Maternità Ospedale Villa Scassi
Reparto neonatale del Villa Scassi di Genova

Maternità del Villa Scassi: record di nascite nel weekend ma si rischia la chiusura

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

La Maternità dell’ospedale Villa Scassi di San Pier d’Arena, facente parte dal 2008 della rete ospedaliera dell’Asl 3 genovese, di cui costituisce l’hub, punto di riferimento per gli altri ospedali del Centro-Ponente, parte più popolare e popolosa dell’area metropolitana (un bacino di utenza stimato in 350.000 abitanti), negli ultimi giorni è venuta alla ribalta della cronaca per news contrastanti.

Anzitutto, tra giovedì 11 novembre e venerdì 12, grazie al super-lavoro della sua sperimentata équipe medica, infermieristica e ostetrica, guidata da quasi 18 anni dal professor Gabriele Vallerino (68 anni, decano dei Primari dell’Asl), ha registrato una performance da record: otto parti in ventiquattro ore.

L’affiatata équipe si è prodigata come sempre. Un’équipe che annovera esperte ostetriche, guidate da Graziella Marando. E che sta ora seguendo con assiduità le puerpere, oltre a continuare il proprio servizio senza orari in sala travaglio.

Nelle stesse ore la Regione approvava la bozza del nuovo Piano socio-sanitario, per ora riservata, ma già oggetto di varie indiscrezioni.

La Regione ha precisato che il Piano: “al momento è affidato al confronto politico e successivamente approderà in Giunta per poi passare alla discussione del Consiglio Regionale previa trattazione nella commissione competente. Il documento oggetto del confronto è dunque da ritenersi una bozza e, come tale ancora non definitiva ma passibile di modifichecontiene indicazioni sul futuro assetto socio sanitario della Liguria: lassessorato alla Sanità è al lavoro per garantire una copertura territoriale adeguata che offra il maggiore equilibrio possibile. Pur confermando nel piano la presenza di un punto nascite all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, è in corso, considerate le risorse disponibili, una verifica per poter mantenere anche il punto nascite all’ospedale San Paolo di Savona e, verso Levante, una conseguente localizzazione dell’ulteriore punto nascite all’ospedale Evangelico o in alternativa all’ospedale Villa Scassi”.

Le prospettate chiusure sono determinate dall’esigenza di riequilibrare il numero dei punti nascita oggi presenti a livello regionale che, secondo le valutazioni ministeriali, sarebbero troppi. Sono dieci in tutta la Liguria e dovrebbero scendere a otto, con conseguente soppressione di due Maternità. Nell’area metropolitana di Genova, a fronte di circa 3.200 nascite annue , oggi ne sono operative cinque: oltreché a San Pier d’Arena, al Policlinico San Martino, al Galliera, al Gaslini e a Voltri (quest’ultima gestita dall’Ospedale Evangelico).

Il numero ottimale di parti annui per ciascun punto nascita, ai fini di una efficiente allocazione di risorse e di personale, dovrebbe superare la soglia dei mille interventi. Tuttavia limite  di ‘sopravvivenza’ per una Maternità, secondo le linee-guida attuali, è di 500 parti all’anno.

La Maternità di Villa Scassi ne registra mediamente più di 600.

Si tratta di una unità sanitaria ‘storica’, che riscontra un alto gradimento fra gestanti e neo-mamme. Ed è da sempre un ganglio essenziale di un reparto di Ginecologia e Ostetricia d’eccellenza, oltreché per il personale medico e paramedico che vi opera, anche per le sue dotazioni organizzative, tecnologiche e logistiche.

Il blocco operatorio dedicato è stato ristrutturato nel 2007. Le sale parto sono state interamente rinnovate nel 2015. E, nel 2010, la degenza della Maternità ha ricevuto un restyling approfondito, secondo i canoni alberghieri più avanzati.  Ed è dotata anche di due camere a pagamento (in regime Intramoenia).

Come andrà a finire questa vicenda, che ha destato scalpore a San Pier d’Arena e dintorni?  Si susseguono le prese di posizione a difesa della Maternità dello Scassi, dalle organizzazioni sindacali ai lavoratori che vi operano, dal Municipio Centro-Ovest, presieduto da Michele Colnaghi al battagliero Comitato delle Officine Sampierdarenesi, guidate dall’ex sindacalista Gianfranco Angusti.

Dalle dichiarazioni dell’Assessore regionale alla Sanità, Angelo Gratarola, emerge che non sono state ancora assunte decisioni. La direzione sarà quella di fare ‘rete’ fra ospedali. Un criterio di razionalità che dovrà trovare concrete declinazioni nel prossimo triennio.

Il Piano socio-sanitario deve del resto essere ancora discusso nelle opportune sedi istituzionali.

Marco Bonetti

 

Ti può interessare leggere anche

Lotta ai tumori: si chiude a Genova la “Carovana della Prevenzione”promossa da Autostrade per l’Italia

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Marco Bonetti

Marco Bonetti
Nato a Genova (1961), funzionario e avvocato presso una grande azienda pubblica genovese da troppi decenni, ha sempre parallelamente coltivato la cultura umanistica in varie declinazioni. È redattore, per diletto, dal 1994 del Gazzettino Sampierdarenese, sul quale pubblica mensilmente articoli culturali divulgativi, specie su temi storici e linguistici, soprattutto relativi a Genova e alle altre aree di influenza ligure nel mondo, ma anche su questioni di politica sociale (specialmente in campo sanitario) e di vario genere cronachistico. Appassionato di Enigmistica Classica, collabora come autore alle Riviste specializzate del settore (per abbonati). Dal 2020 collabora con l’Unione Giornalisti e Comunicatori Europei (UJCE), di cui è membro dal 2021, anche come consulente storico e divulgatore. Nel 2021 la sua trattazione "Genovese e monegasco: due tradizioni a confronto" è stata pubblicata negli Atti del XVI Colloquio Internazionale dell'Accademia delle Lingue Dialettali del Principato di Monaco (tenutosi nel 2019). Il 21 settembre 2022 (Giornata mondiale della Pace) l'UJCE gli ha conferito il Premio giornalistico Steli di Pace per la sua attività nel campo della stampa locale.

Articoli simili

A fuoco il palazzo della Fondazione Renzo Piano

A fuoco il palazzo della Fondazione Renzo Piano

Nella notte si è sviluppato un incendio nello stabile che ospita anche la Fondazione Renzo Piano …

LiguriaDay