Papa Francesco appello pace
Foto di Annett_Klingner da Pixabay

Io stò cor Papa. Una bandiera bianca per salvare l’umanità

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Amici lettori dè Suite Romana, questi sò tempi – nun cè sò dubbi – veramente complicati. Mai nà gioia, n’tutto er mondo tenzione alle stelle,  paura der futuro e la speranza dè n’mondo migliore vacilla sotto le immagini cruente, violente che quotidianamente nun mancano mai. Poi l’artro giorno finarmente nà voce fòri dar coro che speramo scuoterà cuori e coscenze.

Quanto adesso leggerete è nato all’improvviso dopo che n’televisione facendo zapping cor telecomando ho visto er Papa che parlava dè arzà bandiera bianca fra lì stati belligeranti pè fà finì le ostilità. 

Sua Santità parlava cò pacatezza, cò lucidità ed era serio e preoccupato dè quanta gente mòre, sè dispera e ha perso oltre che la vita, la fiducia dè avè n’avvenire come tutti l’artri abitanti sparpagliati per pianeta.

Così er Papa senza tentennamenti ha detto:

E adesso basta, fatela finita, arzate tutti bandiera bianca, fate n’gesto cor còre, ma nun vè ricordate che ogni conflitto è poi finito cò n’accordo? E allora perchè continuà cò stò supplizzio? Fatelo subbito stò arministizzio, alzare bandiera bianca nun è motivo dè vergogna nè dè codardia, forza signori che state ai piani alti n’doppio petto, forza alzatela a braccetto stà bandiera bianca, fatelo n’zieme così farete bella figura ed eviterete altra inutile violenza. Troppa gente innocente è morta e chi arimane soffre le pene dell’inferno e n’tanto er diavolo s’è messo da nà parte e gode.”

Così er Papa seduto sù nà portrona che scottava ha parlato dè coraggio a pjà nà decisione e cò chiarezza ha detto che sulla pace prevale l’interesse.

E allora io stò cor Papa.

Io che sò come tanti n’privileggiato perchè la mattina mè posso pjà n’caffè n’santa pace senza esse bombardato, mè posso lavà er viso perchè cjò acqua n’abbondanza, da magna nun me manca e la libertà è bella pè me che a casa mia nun cè stà la guera, che la vedo solo pè televisone e perciò a mè nun sfiora.

La vita nostra anche se nun è da favola e tutta rose e fiori la potemo vive senza patemi e sopratutto senza paura che domani nà bomba cè sottèra. N’vece pè chi stà n’guera, e sfortunatamente cè lassa pure le penne, la vita è finita e dopo sò cazzi.

Tutti l’artri che jela sfangano nun aspettano artro che la vendetta come soluzzione, avoja a dìì che mò la guera vinceremo. Ma che state a dìì, qui c’è gente che more e che nun ritornerà mai più. E quanno la guera finirà a nà madre che ha perso n’fjo je frega niente dè nà medaja n’petto.

E allora io stò cor Papa, che prega perché arzassero tutti n’zieme stà bandiera bianca.

Io stò cor Papa, pregando n’zieme pè n’miracolo dè vita.

Cè vòle solo nà bandiera bianca pè falla finita e arifà la storia come fratelli ma senza cortelli.

Oggi è 20 Marzo vedremo n’trasmissione l’intervista n’tera der Papa che susciterà consensi e discussione avverse.

Dè sicuro però c’è che nà bandiera bianca è mejo dè la morte e della tragedia umana e chi nun è convinto apra n’libbro dè storia e cjaripensi.

Io sto cor Papa, e vojo vedè la bandiera bianca della pace pè dà speranza all’umanità che è stanca e cerca solo amore nella vita contro chi della pace j’arimbarza.

Ti può interessare leggere anche

Manifestazione pro Palestina a Genova, feriti tre agenti

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Walter Festuccia

Avatar photo
Walter Festuccia, Roma 16 Marzo 1958, diplomato come aiuto scenografo presso il Cine Tv di Via della Vasca Navale di Roma. Artista per natura, artigiano per tradizione, pittore, scrittore. Per il mio stile utilizzato nello scrivere, amo definirmi jazzista della parola, tutto di me è racchiuso in queste definizioni. La mia scrittura, anche se è apparentemente espressa in maniera ironica e demenziale, lascia sempre una finestra aperta oppure un indizio rivolto all'attualità, tutto in un mix di fantasia quasi astratta che diventa con ciò il mio linguaggio espressivo. Come pittore, l'astrazione, l'informalità e l'uso manuale e gestuale della materia sono il mio "io" dentro di me che quando dipinge o scrive si lascia guidare dalla passione e dall'immaginazione attraverso la quale riesco a "vedere" la scena e a "sentire" i dialoghi di ogni mio componimento. Firmo testi e opere come Walter Festuccia oppure Walter Fest.

Articoli simili

Guercino: i capolavori del pittore in mostra a Palazzo Rosso

Sio è aperta oggi, 18 aprile, e sarà visitabile fino al 28 luglio a Palazzo …

LiguriaDay