Bocca di Magra (Ameglia, La Spezia)

Parcheggiare al mare: sempre più difficile e costoso

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Bocca di Magra è una delle mete turistiche più note della Liguria. Ma parcheggiare in questo lembo ligure protetto dalle Apuane e dal Monastero del Corvo, fra il Mar Ligure ed il Mar Tirreno, una spiaggia amata dagli anni Cinqua e Sessanta del Novecento dal fior fiore della cultura italiana, è sempre più difficile, soprattutto costoso.

Già da alcune settimane, non a caso, sui social come sui giornali cartacei divese cittadine e cittadini della zona, quelle persone che d’estate spesso arrivano a Bocca di Magra per passare al mare le loro giornate, iniziano a lamentarsi della situazione dei parcheggi. In effetti forse innanzitutto trovare un parcheggio sicuro a Bocca di Magra è molto difficile. Specie quando si decide di non pagare. In più, nei giorni scorsi, un’altra polemica è montata fra Comune di Ameglia e Marinella spa. Da quando il Tar (Tribunale amministrativo) di Genova ha emesso una sentenza favorevole alla società Marinella, proprietaria delle aree adibite a parcheggio da diversi anni date in concessione d’uso al Comune di Ameglia, accogliendo la richiesta di sospensione cautelare degli atti con cui il consiglio comunale aveva deliberato il 18 aprile una “acquisizione sanante”.

In buona sostanza il Comune si è unito al mugugno con una nota molto polemica: “La proprietà ha iniziato a far pagare 6 euro giornalieri – si legge nella nota dell’Amministrazione comunale d’Ameglia -. In attesa dell’udienza di merito fissata per il prossimo 4 ottobre – si apprendeva ancora – il nostro legale aveva contattato il legale della società in liquidazione per proporre un accordo transitorio che consentisse di evitare disagi per la stagione estiva. Siamo sinceramente dispiaciuti per il disagio arrecato, ma quello che possiamo garantire è che da sempre questa Amministrazione ha tentato di avere un’interlocuzione costruttiva e rispettosa con i vari liquidatori che si sono succeduti nella società senza purtroppo aver riscontrato, quanto meno nell’ultimo anno e mezzo, lo stesso atteggiamento da parte loro”.

La risposta di Marinella spa non si è fatta attendere. I residenti sono esentati dal pagamento. E la tarifatta tornerà ad essere oraria appena sarà ripristinato il funzionamento delle macchinette delle emissioni dei ticket.

Il problema rimane. Anzi restano più di uno. E sono adesso soprattutto dei non residenti, insomma anche chi abita a Sarzana o a La Spezia, per fare un esempio, che oltre a girare ore per trovare un parcheggio libero, devono necessariamente pagare. Se non disposti o costretti a parcheggiare lungo la strada statale 432.

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

LiguriaDay