Il grande gatsby LiguriaToday copertina

Il grande Gatsby: lo splendido romanzo di Francis Scott Fitzgerald 

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Lo splendido romanzo di Francis Scott Fitzgerald venne pubblicato per la prima volta a New York il 10 aprile 1925 e venne tiepidamente accolto dalla critica e contrastato dai conservatori.

Ho impiegato vari anni prima di capire parzialmente il personaggio di Gatsby. Quando l’ho letto da adolescente pensavo che fosse un fanatico narcisista, quando l’ho riletto da adulta esaltavo solo le note positive; la sua brama (tagliente e incisiva) di impressionare gli altri aveva in realtà impressionato me. Ero accecata dalla sua ostentata bontà [e dal suo fascino].
Oggi come leggo questo protagonista straordinario del capolavoro di Fitzgerald? 

Il grande gatsby LiguriaToday coverUn uomo che non riesce ad andare avanti, che desidera rivivere a tutti costi un passato che non c’è più e per questo infarcisce il presente di romanticismo e ideali. Chissà quale è stata la spinta che lo ha portato ad arricchirsi, probabilmente la sua spietata ambizione. Oppure il desiderio di riconquistare Daisy, ragazza fragile, vittima di una società che non lasciava spazio all’individualità femminile, schiacciandola in un legame precoce con un uomo affettivamente neghittoso.

Ma Gatsby invece la ama? Per me no, è solo ossessionato.
E la infarcisce di “passione creativa” senza renderla vera neanche per un istante.
Un coacervo di ambivalenza e utopia.
Ma Daisy, eterea ed evanescente, in bilico tra l’esistere davvero e il restare una musa del suo tempo, stupida non è, non lo è affatto.
Per questa amara consapevolezza si augura che sua figlia possa esserlo, come se l’intelligenza fosse una condanna, un fardello troppo opprimente per una donna.
L’ambientazione storica è indicativa, ma se ripenso alle grandi feste ricolme di benessere, superficialità ed edonismo poi torno con il pensiero a lui; mi chiedo se fosse solo un personaggio che rispecchiava il sogno americano, raggiungibile tecnicamente va bene, ma senza garantire alcuna profondità se ipoteticamente richiesta.
Daisy e Gatsby, una chimera infranta alle prime difficoltà, perché l’unica cosa vera era un passato idealizzato e basato sul non detto e sulla sublime irrealtà.
Più attuale che mai le tematiche per un ‘antieroe’ che nell’illusione e in un mondo corrotto aveva comunque mantenuto, a mio avviso e magari interpretando a mio modo, un barlume di integrità. Nonostante il resto e nonostante se stesso. 
Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Barbara Aversa | Missparklingbooks

Avatar photo
Insegnante, bookinfluencer e scrittrice, da sempre impegnata nell'ambito giornalistico e come content creator. Barbara Aversa, nota sui social come Missparklingbooks, ha pubblicato diversi racconti per riviste noir, thriller e non solo, ed è stata vincitrice del premio metropolitano di Roma. La figlia della lupa è il suo primo romanzo.

Articoli simili

La vita inizia quando smetti di lavorare su LiguriaDay

La vita inizia quando smetti di lavorare: un romanzo di Raphaëlle Giordano

“La vita inizia quando smetti di lavorare” di Raphaëlle Giordano è un romanzo vibrante ed …

LiguriaDay