Peste suina in Liguria

Peste suina in Liguria: pronti quasi mille cacciatori per l’abbattimento di cinghiali

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Peste suina in Liguria: dopo un anno e mezzo la decisione; sono quasi mille i cacciatori pronti ad avviare la pratica di depopolamento in Liguria e al confine. Sono 338 i cinghiali infetti nella nostra regione mentre 444 in Piemonte.

Al via l’abbattimento di cinghiali: probabilmente già da questa domenica comincerà l’operazione di depopolamento degli ungulati in Liguria. Sono pronti quasi mille cacciatori divisi in 70 squadre e accompagnati da 3 cani per ogni gruppo.

L’obiettivo di questa operazione è di abbattere i 20 mila cinghiali a rischio peste suina, andandoli a stanare nelle zone rosse dei comuni liguri più a rischio. Tanti gli ostacoli e i dibattiti affrontati per arrivare a questa conclusione dopo un anno e mezzo di discussione ma adesso tutto è pronto. Trovato l’accordo anche con i cacciatori che non volevano avere l’impegno di dover smaltire le carcasse a proprie spese, a loro è stato concordato di poter destinare le carcasse non infette a uso alimentare.

Peste suina in Liguria: i nuovi casi

Una situazione sbloccata per tempo visti gli ultimi rapporti: giovedì infatti l’ultimo bollettino dell’Istituto zooprofilattico di Liguria e Piemonte ha informato che gli animali infetti tra Genova e Savona sono saliti a 338, con nove casi nuovi rilevati di cui sette a Bargagli, due in Valbisagno, uno a Lumarzo, due a Montoggio e uno a Torriglia. Nuovi casi anche nel savonese con un animale infetto a Sassello e un altro a Varazze.

Peste suina in Liguria: le parole del presidente di Federcaccia

“Noi siamo pronti e se tutto va bene tra un paio di giorni inizieremo a muoverci partendo dalle zone di restrizione 1 – ha detto il presidente di Federcaccia Andrea Campanile – abbiamo già avuto le adesioni richieste con 70 squadre di cacciatori dell’Atc. I cinghiali abbattuti potranno essere cremati in loco o con la sepoltura.”

Una decisione, quella di depopolamento delle zone infette e di confine, che è stata approvata dalla Giunta regionale e ASL secondo la norma vigente e sotto la regia del Commissario Straordinario Vincenzo Caputo.

I risultati totali del bollettino informano che in Liguria sono 338 gli ungulati positivi alla peste suina mentre in Piemonte 444.

Ti può interessare anche:

I genitori di Scagni si ritirano dal processo: “umiliati ed emarginati”

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Francesca Galleano

Avatar photo
Francesca Galleano, 25 anni, laureata in Lettere e in Informazione ed Editoria. Appassionata di calcio, cultura, viaggi e fotografia. Caparbia, determinata e responsabile ma anche sognatrice e capace di stare contemporaneamente con i piedi per terra ma la testa tra le nuvole.

Articoli simili

Un Oroscopo da stra’pazzo alle olimpiadi

L’OROSCOPO DA STRA’PAZZO del mese di LUGLIO 2024Amici lettori di Liguria day che seguite le …

LiguriaDay