Notte romana dei musei

La notte romana dei musei

Condividi su
Tempo di lettura: 2 minuti
La febbre del sabato sera dell’arte.

Amici lettori scusateme sè ho fatto ancora n’fori programma e a casa de Balla a Via Oslavia v’ho dato buca pure stà vòrta ma è successo che a Maggio c’è stato n’grande evento e anche se oramai è passato nun posso fanne a meno dè parlavvene. Metteteve comodi che mò vè racconto come è andata, n’tanto vè offro n’ber caffè, la crostata dè nonna e pure er gelato. Voi direte, sì vabbè ma n’dò stanno tutte stè belle cose? Abbiate fiducia e cò la fantasia venite appresso a me.

N’zomma è stato n’evento datato Sabato 18 Maggio 2024 e sè vè lò racconto adesso fate conto che è come quanno vè capita fra le mani n’giornale vecchio e voi pè la curiosità lo leggete arimanendo sorpresi dè come er tempo vola e dè come è bello aricordasse certe notizzie der passato.

Allora sicuramente n’tanti dè voi a stà nottata dè lì musei aperti cjavrete partecipato e sapete già dè che vè stò a parlà. Sè dà er caso che ogni anno eccezzionalmente a Roma, in Italia e n’tutta Europa n’tanti musei se entra pagando n’bijetto simbolico, a Roma tutto a n’euro, dall’artre parti nun lo sò.

N’zomma pè entrà ner mondo della curtura sè paga n’euro e in arcuni casi manco quello, così io posso dìì dè esse stato direttamente n’testimone dè stà nottata che è cominciata alle ore 20:30, ero n’bona compagnia e n’zieme a tanta artra gente semo annati a Via Ostiense dè fronte all’ex mercati generali n’dove c’è la Centrale Montemartini, la fila era ordinata e le facce della gente erano belle, come entrati nà botta ar còre dè stupore perché prima dè tutto sè semo trovati davanti n’mix dè storia e serenità.

Eh già perché la curtura è sinonimo dè bellezza e l’arte tè rilassa e tè fà n’ammorà alla vita e quanno c’è stà l’arte le brutture della vita sè là fanno addosso. Sì poi cè metti pure che la centrale Montemartini è n’esempio dè archeologgia industriale n’dò vedi er lavoro e l’ingegno umano tutto fatto a mano ar servizzio der popolo e dell’umanità n’tera, tutti noi fji der futuro sè stavamo a chiede ma come avranno fatto? Domanda a divve la verità n’pò banale e allora che dovessimo da dìì der Colosseo e della Cappella Sistina e qui mè fermo perché l’elenco capirete è assai lungo?

E allora nà vorta entrati, seguendo er percorso fra nà statua, n’mosaico, nà pavimentazione, reperti vari aritrovati nelli scavi dè Roma dell’’800 tutto memorandum della Roma n’periale, fra l’imponenza della centrale e dè tutta la struttura voluta dà n’gegneri n’gegnosi e dè coscenza, a n’ora pre fissata come da programma c’era a quella che nà vorta era la sala macchine nà performance artistica assai coinvolgente “Take me up, take higher“, curata dar coreografo Enzo Cosimi, gli straordinari ballerini, Pablo Tapia Leyton, Luca Della Corte, Nunzia Picciallo e Giulia Pirandello sulle musiche di Chris Watson e dei Daft Punk.

Artisti danzanti dai corpi armoniosi n’movimento cò nà colonna sonora prima lenta e poi n’crescendo, n’cessante, sè volete pure assai vibrante e tè spettatore che stavi lì saresti voluto annà ad abbraccià lì ballerini che recitando senza voce parlavano cor corpo er linguaggio della danza.

Finita la performance la gente sè sentiva piena d’amore e dè energia, tutto questo a cura dell’Associazione Culturale Compagnia di danza Enzo Cosimi, ma nun era mica finita perché sempre ad orario nella sala der treno dè Pio IX, chiamata così perché là dentro sò stati messi tre vagoni storici der pontefice urtimo papa prima dè la breccia a Porta Pia, che quasi pè magia ha fatto dà scenografia a “Moricone oltre la pellicola. Un viaggio sonoro nella lingua italiana.

Uno spettacolo condotto dà nà voce narrante e recitante di Luca Mascolo che dopo la sua voce affascinante ha lasciato spazio alle note der quartetto d’archi composto da Alessandro Cedrone (violino I), Gizem Ayture Cedrone (violino II), Marco Palmigiani (viola) e Donato Cedrone (violoncello) sulle musiche dè Ennio Morricone. Mamma mia che emozione, tutti i presenti davanti a loro rapiti dalla bellezza dè quella voce che parlava dè lì mejo pezzi pregiati della nostra letteratura accompagnata dà quer mito che ha musicato scene da film immortali pè nun esse mai dimenticate.

Questo spettacolo è stato curato dall’associazione Clivis Aps e alla fine sò stati applausi pè tutti. Nell’occhi dè la gente sè leggeva la contentezza dè avè avuto st’opportunità, nà nottata libera da pensieri oscuri e illuminata dall’arte, dalla danza e dalla musica che ricongiunge l’anima nostra ar miracolo che è stà vita sù stà tera tanto martrattata.

E per finire, dato che la notte giovane ancora era ner percorso museale, c’era er tempo dè dà n’occhiata a nà mostra fotografica intitolata “Architetture inabitabili” nà carrellata dè immagini, scatti d’artista n’portanti; vè nè cito quarcuno a caso, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Marzia Migliora, Paolo di Paolo, Steve McCurry, Mark Power, Paolo Rosselli. Cè nè sarebbero pure artri ma lascio a voi la sorpresa e la curiosità sè cè sarà n’artra opportunità dè arivedelli.

Ah! Mè stavo a dimenticà, le foto n’mostra che mostravano? Luoghi sparsi pè la bella Italia, architetture inabitabili dè fatto ma n’dove la mano creativa era presente e credèteme stà mostra fotografica all’interno della Centrale Montemartini è stata la ciliegina sulla torta.

Poi quanno è stata l’ora dè tornà a casa, fòri dall’ingresso c’era ancora gente n’fila che aspettava er turno; ma che bellezza vedè tanta gente affamata dè curtura, tanta gente bisognosa dè assaporà quarcosa dè diverso dalla vita sbiadita e drammatica raccontata tutti i giorni dar telegiornale.

Quella gente n’fila n’quella notte romana cjaveva fame dè arte e cose belle che er giorno appresso chiuso er museo sarebbe stato solo n’ber ricordo e allora ben venga stà febbre der sabato sera dell’arte, ammalamose dè tutto cjò che fà bene alla vista e all’anima nostra, stà fame che cjà la gente aspetta che quarcuno la inviti a tavola nun solo nà vorta all’anno ma cò n’pò dè inventiva trovi er modo dè pjà sottobraccio st’affamati e sazzialli come Dio comanna.

Amici lettori dè Liguria Day ar momento che state a legge stà cronaca mia dè nà notte da favola ar museo stamo quasi ner mese dè Giugno. L’Estate è a n’passo, l’evento è ormai passato e proprio per questo vè lò propongo a scoppio ritardato così potrebbe esse più facile accende la memoria pè nun dimenticà che la curtura nun deve esse pè tutti occasionale ma vitale tutto l’anno.

Mò che chiudo er pezzo e spero che er Dio dell’artisti mè dia nà mano a portavve finarmente la prossima volta a pjà er caffè a casa dè Balla a Via Oslavia, e visto che cjavete avuto nà gran pazzienza, vè prometto che quello che scriverò sarà troppo forte e n’sacco bello (omaggio a Carlo Verdone).

Le tre photo dei musicisti sono tratte dal profilo Facebook di Luca Mascolo, le altre sono di proprietà di Walter Festuccia.

Ti può interessare leggere anche

In’side Art: Disconnessioni Contemporanee

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

concerto mostra Monet Genova La Regione conferma il suo sostegno alle istituzioni culturali liguri

La Regione conferma il suo sostegno alle istituzioni culturali liguri

Nella seduta di Giunta di ieri, Regione Liguria ha confermato il suo appoggio in favore …

LiguriaDay