Europei 2023 di pallavolo: l’Italia abbatte la Francia e vola in finale
©CONI

Europei 2023 di pallavolo: l’Italia abbatte la Francia e vola in finale

Tempo di lettura: < 1 minuti

L’aver battuto proprio la Francia in semifinale ha reso ancor più dolce l’ultima vittoria degli Azzurri agli Europei 2023 di pallavolo. Con il costante e immancabile sostegno del pubblico accorso al Palazzo dello Sport di Roma, l’Italvolley di mister De Giorgi ha infatti dominato la partita e schiantato i transalpini per 3-0. La prestazione da sogno degli italiani in ogni fondamentale ha permesso loro di conquistare la dodicesima storica finale della storia azzurra, dando continuità alla serie positiva iniziata con il primo posto agli Europei 2021 e proseguita con il trionfo ai Mondiali 2022.

Una menzione d’onore spetta inoltre a Yuri Romanò e Daniele Lavia, autori rispettivamente di 1513 punti. Match decisamente più complicato per i francesi, alle prese con la scarsità di condizione di pilastri come Trevor Clevenot e Earvin N’Gapeth e con un’incapacità generale di “far male” agli avversari. Per questo, mentre alle 21:00 di sabato 16 settembre 2023, i ragazzi di Ferdinando De Giorgi andranno a giocarsi la finale contro la Polonia a Roma, i transalpini proveranno quantomeno a portare a casa il bronzo contro la Slovenia alle 18:00 di domani. Il successo di ieri è dovuto al grande entusiasmo del gruppo e, naturalmente, all’umiltà e agli insegnamenti trasmessi dal mister a ciascuno dei suoi giocatori.

All’inizio di questo percorso le parole che abbiamo usato sono state: umiltà e consapevolezza, l’umiltà è quella che ti porta a giocare punto su punto anche soffrendo, consapevolezza invece è quella, dopo aver vinto mondiale ed europeo, di sapere che abbiamo qualità, dobbiamo avere fiducia nella squadra come valore“, sono state infatti alcune delle dichiarazioni dell’allenatore azzurro nel pre gara, parole di buon auspicio che i suoi ragazzi hanno ripagato al meglio sul campo.

Condividi su

Info Alessandro Gargiulo

Avatar photo
Anacaprese trapiantato prima ad Udine e poi a Genova, coltivo la passione per la scrittura e il giornalismo fin da piccolo. Come un vero e proprio girovago, sono giunto in città per frequentare il corso di Informazione ed Editoria ed inseguire il mio sogno. Autentico malato di calcio, ho la fortuna di poter raccontare lo sport su LiguriaDay. Mix vincente tra Cannavacciuolo e Adani, spero in una carriera in cui potermi occupare soprattutto di calcio femminile.

LiguriaDay