pietra d'inciampo De Benedetti
Pietra d'inciampo in memoria di Bruno De Benedetti

Genova non dimentica: posata nuova pietra d’inciampo in memoria del medico De Benedetti deportato a Dachau

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Genova non dimentica: posata una nuova pietra d’inciampo, l’undicesima nel capoluogo ligure, in memoria del medico Bruno De Benedetti deportato e ucciso a Dachau nel 1994.

Toccante cerimonia, quella che si è tenuta ieri, per la posa di una nuova pietra d’inciampo in via Mameli 1. E’ l’undicesima a Genova.  Il gesto dedicato al pediatra ebreo Bruno De Benedetti che morì nel campo di concentramento di Kaufering, Dachau (Germania) il 31 dicembre 1944, a soli 33 anni.

La posa è avvenuta alla presenza dei familiari e dell’avvocato Filippo Biolè, del sindaco Marco Bucci, del prefetto Franceschelli, della presidente della comunità ebraica genovese Raffaella Petraoli, di Massimo Bisca presidente Anpi Genova e del sopravvissuto Gilberto Salmoni.

L’avvocato Biolè, pronipote dei De Benedetti: “La tragica storia dello zio Bruno me l’ha raccontata zia Franca, indicandomi un giorno una panchina in piazza Corvetto, dove le era vietato sedersi per le leggi razziali. Da quel momento ho iniziato a raccogliere testimonianze e ho trovato le lettere che di nascosto inviava dal campo alla moglie Armanda”. Nell’ultima lettera De Benedetti scrisse: “coraggio amata, tornerò!”. E il pronipote racconta: “mi piace pensare che ora finalmente con questa pietra sia tornato davvero”.

“Lo scopo della pietra è proprio quello di ricordare. Bisogna sapere cosa è accaduto in passato perché abbiamo il dovere di non commettere più gli stessi errori” dice il Sindaco Marco Bucci rivolto verso i tanti studenti presenti alla cerimonia.

Genova vuole ricordare e il sindaco conclude dicendo:vorrei che ci fossero più pietre d’inciampo e il messaggio che mandiamo oggi è che Genova non dimentica“.

Parola anche al vicepresidente della comunità ebraica genovese Angiolo Veroli:con questa pietra d’inciampo mi piacerebbe che la gente potesse ricordarsi che abbiamo sempre la possibilità di fare delle scelte. Possiamo scegliere da che parte stare e come agire. Agire contro l’indifferenza, l’ignoranza e l’intolleranza“.

 

Francesca Galleano

 

 

Foto di copertina: Dire.it

 

Ti può interessare anche:

Giornata della Memoria, posate quattro pietre di inciampo alla sinagoga di via Bertora

 

 

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Francesca Galleano

Avatar photo
Francesca Galleano, 25 anni, laureata in Lettere e in Informazione ed Editoria. Appassionata di calcio, cultura, viaggi e fotografia. Caparbia, determinata e responsabile ma anche sognatrice e capace di stare contemporaneamente con i piedi per terra ma la testa tra le nuvole.

Articoli simili

A fuoco il palazzo della Fondazione Renzo Piano

A fuoco il palazzo della Fondazione Renzo Piano

Nella notte si è sviluppato un incendio nello stabile che ospita anche la Fondazione Renzo Piano …

LiguriaDay