Terrore a Parigi: attacco vicino alla Tour Eiffel, un morto e due feriti

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Nella serata di sabato, Parigi è stata teatro di un tragico attacco vicino alla Tour Eiffel, che ha portato alla morte di un turista tedesco-filippino di 23 anni e al ferimento di altre due persone, tra cui un cittadino inglese di 66 anni. L’aggressore, identificato come Armand Rajabpour-Miyandoab, un 26enne francese di origine iraniana con problemi psichiatrici, è stato arrestato dalla polizia. L’incidente ha scosso la città e ha rinnovato le preoccupazioni per la sicurezza pubblica.

Il racconto dell’attacco

L’aggressione è avvenuta nei pressi del Ponte di Bir-Hakeim, tra il 15° e il 16° arrondissement di Parigi, poco prima delle 22:00. La vittima è stata trovata in arresto cardiorespiratorio con ferite da coltello alla schiena e alla spalla. Tra le persone ferite c’è anche un inglese di 66 anni, colpito alla testa con un martello mentre passeggiava con la moglie e il figlio lungo Avenue du President e Avenue Kennedy.

Durante il suo arresto, l’aggressore ha minacciato la polizia con un martello e ha gridato “Allah Akbar.” Secondo le autorità, Armand Rajabpour-Miyandoab era schedato per islamismo radicale e aveva già avuto un precedente arresto nel 2016 per un tentativo di attacco. Il ministro dell’Interno francese, Gérard Darmanin, ha dichiarato che l’aggressore soffriva di disturbi psichiatrici ed era stato rilasciato nel 2020, ma continuava a essere monitorato dalle autorità.

La reazione delle autorità

Il primo ministro francese, Elisabeth Borne, ha sottolineato che la Francia non arretrerà davanti al terrorismo e ha elogiato il coraggio delle forze dell’ordine e dei servizi di emergenza. Nel frattempo, il presidente Emmanuel Macron ha inviato le sue condoglianze ai familiari della vittima e ha esortato all’unità europea contro ogni forma di terrorismo.

Il profilo dell’assalitore

Armand Rajabpour-Miyandoab aveva giurato fedeltà all’ISIS, come confermato dal procuratore antiterrorismo francese, Jean-François Ricard. Il killer, convertito all’islam nel 2015, era stato inserito nell’elenco francese per radicalizzazione islamica. Aveva un precedente arresto nel 2016 con una condanna a quattro anni di carcere per la preparazione di un attentato pianificato nel quartiere degli affari La Défense.

Preoccupazioni espresse dalla madre

La madre dell’aggressore aveva esposto le sue preoccupazioni riguardo al comportamento del figlio alla fine di ottobre. Una franco-iraniana di 26 anni, aveva segnalato alle autorità che suo figlio si stava chiudendo in se stesso. Nonostante ciò, l’uomo era stato rilasciato nel 2020 e continuava a essere seguito amministrativamente dalla DGSI.

Condanna internazionale e indagine antiterrorismo

La presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, ha espresso profondo cordoglio alla Francia e ha sottolineato l’importanza dell’unità europea contro il terrorismo. Nel frattempo, la procura di Parigi ha avviato un’indagine sulla polizia criminale per omicidio e tentato omicidio, assegnando l’inchiesta alla procura nazionale antiterrorismo.

L’attacco ha nuovamente evidenziato la necessità di affrontare le sfide legate al terrorismo e alla sicurezza pubblica, sollevando domande sulla gestione di individui radicalizzati con problemi psichiatrici.

Leggi anche: Crisi umanitaria a Gaza: Bombe e razzi, Israele-Hamas nel vortice del conflitto

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Giacomo Marenco

Nasco a Genova il 4\10\1997. Musicista, cantante e scrittore, voglio raccontare il mondo e come si muove, mantenendo sempre, per quanto sia possibile, un occhio privo di preconcetti e pregiudizi.

Articoli simili

Gerard Depardieu accusato ancora di violenze

In un clima di crescente attenzione verso le questioni di violenza sessuale nel mondo dello …

LiguriaDay