Uccise un uomo scoccando una freccia dal balcone, condannato a 23 anni Evaristo Scalco

Condannato a 23 anni Evaristo Scalco, uccise con arco e freccia

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Aveva ucciso un uomo scoccando una freccia dal balcone. È stato condannato a 23 anni Evaristo Scalco, secondo la Corte sarebbe esclusa l’aggravante dell’odio razziale.

Quella notte a novembre 2022

Nella notte tra l’1 e il 2 novembre 2022, Javier Alfredo Moranda Romero e un suo amico stavano festeggiando la nascita del figlioletto. I due si erano fermati sotto la finestra di Evaristo Scalco.

L’uomo, infastidito dal vociare, aveva inizialmente intimato ai due di andarsene: “Andate via immigrati di m…”. Quando poi Romero e l’amico avevano risposto, Scalco era rientrato in casa, aveva preso arco e freccia e aveva scoccato il dardo più letale che possedeva in direzione degli uomini.

Romero era stato colpito in pieno dalla freccia, che Scalco era subito sceso a tentare di recuperare. Trasportato all’ospedale in condizioni gravissime, l’uomo era di lì a poco deceduto, lasciando la moglie e il figlio appena nato.

Il processo

Nei mesi successivi, Scalco era stato scarcerato ottenendo gli arresti domiciliari. Aveva mandato alla moglie una lettera di scuse e provveduto a un primo risarcimento di 10 mila euro.

Ieri la condanna definitiva a 23 anni, oltre a un risarcimento complessivo alle parti civili di 500 mila euro. La Corte d’Assise non ha accolto la proposta iniziale del pubblico ministero Arianna Ciavattini, che richiedeva l’ergastolo, ha escluso l’aggravante dell’odio razziale, ma ha ritenuto sussistenti i futili motivi.

“C’è una parziale soddisfazione. Quello che ci interessava è che fosse fatta giustizia” ha detto l’avvocato Francesca Palmero, che assiste la famiglia di Romero. Le fa eco la moglie della vittima, Zena Lopez: “Mi fido della giustizia italiana, è andato tutto bene.”

Insoddisfatta la difesa: “È una sentenza che ha colto l’assurdità di un ergastolo per una persona come Scalco. Per noi – spiegano gli avvocati Jacopo Pensa e Federico Papa che lo assistono – però non è un omicidio volontario e non ci sono nemmeno i futili motivi. Questa è una tragedia umana e il dramma rimane.”

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Pubblicato da la Redazione

Icona per Giornalisti Pubblicato da la Redazione
La Redazione di LiguriaDay è formata da persone di ogni dove, genere e età, e diversa provenienza culturale e professionale. Un gruppo eterogeneo di professionisti che, per passione e con passione, ogni giorno rendono LiguriaDay, il Vostro quotidiano online.

Articoli simili

Turismo balneare a rischio: l’allarme arriva alla Meloni

Dopo la sentenza della Corte di Giustizia UE che ha legittimato gli espropri al termine …

LiguriaDay