Angie Macrì

In’side Art: Angie Macrì

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Genesi, un’opera da vivere e toccare con la propria anima

Amici lettori eccoci tornati ad occuparci di artisti che con le loro opere colorano e allietano questa nostra esistenza sbiadita dagli eventi del momento.

Noi di Liguria Day, come ricercatori di bellezza, giriamo in lungo e in largo per accontentarvi, e oggi abbiamo scoperto per voi una bravissima artista Ligure dall’energia espressiva straripante e coinvolgente. Un’artista che è talmente artista da poterglielo leggere negli occhi: il suo nome è Mariangela Macrì e la sua firma d’autore è Angie Macrì.

Nata ad Albisola Superiore (SV) nel 1964 sotto il segno dello Scorpione, che la rende un’artista onesta, volitiva, generosa nonché una vera forza della natura, sin da bambina riceve l’imprinting per cui la sua arte è stata inevitabilmente da sempre caratterizzata da una grande curiosità e spirito di ricerca verso ogni forma espressiva. Un percorso che l’ha portata a cercare immagini giuste nello scatto di una fotografia, a recitare in teatro, ad appassionarsi alla musica, alla scultura, al mondo del riciclo che utilizza materiali vari da trasformare in arte.

Tutto ciò che è in natura è la più bella opera d’arte che si possa avere e proprio per questo Angie ha un’anima artistica a 360 gradi e il suo mantra è “lavorare la materia come un artigiano, dipingere con le tonalità tipiche di un poeta e sperimentare sempre“.

Angie Macrì ha mostrato e continua a mostrare le sue opere intervenendo pubblicamente in eventi personali e collettivi ricevendo premi e riconoscimenti; ma c’è un altro particolare che fa di lei un’artista speciale: c’è una foto di un suo profilo social di lei sorridente con le braccia aperte.

Che significa? Le sue braccia aperte sono rivolte alla gente; Angie ama la convivialità, rifugge l’isolamento. Non si è fatta ritrarre seduta, pensante, in solitaria attesa, immobile; ma bensì con le braccia aperte con un salto pronta al confronto, pronta alla condivisione positiva e costruttiva, pronta ad abbracciare e stringere mani guardando con un sorriso negli occhi chi osserva curioso la sua arte. Angie non è un lupo solitario e ciò fa di lei una vera artista.

L’opera che andremo a descrivere è “Genesi” un’opera realizzata nel 2019 con acrilici su un supporto in pvc nel formato 30×40.

Ancora una volta voglio isolarmi dal titolo e mettermi nei panni di chi per la prima volta si pone di fronte a questo dipinto.

“Genesi” di Angie Macrì

In esso vedo una grande massa materica che ribolle e si dipana di passione ed energia. Non c’è staticità e con i miei occhi navigo al suo interno attratto da una forza che diventa ritmo, musica da vedere e da ascoltare con la propria anima. Vedo movimento, qualcosa che nasce. Nulla muore del tutto, tutto si fonde in un armonia ed un equilibrio pazzesco.

Nel dipinto ci sono varie macchie in bianco che sfuggono da tutte le sfumature in blu del resto dell’opera. Un bianco candido che si intona perfettamente e che dona una grande atmosfera a tutto lo spazio dimostrando la bravura e il gran senso estetico di Angie.

Il formato non è extralarge ma non lo dà a vedere perché il suo movimento cosmico sembra uscire dal perimetro del supporto. Per andare dove? Per andare dove la fantasia non ha confini e Angie Macrì vuole prenderci per mano e accompagnarci, come l’ho definito prima, fuori da questa nostra esistenza sbiadita. E per quanto riguarda il sottoscritto direi che ci è riuscita benissimo.

Angie Macrì parteciperà con quest’opera alla prossima collettivaArtisti a confronto” a cura dell’Associazione Culturale Varaggio Art che si svolgerà dal 27 Maggio al 2 Giugno 2024 presso Sala Leone – Lungomare E. Montale in Albisola capo (SV). Sarà sicuramente una bella occasione per ammirare dal vivo quest’opera e i tanti altri artisti presenti alla mostra.

Ora, come nostra consuetudine, vi propongo di ammirare l’arte di Angie Macrì ascoltando Lucio Battisti – IL Nostro Caro Angelo, sottofondo ideale per l‘arte di questa brava artista savonese.

Amici lettori, noi ci rivediamo prossimamente non con uno ma con ben sette artisti nuovi, ciascuno con un proprio linguaggio, ciascuno con una propria anima ma tutti uniti in una missione d’amore per l’arte.

Ti può interessare leggere anche

In’side Art: Patrizia De Benedetti

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

Agroalimentare Liguria Fiera New York

Agroalimentare, la Liguria presente alla fiera a New York

Fino al 25 giugno le eccellenze della regione alla più grande fiera del comparto agroalimentare …

LiguriaDay