aggressioni linee AMT
Fonte: AMT Genova

AMT: nuovo protocollo di sicurezza per il personale

Condividi su
Tempo di lettura: < 1 minuto

Cabine posto guida isolate, videosorveglianza e intervento Forze dell’Ordine

Misure per il miglioramento della sicurezza del servizio e del personale nel trasporto pubblico locale‘ è il nuovo protocollo siglato da AMT, Città Metropolitana di Genova, Comune di Genova e le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal.

Lo scopo è consolidare una maggiore sicurezza all’interno dei bus sia per i lavoratori che per i viaggiatori.

Così dichiara Claudio Garbarino, consigliere delegato ai Trasporti di Città Metropolitana:

“Riteniamo la sicurezza uno degli aspetti fondamentali tanto per chi lavora quanto per chi viaggia con il trasporto pubblico. Le azioni richiamate in questo Protocollo permettono di migliorare la sicurezza degli spostamenti sull’articolato sistema di AMT che opera su una rete significativa che abbraccia tutta la Città Metropolitana. La tranquillità di viaggiare con i mezzi pubblici è un requisito fondamentale perché il Tpl sia sempre di più un punto di riferimento nella quotidianità dei cittadini”

Cosa prevede il protocollo

Sui mezzi è prevista un’estensione dei sistemi di videosorveglianza.

Sarà poi effettuata un’analisi delle aree più critiche, posizionando ulteriori telecamere anche alle fermate dei bus. Inoltre, sarà implementata la presenza di personale delle Forze dell’Ordine a bordo dei bus e verranno istituiti dei presidi nelle fermate più critiche. Il tutto sempre volto a prevenire situazioni emergenziali o di sicurezza a bordo dei bus.

In particolare con l’inserimento dei nuovi mezzi del progetto 4 Assi, i posti guida saranno più isolati e protetti, affinché i conducenti possano svolgere il lavoro in sicurezza.

Un’altra novità è l’introduzione di una polizza infortuni AMT, integrativa di quella Inail. La nuova polizza prevede la copertura degli infortuni che causano invalidità permanente a seguito, non solo di sinistri ma anche di aggressioni durante l’attività lavorativa.

Inoltre è prevista una polizza per il riconoscimento di una diaria giornaliera (rimborso forfettario spese di trasferta sostenute da un dipendente) da infortunio per il personale.

Garantire sicurezza a lavoratori e a viaggiatori

Commenta la presidente di AMT Ilaria Gavuglio:

“È nostra intenzione impegnarci per continuare a tutelare le condizioni di lavoro del nostro personale e di conseguenza anche la nostra utenza, attraverso azioni e strumenti che aumentino la sicurezza. In questo contesto, la sinergia con Città Metropolitana, Comune di Genova e parti sindacali è di fondamentale importanza; proprio la costante collaborazione tra le parti ha portato alla stipula, nel tempo, di accordi e protocolli a tutela della sicurezza”

Anche l’assessore alla Mobilità del Comune di Genova Matteo Campora sottolinea l’importanza delle nuove misure:

“Con questo protocollo fissiamo obiettivi e modalità condivise su un tema prioritario ovvero la garanzia di ottimali condizioni di sicurezza sia per i lavoratori sia per i viaggiatori. Con il rinnovo del parco mezzi avremo a disposizione dotazioni tecnologiche all’avanguardia, la dotazione di un’area protetta per gli autisti e quindi strumenti che ci consentiranno una sempre maggiore garanzia di tutela di chi viaggia a bordo dei bus”

Campora richiama l’attenzione sul progetto 4 Assi, affermando quanto quest’ultimo potrà influire in positivo sul sistema di trasporti genovese. Tuttavia è bene sottolineare le preoccupazioni che permangono.

Ci potranno essere delle migliorie da un punto di vista tecnico ma si deve garantire anche la sicurezza fisica e psicologica di chi lavora e viaggia sui mezzi, cercando di prevenire ed evitare il più possibile che si creino situazioni di disagio per chiunque.

Per queste ragioni, tra le altre misure contenute nel protocollo, è indicata la presenza di guardie giurate nelle zone considerate a maggior rischio.

Saranno, inoltre, attivati programmi formativi specifici sulla gestione del conflitto, dedicati al personale ADT e VTV di AMT e a tutto il personale front line.

Al personale vittima di aggressione saranno garantiti assistenza e supporto di natura sia legale che psicologica.

Ti può interessare: Caos Amt: tra principi d’incendio e bus che perdono porte, chi garantisce la sicurezza per i cittadini?

Condividi su
MeRcomm.it | posizionamento _ strategie di brand posizionamento SEO realizzazione siti web e-commerce mercomm social media marketing produzione contenuti pianificazione contenuti gestione e sponsorizzazione contenuti mercomm visibilità _ sponsorizzazioni google ADS affissioni, maxischermi e giornali ufficio stampa mercomm contenuti aziendali produzione contenuti blog shooting foto e video graphic e motion design 2D e 3D Liguria-Day-icona-500x500 LiguriaDay _ quotidiano online di mercomm progetti editoriali

Info Althea Amato

Althea Amato
Althea Amato, 26 anni, studentessa universitaria con la passione per i libri e la scrittura. Laureata in Scienze della Comunicazione, attualmente iscritta alla laurea magistrale di Informazione e Editoria. Qui con l'ambizione di trasformare una passione in un futuro lavoro.

Articoli simili

Bonus badante e baby sitter

Bonus badante e baby sitter, in arrivo 7 milioni di euro

Via libera della Regione Liguria allo stanziamento di 7 milioni di euro per il 2024 …

LiguriaDay