Guerra tra Israele e Palestina: sale la tensione anche oltre Gaza
©ANSA

Guerra tra Israele e Palestina: sale la tensione anche oltre Gaza

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

A un mese esatto dall’attacco a sorpresa dei miliziani di Hamas nei kibbutz israeliani, la tensione tra Israele e Palestina continua a crescere, rischiando di arrivare ad un punto di non ritorno. Mentre il mondo intero si schiera dall’una o dall’altra parte e l’opinione pubblica dei paesi occidentali continua a manifestarsi in piazza invocando la pace, a Gaza si continua a morire. Dopo aver osservato un minuto di raccoglimento per le vittime della follia estremista di Hamas, Israele sta infatti continuando la propria “operazione speciale” nella striscia tra bombardamenti e incursioni via terra.

Alla vendetta senza quartiere promessa da Netanyahu al grido “nessuna tregua ai terroristi”, i militanti palestinesi rispondono agitando l’intero mondo arabo, e non solo, alla ricerca di alleati in una guerra santa tanto rischiosa quanto anacronistica. Nel frattempo, l’Occidente appare quanto mai diviso sul concedere o meno una tregua, sperando, tra inviti, accuse incrociate e minacce, che la corda non si spezzi mai. Poche ore fa, ad esempio, il parlamento turco ha infatti annunciato il boicottaggio di prodotti di aziende israeliane e di compagnie statunitensi accusate di sostenere Israele.

Pericolosi intrecci internazionali

Parallelamente a questa decisione che promette di scuotere ulteriormente i fragili equilibri mondiali, alcune indiscrezioni avrebbero anticipato un possibile incontro in Turchia tra il presidente Erdogan e il leader di Hamas Ismail Haniyeh nei prossimi giorni. D’altra parte, l’arrivo di Zelensky in terra israeliana sembra ormai saltato “in via precauzionale” dopo una sospetta fuga di notizie. In tutto ciò, mentre le tensioni crescono vertiginosamente anche in Cisgiordania e al confine con il Libano, le forze israeliane avrebbero intercettato e abbattuto in poche ore un missile yemenita oltre l’atmosfera terrestre e obiettivo aereo sospetto sul confine libanese.

Poco prima dell’ultimo spinoso avvenimento, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant aveva proprio avvertito il Libano, promettendo una dura risposta di Israele ad ogni “incauta” decisione di Nasrallah, segretario del partito sciita Hezbollah. Lo scacchiere mondiale continua dunque a muoversi velocemente, facendo riecheggiare certi fantasmi e venti di guerra del passato. Certo è che, per quanto ogni parte in gioco rivendichi la propria verità, ad ogni nuova ora di combattimento tra Israele e Palestina si concretizza sempre più la citazione di Gandhi secondo cui a forza di occhio per occhio, il mondo diventa cieco.

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Alessandro Gargiulo

Avatar photo
Anacaprese trapiantato prima ad Udine e poi a Genova, coltivo la passione per la scrittura e il giornalismo fin da piccolo. Come un vero e proprio girovago, sono giunto in città per frequentare il corso di Informazione ed Editoria ed inseguire il mio sogno. Autentico malato di calcio, ho la fortuna di poter raccontare lo sport su LiguriaDay. Mix vincente tra Cannavacciuolo e Adani, spero in una carriera in cui potermi occupare soprattutto di calcio femminile.

Articoli simili

Attentato Trump: la direttrice dei servizi segreti sulla graticola (video)

#DonaldTrump, #attentatoButler, #sicurezza, #SecretService, #FBI, Chi era Thomas Crooks «Il mio nome è Thomas Matthew …

LiguriaDay