Dolce vita dolce morte Liguria Today copertina magazine

Dolce vita, dolce morte: recensione del romanzo di Giancarlo De Cataldo

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

“Dolce vita, dolce morte” è il nuovo romanzo di Giancarlo De Cataldo edito Rizzoli.

Anni 60. Marcello ha appena trent’anni ed è già una firma conosciuta nella cronaca di costume di un prestigioso quotidiano romano, un appartamento in affitto nel cuore di Roma e una splendida amante. Viene da Rimini lui, ma piano piano si è incastrato bene in quella Roma che è “una specie di giungla, tiepida, tranquilla, dove ci si può nascondere.”

Quando viene chiamato per un’urgenza Marcello si precipita perché magari il sogno di diventare il nuovo Dostoevskij l’aveva ormai abbandonato ma quello di “scrivere bene” andando oltre l’ovvio assolutamente no.
Dolce vita dolce morte Misssparklingbook su Liguria TodayL’urgenza di Marcello si chiama Greta, è un’aspirante attrice ed è lei la vittima.
Ed è stata una sua frequentazione.

Greta è una giovanissima tedesca con diversi sogni nel cassetto che spaziano tra un buon matrimonio e la carriera nel cinema.
La fugace relazione con il giornalista si sviluppa velocemente (e così termina), e nel mentre lui si chiede sovente se l’aria così ingenua della ragazza fosse naturale o una posa.
Una Greta inconsapevole ed incontaminata ma nel contempo ostinata e calcolatrice. Un’antitesi, oppure una contraddizione in un precario equilibrio.
Un tenero agnellino o un’arrampicatrice?

La matassa non si sbroglia. Lui con i suoi demoni, pur se ben celati nella “Roma bene” degli eccessi e dei sogni che lascia solo interrogativi. Greta scompare, lui in parte anche. Ma con discrezione.

Gli anni si sgretolano veloci e fagocitanti. Roma sfreccia sullo sfondo come una cornice non sempre perfettamente smaltata mentre il passato non allenta mai la morsa.

In “Dolce vita, dolce morte”, ispirato a un inestricabile cold case degli anni Sessanta, l’autore ci offre un romanzo snello e accattivante che con una scrittura agile cattura e appassiona. E soprattutto ci regala un protagonista che trasversalmente percorre tutta la sua vita e che girerà sempre intorno a quei primi inscienti anni di spensieratezza, quelli della Roma bella e della dolce vita, che di dolce sul fondo ha però solo lasciato un pungente ricordo.

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Barbara Aversa | Missparklingbooks

Avatar photo
Insegnante, bookinfluencer e scrittrice, da sempre impegnata nell'ambito giornalistico e come content creator. Barbara Aversa, nota sui social come Missparklingbooks, ha pubblicato diversi racconti per riviste noir, thriller e non solo, ed è stata vincitrice del premio metropolitano di Roma. La figlia della lupa è il suo primo romanzo.

Articoli simili

La vita inizia quando smetti di lavorare su LiguriaDay

La vita inizia quando smetti di lavorare: un romanzo di Raphaëlle Giordano

“La vita inizia quando smetti di lavorare” di Raphaëlle Giordano è un romanzo vibrante ed …

LiguriaDay