Approdo sicuro
Approdo sicuro, centro antidiscriminazioni sessuali dell'Arcigay Genova

Approdo Sicuro, apre a Genova il primo centro contro le discriminazioni sessuali

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

GENOVA – “Approdo sicuro” è il primo centro ligure contro le discriminazioni sessuali. Nato a Genova, città dell’accoglienza, degli incroci, degli incontri, il primo servizio della regione Liguria pensato e costruito “contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere“, finanziato dall’Ufficio antidiscriminazioni razziali (Unar) del dipartimento Pari Opportunità presso la presidenza del Consiglio dei Ministri è attivo da pochi mesi.

Approdo sicuro” è una struttura che, a titolo gratuito, garantisce alle persone Lgbtqia+ assistenza legale, sanitaria, psicologica, di mediazione sociale alle vittime di discriminazione o violenza in ragione dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere.

Sono comprese – spiegano dal centro pubblico – le persone allontanate da casa, le vittime di violenza familiare ed in generale le persone Lgbtqia+, compresi migranti Lgbtqia+, in stato di vulnerabilità, con il preciso obiettivo di realizzare specifici percorsi per il loro inserimento sociale e lavorativo, indipendentemente dal luogo di residenza“.

Il Centro Approdo Sicuro si trova nella sede di Arcigay in via del Lagaccio 92R a Genova, con i seguenti orari: tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00; i pomeriggi di martedì, giovedì e sabato dalle ore 14:00 alle ore 18:00.

Partner del centro sono diverse realtà cittadine e liguri in genere: Aied Genova, Anlaids Liguria, Il Cerchio delle Relazioni, Cipm Liguria, Centro per Non Subire Violenza Onlus (da U.d.i.), Movimento Imperiese Arcobaleno – Comitato Territoriale Arcigay Imperia, Apertamente – Comitato Territoriale Arcigay Savona, Uil Liguria, Fondazione Centro di Solidarietà Bianca Costa Bozzo Onlus (Ceis Genova), La Casa nel Parco Ets, Centro Studi Medì.

Approdo Sicuro: più di uno sportello per cittadine e cittadini in difficoltà.

Il Centro da alcuni mesi, come da tempo accadeva in alcune altre città italiane, offre diverse possibilità di accoglienza, in forma multipla e diversa. Questo nuovo spazio sociale ligure va ad incrementare le possibilità di aiuto dopo quello offerto dal primo ascolto garantito dai vari servizi di assistenza soprattutto telefonica perché, dopo anni che in numeri sono rappresentati da diverse centinaia di segnalazioni di situazioni di difficoltà raccolte dall’Arcigay, lo sportello è pensato quale presidio fisico per chi denuncia di essere vittima di discriminazioni di questo tipo. A Genova vengono accolte le richieste di aiuto, per fare un esempio, di persone che dai luoghi di provincia sono costrette a scappare verso la città del Porto Antico.

Per i minori, soprattutto, fare coming out può essere un dramma. Continua a essere difficoltoso, nonostante miglioramenti registrati in questi anni. Ma l’apertura del Centro Approdo Sicuro è parte di un percorso lontano, e quindi specie per questa ragione riesce a modellarsi con i tanti casi uguali e diversi davanti ai quali operatrici e operatori si trovano di fronte.

Il progetto adesso è finanziato dallo Stato per un anno. Ed è il punto al momento più visibile di una storia cominciata una ventina di anni or sono, quando il qui compianto don Andrea Gallo era al fianco di attiviste e attivisti che quotidianamente si battono contro ogni forma di discriminazione.

NUNZIO FESTA

Può interessarti leggere anche

Trionfo Rolli Days d’autunno 2022: in 70 mila a Genova per l’evento

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Nunzio Festa

Avatar photo
Nato a Matera, ha vissuto in Lucania, a Pomarico, poi in Lunigiana e Liguria, adesso vive in Romagna. Giornalista, poeta, scrittore. Collabora con LiguriaDay, L'Eco della Lunigiana, Città della Spezia, La Voce Apuana e d'altri spazi cartacei e telematici, tra i quali Books and other sorrows di Francesca Mazzucato, RadioA, RadioPoetanza e il Bollettino del Centro Lunigianese di Studi Danteschi; tra le altre cose, ha pubblicato articoli, poesie e racconti su diverse giornali, riviste e in varie antologie fra le quali: Focus-In, Liberazione, Mondo Basilicata, Civiltà Appennino, Il Quotidiano del Sud, Il Resto. Per i Quaderni del Bardo ha pubblicato “Matera dei margini. Capitale Europea della Cultura 2019” e “Lucania senza santi. Poesia e narrativa dalla Basilicata”, oltre agli e-book su Scotellaro, Infantino e Mazzarone e sulle origini lucane di Lucio Antonio Vivaldi; più la raccolta poetica “Spariamo ai mandanti”, contenenti note di lettura d'Alessandra Peluso, Giovanna Giolla e Daìta Martinez e la raccolta poetica “Anatomia dello strazzo. D'inciampi e altri sospiri”, prefazione di Francesco Forlani, postfazione di Gisella Blanco e nota di Chiara Evangelista. Ha dato alle stampe per Historica Edizioni “Matera. Vite scavate nella roccia” e “Matera Capitale. Vite scavate nella roccia”; come il saggio pubblicato prima per Malatempora e poi per Terra d'Ulivi “Basilicata. Lucania: terra dei boschi bruciati. Guida critica.”. Più i romanzi brevi, per esempio, “Farina di sole” (Senzapatria) e “Frutta, verdura e anime bollite” (Besa), con prefazione di Marino Magliani e “Il crepuscolo degli idioti (Besa). Per le edizioni Il Foglio letterario, i racconti “Sempre dipingo e mi dipingo” e l'antologia poetica “Biamonti. La felicità dei margini. Dalla Lunigiana più grande del mondo”. Per Arduino Sacco Editore “L'amore ai tempi dell'alta velocità”. Per LietoColle, “Dieci brevissime apparizioni (brevi prose poetiche)”. Tra le altre cose, la poesia per Altrimedia Edizioni del libro “Quello che non vedo” (con note critiche di Franco Arminio, Plinio Perilli, Francesco Forlani, Ivan Fedeli, Giuseppe Panella e Massimo Consoli) e il saggio breve “Dalla terra di Pomarico alla Rivoluzione. Vita di Niccola Fiorentino”. Per Edizioni Efesto, “Chiarimenti della gioia”, libro di poesie con illustrazioni di Pietro Gurrado, note critiche di Gisella Blanco e Davide Pugnana. Per WritersEditor, la biografia romanzata “Le strade della lingua. Vita e mente di Nunzio Gregorio Corso”. Per le Edizioni Ensemble, il libro di poesie “L'impianto stellare dei paesi solari”, con prefazione di Gisella Blanco, postfazione di Davide Pugnana e fotografie di Maria Montano. nunziofesta81@gmail.com.

Articoli simili

Rapina in centro storico, arrestati i presunti colpevoli

#rapina, #centrostorico, #genova, #polizziadistato, #criminalità La Polizia di Stato ha arrestato tre giovani, di cui …

LiguriaDay