Ortonovo vandali satana
Ortonovo - Fonte: wikipedia

A Ortonovo (SP) vandali devastano una chiesa e lasciano libri di Satana

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

ORTONOVO – Vandalizzata la chiesetta d’Isola di Ortonovo.

Nell’ultima domenica del Signore la Chiesa dedicata a Santa Maria Ausiliatrice d’Ortonovo è diventato il set di una pellicola horror.

Ignoti hanno portato a compimento un vero e proprio raid vandalico fra navate e sacrestia. Il fatto è accaduto fra le 10.30 e le 14.30, a sentire la sconvolta testimonianza del parroco del luogo, don Carlo Cipollini.

Il luogo di culto di questo pezzettino di terre di Luni è quotidianamente aperto dalle 7.30 alle 19.00. Ma alle 10.30 uno dei fedeli che era passato dalla chiesa ortanovese garantisce fosse tutto a posto, mentre al rientro dello stesso prete i locali erano stati violati.

Sono state sottratte intanto le formelle in ceramiche raffiguranti le scene della via Crucis. Ma era stato tentato anche il furto delle ostie consacrate conservate nel tabernacolo; manomesso ferocemente con un cacciavite. Preso di mira, poi, il battistero in marmo di Carrara.

L’immagine più brutta e significativa, però, rimane quella della devastazione dei testi sacri che si trovavano nella sacrestia. Decine di pagine sparse sul pavimento. Ciliegina sulla torta, il trafugamento di una irrisoria somma di denaro, soldi provenienti dall’offertorio.

Con tanto ultimo sfregio: la bestemmia dei libri satanici lasciati in bella vista.

Le quindici formelle rubate, che erano state donate alla Parrocchia da devoti, sono state prontamente sostituite.

I fatti invece sono stati denunciati ai carabinieri della stazione di Luni, che stanno indagando in Val di Magra insieme ai loro colleghi della caserma di Sarzana.

Da cosa si parte? Proprio come in un film o in un libro del genere, si tiene conto anche di gruppi di satanisti attestati fra Liguria e Toscana. Oltre che puntare dritto ai soliti, più o meno giovani, balordi.


NUNZIO FESTA

Ti può interessare leggere anche

Elezioni a Sarzana, pronti i 4 candidati alla carica di sindaco

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Nunzio Festa

Avatar photo
Nato a Matera, ha vissuto in Lucania, a Pomarico, poi in Lunigiana e Liguria, adesso vive in Romagna. Giornalista, poeta, scrittore. Collabora con LiguriaDay, L'Eco della Lunigiana, Città della Spezia, La Voce Apuana e d'altri spazi cartacei e telematici, tra i quali Books and other sorrows di Francesca Mazzucato, RadioA, RadioPoetanza e il Bollettino del Centro Lunigianese di Studi Danteschi; tra le altre cose, ha pubblicato articoli, poesie e racconti su diverse giornali, riviste e in varie antologie fra le quali: Focus-In, Liberazione, Mondo Basilicata, Civiltà Appennino, Il Quotidiano del Sud, Il Resto. Per i Quaderni del Bardo ha pubblicato “Matera dei margini. Capitale Europea della Cultura 2019” e “Lucania senza santi. Poesia e narrativa dalla Basilicata”, oltre agli e-book su Scotellaro, Infantino e Mazzarone e sulle origini lucane di Lucio Antonio Vivaldi; più la raccolta poetica “Spariamo ai mandanti”, contenenti note di lettura d'Alessandra Peluso, Giovanna Giolla e Daìta Martinez e la raccolta poetica “Anatomia dello strazzo. D'inciampi e altri sospiri”, prefazione di Francesco Forlani, postfazione di Gisella Blanco e nota di Chiara Evangelista. Ha dato alle stampe per Historica Edizioni “Matera. Vite scavate nella roccia” e “Matera Capitale. Vite scavate nella roccia”; come il saggio pubblicato prima per Malatempora e poi per Terra d'Ulivi “Basilicata. Lucania: terra dei boschi bruciati. Guida critica.”. Più i romanzi brevi, per esempio, “Farina di sole” (Senzapatria) e “Frutta, verdura e anime bollite” (Besa), con prefazione di Marino Magliani e “Il crepuscolo degli idioti (Besa). Per le edizioni Il Foglio letterario, i racconti “Sempre dipingo e mi dipingo” e l'antologia poetica “Biamonti. La felicità dei margini. Dalla Lunigiana più grande del mondo”. Per Arduino Sacco Editore “L'amore ai tempi dell'alta velocità”. Per LietoColle, “Dieci brevissime apparizioni (brevi prose poetiche)”. Tra le altre cose, la poesia per Altrimedia Edizioni del libro “Quello che non vedo” (con note critiche di Franco Arminio, Plinio Perilli, Francesco Forlani, Ivan Fedeli, Giuseppe Panella e Massimo Consoli) e il saggio breve “Dalla terra di Pomarico alla Rivoluzione. Vita di Niccola Fiorentino”. Per Edizioni Efesto, “Chiarimenti della gioia”, libro di poesie con illustrazioni di Pietro Gurrado, note critiche di Gisella Blanco e Davide Pugnana. Per WritersEditor, la biografia romanzata “Le strade della lingua. Vita e mente di Nunzio Gregorio Corso”. Per le Edizioni Ensemble, il libro di poesie “L'impianto stellare dei paesi solari”, con prefazione di Gisella Blanco, postfazione di Davide Pugnana e fotografie di Maria Montano. nunziofesta81@gmail.com.

Articoli simili

A scuola con gli animali

“A Scuola con gli Animali”, il nuovo progetto per le scuole liguri

Regione Liguria e Alisa, in collaborazione con l’Associazione Buoncanile ODV, introducono un progetto di zooantropologia …

LiguriaDay