è tornata con una riapertura straordinaria dal tema La Grande onda. L’importanza dell’acqua nella cultura giapponese.

Il Museo Chiossone, ubicato nel centro di Genova all’interno del parco storico di Villetta Di Negro – ripristinato grazie alla gestione ed al contributo del club Rotari- vanta la collezione di arte giapponese più grande e importante d’Italia, raccolta dall’artista e incisore genovese Edoardo Chiossone, durante il lungo periodo vissuto in Giappone alla fine del XIX secolo.

La rassegna attuale a tema acqua, che sarà visitabile fino al 24 settembre, è stata curata da Aurora Canepari e sponsorizzata da Iren.

«Oggi è una giornata di festa: dopo quasi due anni il Museo Chiossone è pronto ad accogliere i visitatori con una migliore accessibilità degli spazi e con una bellissima mostra che ricalca i temi di The Ocean Race – commenta l’assessore al Marketing territoriale Francesca Corso – Ringrazio Fondazione Compagnia di San Paolo (NdR: la compagnia ha finanziato i lavori di adeguamento), sempre presente sul nostro territorio e nei luoghi della cultura, e invito la cittadinanza a visitare questo museo e la sua preziosa collezione, che nel periodo di chiusura è entrata nelle case dei visitatori attraverso la fruizione digitale».

Nicoletta Viziano, Fondazione Compagnia di San Paolo

Un museo, patrimonio della città di Genova è stato restituito in tutta la sua magia alla cittadinanza, che vuole viverlo nel quotidiano, un interlocutore culturale che comunica attraverso le sue opere ed il contatto diretto con le stesse, allestite in uno spazio in grado di trasportare il visitatore nelle atmosfere del paese del Sol Levante.

Un oroglio, un viaggio della cultura che appartiene a ciascuno di noi.

La riapertura del museo si aggiunge ai poli culturali già presenti in città, emblemi del sapere che portano prestigio al territorio.

Dopo l’evento di apertura del 24 giugno 2023 patrocinato del consolato generale del Giappone a Milano, la mostra La Grande onda. L’importanza dell’acqua nella cultura giapponese al Museo Chiossone sarà visitabile fino al 24 settembre di quest’anno.

Console Generale del Giappone KOBAYASHI Toshiaki

Descrizione della mostra di riapertura del Museo Chiossone

Il Giappone, circondato dal mare su tutti i lati e con un clima umido e abbondanti precipitazioni, ha sviluppato un rapporto forte e ambivalente con l’acqua: presenza familiare e vivifica quando irriga le risaie e dona una pesca fruttuosa, ma anche terribile minaccia quando si manifesta con la forza dell’Oceano o delle alluvioni. Nell’arte l’acqua è stata raffigurata in una varietà di soggetti fin dall’antichità, inclusi luoghi famosi, paesaggi e motivi decorativi nelle arti applicate. Soprattutto nella stampa xilografica di fine ‘800, l’acqua è stata la protagonista di un’ampia gamma di opere in cui poter utilizzare e trasmettere il vibrante blu del pigmento Blu di Prussia, di tendenza all’epoca.

Museo Chiossone: la riapertura
Grande Onda di Hokusai

L’esempio più famoso è la Grande Onda di Hokusai, opera che ha superato qualsiasi altra immagine esistente per numero di riproduzioni e iconicità. Proprio attorno a questa celebre stampa, di cui il Museo Chiossone conserva un magnifico esemplare, si articola il percorso dell’esposizione temporanea. Dai paesaggi con mari, laghi, fiumi e cascate ai significati simbolici nel buddhismo e nello Shinto, nella cultura giapponese il tema dell’acqua si ritrova in molteplici forme e con diversi esiti. In mostra, oltre 60 stampe ukiyoe a tema acquatico della collezione Chiossone, tra cui i celebri paesaggi di Hokusai e Hiroshige, le scene di vita di città di Kunisada e Yoshitoshi e i soggetti fantastici di Kuniyoshi.

In dialogo coi capolavori dei grandi maestri di periodo Edo (1603-1868), saranno esposte due opere di arte contemporanea dell’artista giapponese Oki Izumi che, confrontandosi con la collezione genovese, si è interrogata sui significati dell’acqua e vi ha donato forma nelle sue sculture in vetro.

Info sulla mostra

Orario: da martedì a venerdì h 9 – 19. Sabato e domenica h 10 – 19.30

Ingresso: intero € 5 – ridotto € 3. La mostra La Grande onda. L’importanza dell’acqua nella cultura giapponese è inclusa nel biglietto d’ingresso.

Attività al Museo Chiossone

Segnalo, per gli appassionati di arte giapponese e non, che è disponibile anche un laboratorio online dedicato alla festa giapponese di Tanabata 七夕. Il laboratorio è previsto per venerdì 7 luglio, alle ore 20.30 ed è necessario prenotarsi con data ultima 6 luglio a questo link:  http://bitly.ws/JILi

Potrebbe interessarti anche:

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Arianna Ranocchi

Avatar photo
Arianna Ranocchi, 26 anni, scrittrice e social media specialist. Determinata, curiosa e nerd, capace di passare dal discutere mostre al parlare di elfico in una sola conversazione.

Articoli simili

A scuola con gli animali

“A Scuola con gli Animali”, il nuovo progetto per le scuole liguri

Regione Liguria e Alisa, in collaborazione con l’Associazione Buoncanile ODV, introducono un progetto di zooantropologia …

LiguriaDay