Cy Twombly
Cy Twombly - Foto di Alex Cooper Auctioneers

Nà passeggiata n’Vespa cò Cy Twombly

Condividi su
Tempo di lettura: 3 minuti

Sarà pure Primavera ma amici lettori questa stagione calda, fredda, pioggia e sole che si alternano sembra proprio pazza; non era Marzo che era il mese notoriamente pazzarello?

E’ meglio non farci troppo caso. Seguitemi in garage per salire in sella alla nostra Vespa sidecar preferita, salutiamo Luca e tutto lo staff che per questo nuovo appuntamento ce l’hanno messa a punto e andiamo a scoprire chi incontreremo oggi. Siete curiosi? Si tratta di….

CY TWOMBLY

Cy Twombly (Lexington, 25 Aprile 1928 – Roma, 5 Luglio 2011)

Ancora un predestinato dell’arte. Sin da bambino disegnare è stato il suo gioco preferito, crescendo e studiando arte ha modellato la propria personalità e il resto lo ha confezionato il fato attraverso gli incontri che gli hanno permesso di valorizzarsi.

Nel 1951 la sua prima mostra personale a New York, poi grazie ad una borsa di studio del Virginia Museum of Fine Arts l’anno seguente viaggia in Europa e in Africa dove si innamora del mondo antico.

Al suo ritorno presta servizio militare specializzandosi come crittologo nella decifrazione delle comunicazioni in codice. Grazie a questa esperienza la scrittura diventa per lui un linguaggio da astrarre e far diventare arte, la sua arte, da cui nessuno ha mai cercato di prendere spunto.

Nel 1957, in un viaggio a Roma, conosce un’artista italiana, la nobile Tatiana Franchetti, con la quale si sposerà due anni dopo. Twombly si trasferirà quindi in Italia per mezzo secolo e il mondo classico con i suoi miti sarà sempre il suo pane quotidiano. Trascorrerà gran parte della sua vita tra Roma, Gaeta e Bassano in Teverina.

La sua arte, in apparenza discutibile eppure geniale, ha lasciato un’impronta importante in tutta l’arte moderna. L’artista ci lascia il 5 Luglio 2011 e le sue ceneri oggi riposano nella chiesa di Santa Maria in Valicella a Roma.

Nà passeggiata n’Vespa cò Cy Twombly

Amici lettori solo un minuto che devo fare una telefonata importante.

-Pronto Rosella

-Ciao Walterino dimmi.

-Ecco scusami cjavemo avuto n’cambiamento dè programma. Nun annamo più a pjà er caffè cò Alberto Burri a casa dè Balla perché er portiere sè n’è annato a fà er cammino dè Santiago dè Compostela e sè portato via le chiavi dell’appartamento. Se nè riparla tra n’mese.

-Ah! Va bene pazienza e allora adesso n’dò vai?

-Vado a pjà Cy Towmbly e lo porto ar cimitero acattolico a Testaccio.

-Bravo e allora aricordate dè portà la pappa ai gatti e dè mette n’mazzetto dè margheritine alla tomba der gatto Romeo.

-D’accordo cè penzo io, stai tranquilla.

-Cò tè mica tanto, comunque ci risentiamo eh! Senti a che punto stà la fiat 500 pè Ray?

-Manca poco e sèmo pronti, anche Ray mè chiama sempre pè avè notizie. Adesso famme annà che Cy s’encazza.

-Ciao bello e oltre la pappa nun tè dimenticà l’obolo all’ingresso.

-Mè sò scritto tutto sù n’fojetto, nun tè preoccupà.

E così pè nun dimenticamme le commissioni dè Rosella, metto er memorandum dentro ar taschino e dè corsa vado n’garage dà Luca, pjo ar volo la Vespa sidecar, faccio n’sarto dà n’amico a S. Paolo e poi ecchime puntuale a n’contramme cor grande artista Americano Cy Twombly.

Ciao Walterino bella giornata oggi a Roma eh!

-Eh sì! Cjà detto bene perché er mese scorso freddo e pioggia più nun posso.

-Senti n’pò ma lui chi è?

-Ah! scusa mò tè lò presento è Augusto Pinto n’amico mio.

-Eh! Vabbè ma perché è vestito cò stà majetta a righe? Ma per caso è n’carcerato scappato dà Regina Coeli?

-Ma no, siccome è tifoso Interista e siccome hanno appena vinto er campionato dar derby cor Milan nun sè l’è più levata. Cy lò sai che Augustarello è uno scrittore?

-Veramente cò quella faccia nun sè direbbe, sembra troppo simpatico, dè solito lì scrittori sò musoni, tristi, seri, compassati e n’vece st’amico tuo cjà la faccia quasi dà comico. Senti n’pò cjai mai penzato a fà teatro?

Io e Augusto semo rimasti senza fiato. Twombly cjà nà personalità e n’carisma fenomenale, lo guardi e tè mette soggezione ma adesso stamo n’ballo e ballamo. Stamo pè mettese n’marcia e n’dò annamo vè lò dimo dopo.

-Maestro la prego salga a bordo che annamo a destinazione, n’tanto che s’avviamo parlamo dè arte e pure dè quàrcos’artro.

-Walterino cè lò sò che tu voresti dimme quarcosa ma pensi che poi m’offenno, m’encazzo e dalla Vespa scenno. Tranquillo daje, damme der “tu” e tira fori er rospo.

-Cy ha ragione, vorei ditte nà cosa che chi sà n’quanti te l’hanno già detta.

-Daje dilla che cjò la risposta pronta.

-Mì nipote fà lì scarabocchi mejo dè te (amici lettori nun è vero lò stò solo a pjà per culo, pè scherzo lò vojo provocà pè fallo n’cazzà, m’ariccomanno reggeteme er gioco e nun famòse scoprì).

-A parte er fatto che tù nipote cjà due anni e mezzo e nun cè credo che è brava più dè mè, mò tè spiego com’è la questione, stateme tutti a sentìì… Ma vè pare che quanno lavoravo nun mè rennevo conto dè lì rischi che corevo? Ma vè pare che nun m’aspettavo dè sentìì da tutti la stessa filastrocca? “Quello lo fanno anche i bambini”. A quer tempo amici mia l’arte moderna era n’corniciata dentro uno schema astratto, per carità tanto bello, tanto affascinante, pure sì volete tanto eccitante e accetto pure che era bella ma sempre dè nò schema sè trattava. Così io ho voluto come n’pazzo annà contro corente pitturando come n’regazzino, libero ner core e nella mente. Io ero n’fighetto, lò ammetto, ma quanno pitturavo mè trasformavo, nun ero più mè stesso ero aria, ero mare, ero la storia ero tutta l’anima dè lì mòr….

-Cy fermati tè prego altrimenti la redazione mè caccia via, stavo a scherzà, volevo solo fatte n’cazzà, fatte sfogà perché sò sicuro che a nessuno hai mai parlato così apertamente cò chiarezza e tanta foga.

-Walterino ma allora sei pure n’gran fjo dè nà mign..

-Maestro lo perdoni nun è corpa sua ma della fantasia.

-Augustarè cjai ragione pure te, la fantasia è nà cosa che nun deve mai mancà. Pure sì venisse la mejo n’telligenza artificiale, la fantasia nun deve mai mancà. Allora che dè fronte a nà grande tela bianca davanti a te sè apre un orizzonte n’dove te cè butti a pesce, e lo ammetto er principale godimento era er mio e nun pensavo mica a chi dopo l’avrebbe visto finito. Dè lui o lei sinceramente nun mè nè fregava n’cà…Lò ammetto ortre che fighetto sò stato pure n’pò egoista ma sè mè fossi comportato diverzamente nun sarebbe stata la stessa cosa.

Foto di Wikipedia

-Cy ci racconti tecnicamente come realizzavi lè tue grandi opere?

-Prima dè tutto, tutto avveniva senza paura. La sensazione del vuoto n’teoria n’pò tè n’quieta ma dura poco perché chiami n’amico, “daje famme montà a cavacecio e cominciamo”. Dentro dè mè cjavevo n’ritmo musicale, nà melodia n’visibile che mè guidava mani e braccia in armonia. Pè fortuna ero smilzo e sulle spalle nun pesavo, ero svelto ner disegno e la grafia esciva fori che era nà bellezza. Nà vorta ho pure penzato pè fà nà cosa nova, dè famme montà n’imbragatura e cò n’carello lavorà sulla tela messa n’basso e io n’arto come n’angioletto, ma cè voleva troppo e così lassammo perde. Ma come idea nun era male. Lo sai che lò vista fà a n’firm, lò hai visto “Er grande Lebowsky” ?

-Sì e potemo dìì che è n’quarcosa che t’assomja. Quer firm all’inizio nun è stato capito ma dopo tutti sè sò accorti che era geniale.

-E dopo che sei morto è ancora mejo!

-Maestro je là posso fà pure io nà domanna?

-Daje Augustarè!

-Perchè la passione sua pè lì miti classici?

-Anche sè nun sè vede io sò n’romanticone. Mè piace la robba vecchia perché cjà n’sapore dè vissuto. La storia der monno deve tanto alla Grecia e a lì Romani; quelli pure senza la televisione, le automobili e, dimola tutta pure senza l’intelligenza artificiale, della vita avevano capito tutto. Ed io come artista dovevo solo dà trasformalla a modo mio omo der tempo mio trasportato ner futuro testimone dè quarcosa che andrebbe amata e mai dimenticata, oh! A proposito ma n’dò mè state a portà che ancora nun l’ho capito?

-Stamo annà a Testaccio, dietro la Piramide cè stà er cimitero acattolico. Sè famo nà passeggiata ner silenzio, finimo stà chiacchierata e svolgo n’compito che m’ha lassato Rosella.

-Bravo ma lo sai che nun cè sò ito mai? E’ stato sempre pè corpa dè mìì moje che mè diceva “Cy vabbè che tè piace a robba vecchia ma lì n’fonno è solo robba dell’800

Cimitero acattolico di Roma – Foto di Wikipedia

E così ora con la nostra bella Vespetta sidecar eccoci all’ingresso der cimitero.

-Ragazzi semo arivati ma qui nun sè pò parcheggià, come se fà?

-E’ facile chiedendo er permesso entramo dentro cò tutte le rote. Cè l’hai er tesserino dà giornalista?

-No

-E la moneta? La pecunia? Er dollaro?

-Neanche.

-Augustarè e tè come stai messo?

-Cjò n’santino cò Federico Fellini, uno cò Verdone e uno cò Totò sottobraccio a Peppino De Filippo.

-Cò quelli manco ar cinema parrocchiale tè fanno entrà. Vabbè ho capito cè penzo io.

Cy Towmbly si avvicina all’ingresso der cimitero e alla persona addetta je fà così.

-Good morning, mè scusi dovemo dà porta lè sigarette ad Andrea Cammilleri, n’caffè ad Antonio Gramsci, n’paio dè scarpe comode a Lindsay Kemp e n’chilo dè liquirizzia a Gregory Corso che se là smezza cò Shelley e Keats. N’più pappa pè tutti li gatti e n’mazzetto de fiori per gatto Romeo, pè tutti l’artri pjamo nota pè la prossima vòrta. Allora che famo? C’è fate entrà cò la Vespetta?

-Signore mio nun sè potrebbe ma sì vè cjanno mannato vordì che potete entrà. Oh! m’ariccomanno nun fate rumore e magara entrate a spinta. Prima però sì cjavete quarche spiccio metteteli ner bussolotto che er piatto piagne.

E così i nostri tre protagonisti dè stà storia fantasiosa entrano ner cimitero Acattolico dè Roma, n’luogo n’dove tanta gente venuta dà fora da quasi dùcentanni riposa n’pace e anche se nun sei cattolico quà alla fine sotto tera, bisogna dillo, semo tutti uguali senza distizione e senza pregiudizzi. E n’fatti sulle lapidi manco c’è nà fotografia der defunto, proprio a significare che ner trapasso hai lasciato er corpo ma l’anima sè n’è ita nell’ignoto ma che per chi ha fatto er bene dell’umanità er ricordo arimane nell’eternità. Questo è n’luogo che simboleggia comunque la giustizia e er valore della vita che a vorte sfugge a tanti.

-Allora amici daje, famose n’giretto sì volete dite nà preghiera oppure arimanete n’silenzio riflettendo qui n’fonno dè arte cè nè stà tanta ma nisuno parla e così che và er monno. Oggi sei quarcuno e domani sei solo n’ricordo.

-Oh! E allora dè mè nun dite gnente?

-Mè sembrava strano che nun succedeva quarcosa dè strano!

-Augù, pè mè è stato er gatto Romeo.

-E bravo Cy sè vede proprio che tè sei uno che cjà le conoscenze.

-No, dico ma avete fatto quello che v’ha detto Rosella?

-Romeo nun sè la prenda troppo, quà er tempo s’è fermato e noi piano, piano famo tutto, ma lei è un gatto che dovrebbe da volè bene alli visitatori.

-Certamente e sopratutto quanno porteno da magnà all’artri gatti che stanno qui a fà la guardia.

-La guardia?

-Ma sì, che nun cè lò sapete che quanno nun cè stanno li gatti lì sorci balleno?

E così, Walterino, Cy Twombly e Augustarello lasciano la pappa per tutti i mici, mettono il mazzetto di margheritine davanti alla tomba der gatto Romeo, fanno n’salutino a tutti e poi via anche perché è arivato er momento der commiato.

La tomba del gatto Romeo – foto di Wikipedia

-Amici è ora di ritornare alla base. Allora che ne dite?

-Walterino io t’aringrazzio, n’zieme a voi sò stato bene, mò sì permettete pjo n’taxi e vè saluto.

-E a’ n’dò vai?

-Sò n’deciso sè arimango a Roma oppure sì mè nè vado a Gaeta. Tè che dici?

-Che devi dà annà n’dò tè porta er core e nun tè sbagli. E noi pè nun datte fastidio, t’abbracciamo e se nè annamo.

-Maestro le dispiace sè je regalo “Shoganai” er libbro mio, così mentre aspetta se lò legge?

-Augustarè, damme quà, daje mettemece nà dedica, sei bono a fà nò scarabocchio? Oh! Dicheno che tutti sò bravi a falli!

E così lasciamo Cy Twombly ar suo destino. Io e Augusto Pinto dopo che ha regalato “Shoganai” scarabbocchiandogli nà dedica, salimo n’ Vespa e aritornamo n’garage. Sèmo n’pò tristi perché cè dispiaciuto per gatto Romeo ma semo sicuri che er felino stà n’bona compagnia. Tutto quello che Rosella cjaveva chiesto avemo fatto.

A divve la verità oggi sè semo pure divertiti e speramo che pure voi amici lettori dè Liguria Day cò noi siete stati bene. S’arivedemo a fine mese cò la speranza che er portiere dè Via Oslavia è aritornato, così annamo a casa de Balla.

Questo è er mese delle fragole, amici lettori sè volete vè lè offriremo cò la panna. L’idea vè piace?

Foto di copertina di Alex Cooper Auctioneers.com

Ti può interessare leggere anche

Nà passeggiata n’Vespa cò Giacomo Balla

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

Patrizia De Benedetti

In’side Art: Patrizia De Benedetti

La personale di una giovane artista che colora un mare di mille colori Amici lettori, …

LiguriaDay